StopIl decisionismo flemmatico è finito, Conte scopre di essere solo e circondato

Il presidente del Consiglio, di fronte alla presa di posizione di Italia Viva sulla gestione dei fondi del NextGenerationUe, ha capito che dovrà archiviare il suo piano di creare un governo nel governo. Per rimanere dove si trova è costretto ad acconciarsi a leader di una coalizione

da Pxhere

È la prima volta da quando c’è il governo giallorosso che Giuseppe Conte si deve fermare. O meglio: si dovrà fermare. Il dominus di palazzo Chigi, l’avvocato trasformatosi in giudice, il neofita della politica che pare un doroteo, stavolta ha esagerato. Incassa il sì del Parlamento sulla riforma del Mes, ma questo non era difficile, se la grana era il dissenso sovranisti in casa grillina è bastato poco per farla rientrare (anche se perde qualche pezzo).

No, il dramma vero dell’avvocato è quello di scivolare proprio su un terreno inatteso, il decisionismo flemmatico di cui il presidente del Consiglio è divenuto rapidamente maestro. Matteo Renzi si è messo di traverso: o si riscrive il provvedimento sulla governance del NextGenerationEu o Italia Viva si alza e se ne va. Sarebbe crisi.

Così, detta papale papale, nell’aula del Senato, en face a Conte. Messa così, il premier non ha scelta. Già ieri avevamo scritto, riportando quanto saputo da autorevolissimi ministri, che l’idea contiana di inserire la materia della governance nella legge di bilancio mediante un emendamento sarebbe stata tolta di mezzo: si farà un provvedimento ad hoc.

Ma a Renzi, che evidentemente ha capito che la sua nuova offensiva ha colto nel segno, non basta. Non gli piace neppure il contenuto del Piano inviato con una mail ai ministri nel cuore della notte, così, senza una discussione seria; e siccome il leader di Italia Viva non è uno sprovveduto, in Aula ha ripetuto pari pari la critica che a quel piano ha mosso Roberto Speranza, cioè che 9 miliardi sulla sanità non bastano affatto, e poi chi ha deciso queste cifre?

Conte, lì davanti, è apparso fra il terreo e l’infastidito, probabilmente in cuor suo sa che Renzi tutti i torti, nel merito, non ce l’ha, e che bisognerà andargli incontro in un modo o nell’altro. Anche perché il premier ha compreso di essere circondato ed è la novità che emerge dai tormenti politici di queste ore.

Questa volta infatti anche il Pd, che pure detesta il suo ex segretario e chissà che non ne invidi il dinamismo, riconosce che il presidente del Consiglio ha sbagliato. Da Zingaretti nemmeno una parola, un silenzio che inquieta Conte, mentre Graziano Delrio alla Camera ha fatto un gran discorso, invitando il premier a una sorta di modestia politica raccomandandogli di ascoltare il Paese, che è esattamente la cosa che l’avvocato del popolo puntualmente dimentica.

Il capogruppo del Pd con il suo stile non urlato – al contrario del capo di Iv – ha fatto un discorso abbastanza “renziano”: nel senso di voler porre paletti molto netti alla tendenza autocratica del premier. La governance come la voleva Conte è destinata a rimanere nella sua memoria personale, perché la partita vera deve ancora cominciare.

In un certo senso siamo davanti a una grossa novità della legislatura. Il presidente del Consiglio può restare a Palazzo Chigi se non fa di questo un bunker nel quale ordire trame a lui favorevoli; se si acconcia a fare il presidente di una coalizione, peraltro senza avere alle spalle un proprio partito e ormai nemmeno potendo più contare su quella maionese impazzita che è diventato il Movimento Cinque Stelle.

Al netto delle ambizioni e delle tattiche di Matteo Renzi, perennemente alla ricerca di un senso da dare alla propria creatura politica e anche al suo futuro, sembra proprio che da oggi Giuseppe Conte sia un uomo più solo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia