Good Night AmericaTrump è la fine della democrazia americana

Il presidente, scrive lo scrittore Gary Shteyngart sul numero in edicola oggi di Linkiesta Paper, è una surreale versione imbellettata di arancione del dittatore bielorusso Lukashenko, è più alto e più grasso di Vladimir Putin, insomma adesso occhio a che cosa potrebbe succedere dopo il voto

Durante il primo dibattito presidenziale, chiamiamolo così, Trump ha chiesto ai Proud Boys, una banda di teppisti violenti e razzisti, di «fermarsi e di restare in attesa». C’è una sola interpretazione possibile: in caso di sconfitta elettorale, Trump vuole attivare questo gruppo, assieme ad altre gang simili e alle forze di polizia a lui fedeli. L’obiettivo? Attaccare i manifestanti pacifici, i giornalisti e chiunque si opponga al regime di Trump. 

Durante il dibattito, è caduto quel che restava della maschera di Trump e tutti abbiamo potuto vedere chi è. Chi è il nostro presidente? È la versione imbellettata d’arancione del bielorusso Lukashenko; è più alto e più grasso di Putin; è la fine della democrazia americana. 

Ecco che cosa c’è in gioco. Non chi vincerà le elezioni. Molto probabilmente sarà Biden a vincerle. Semmai come si comporteranno i Proud Boys sulle strade d’America e come brandiranno le loro mazze durante la prossima Notte dei Cristalli. Agli scrittori e ai giornalisti che come me sono nati in paesi autoritari, il 3 novembre interesserà sapere soltanto dove si trova il passaporto e quali nazioni accetteranno rifugiati da un paese malato e morente che il 4 novembre potrebbe non esserci più.

Linkiesta paper è in edicola da oggi a Milano e a Roma. Si può ordinare a questo link per ricevere il pdf del numero e poi a casa la copia cartacea.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia