Il visionarioIl segreto del successo di Bill Gates è la concentrazione

Il fondatore di Microsoft e sua moglie hanno annunciato la fine del loro matrimonio. Da giovane non era una persona facile da trattare: «Era difficile sostenere una relazione con qualcuno con cui potevi trascorrere solo poco tempo - da quando lasciava l’ufficio a quando ci tornava al mattino passavano solo sette ore», ha raccontato una delle sue ex-ragazze

LaPresse

Ho seguito la vita di Bill Gates per tre decenni. Nel 1992, come direttore della Ullstein Verlag, ho pubblicato la prima biografia di Bill Gates in Germania. Gli autori del libro erano James Wallace e Jim Erickson e, all’epoca, quasi nessuno in Germania aveva sentito parlare di Bill Gates. Ecco perché decisi di chiamare l’edizione tedesca “Mr. Microsoft”. Dopotutto, la gente conosceva il nome dell’azienda e non quello dell’uomo che ne era a capo. Oggi quasi tutti hanno probabilmente sentito parlare di Bill Gates.

Il segreto del suo successo
All’inizio di luglio del 1991, Bill Gates Sr. aveva alcuni ospiti a cena. Tra loro c’erano suo figlio, il fondatore di Microsoft, e Warren Buffett: due degli uomini di maggior successo al mondo, che per molti anni si sono alternati in cima alla lista dei miliardari di Forbes. Il padrone di casa a un certo punto chiese ai suoi commensali: «Qual è il segreto del vostro successo?». Buffett rispose immediatamente: «La concentrazione». Bill Gates Jr. dette la stessa risposta.

Anche da giovane, Bill Gates non era una persona facile da trattare. Andava molto bene a scuola, soprattutto in matematica, ma era noto per il suo comportamento «duro e provocatorio» nei confronti dei suoi insegnanti. In seconda superiore, per esempio, ebbe un litigio furioso con il suo insegnante di fisica. «I due stavano discutendo animatamente l’uno con l’altro. Gates urlava a squarciagola, agitando il dito, e dicendo al suo insegnante che aveva torto su una questione riguardante la fisica… e Gates stava vincendo la discussione».

L’ossessione di Bill Gates per i computer iniziò all’età di 13 anni. I suoi genitori erano preoccupati per lui: «Anche se era solo in prima superiore, sembrava già ossessionato dai computer, ignorando tutto il resto». Alla fine gli vietarono di toccare un computer per nove mesi.

Il visionario
Il rapporto di Bill Gates con i suoi genitori toccò il punto più basso quando decise di abbandonare Harvard. Spiegò loro che era andato ad Harvard sperando di incontrare persone intellettualmente superiori a lui, ma non le aveva trovate.

Decise quindi che sarebbe stato meglio trasferirsi ad Albuquerque, New Mexico, per fondare la sua azienda. I suoi genitori fecero di tutto per impedirgli di andare avanti seguendo quella che ritenevano un’idea assurda. Chiesero a un rispettato uomo d’affari di successo loro conoscente di far ragionare il figlio. Gates parlò all’uomo dei suoi piani e della rivoluzione nell’informatica che secondo lui era proprio dietro l’angolo.

Un giorno, disse Gates, tutti avrebbero posseduto un personal computer. Il conoscente che avrebbe dovuto dissuadere Bill dai suoi piani finì per sostenerlo. I genitori rimasero sconvolti quando lasciò l’università per fondare Microsoft, l’azienda che lo avrebbe reso l’uomo più ricco del mondo.

Secondo il suo compagno di stanza al college, «Bill aveva una qualità monomaniacale. Si concentrava su qualcosa e ci si attaccava completamente. Aveva la determinazione di arrivare a dominare qualsiasi cosa stesse facendo».

Una delle ex-ragazze di Gates ha dipinto un quadro simile, descrivendo la sua costante concentrazione e l’odio per le distrazioni. Non possedeva un televisore e aveva persino smontato l’autoradio: «Alla fine, era difficile sostenere una relazione con qualcuno con cui potevi trascorrere solo poco tempo – da quando lasciava l’ufficio alla Microsoft a quando ci tornava al mattino passavano solo sette ore».

Un capo difficile
Gates era un capo difficile – un tratto del carattere che condivide con tante persone brillanti. Per molti aspetti, Gates era l’esatto opposto dei dirigenti di cui si parla nei libri sulla leadership. Era noto per l’invio di email ai suoi dipendenti nel bel mezzo della notte (spesso quando erano ancora al lavoro). Una tipica sua email iniziava così: «Questo è il pezzo di codice più stupido mai scritto»,. I suoi dipendenti si riferivano a questi messaggi come «mail infuocate» o «schiette e spesso sarcastiche».

Come molti capi, Gates mancava di pazienza, e spesso esprimeva la sua impazienza in modi che gli altri trovavano offensivi. Un ex manager di Microsoft ha ricordato che Gates irruppe nel suo ufficio durante la sua prima settimana in azienda e gridò: «Come puoi impiegare così tanto tempo a lavorare su questo contratto? Fallo e basta!».

Nonostante fosse tutt’altro che facile andarci d’accordo, i suoi dipendenti apprezzavano il fatto che Gates fosse sempre al corrente del lavoro che stavano svolgendo. Come ha notato un ex dipendente: «A molte persone non piace il proprio lavoro perché non ricevono alcun feedback. Questo problema qui non c’era. Sapevi esattamente cosa pensava Bill del lavoro che stavi facendo». Naturalmente gli aneddoti sul famigerato carattere di Gates raccontano solo un lato della storia.

Sapeva meglio di qualsiasi altro imprenditore come incentivare e motivare il suo staff a raggiungere un obiettivo condiviso. Nessuno può ottenere prestazioni eccellenti dai dipendenti solo mettendo loro pressione. Anche se Bill Gates era noto per il suo atteggiamento aggressivo nei confronti degli altri, sapeva come incoraggiare i suoi collaboratori dando loro molta libertà creativa. Lo spirito pionieristico e l’atmosfera ispiratrice di Microsoft hanno attratto molti giovani intelligenti e ambiziosi verso l’azienda.

Un nuovo obiettivo: la filantropia
Dopo aver ottenuto tutto con Microsoft, Bill Gates si è posto nuovi e più grandi obiettivi. Ha sempre voluto cambiare il mondo in meglio, in particolare dedicando se stesso e le sue risorse alla lotta contro le malattie. Nel 1994 ha creato una fondazione che nel 1999 è diventata la Bill & Melinda Gates Foundation. Si tratta della più grande fondazione privata del mondo, con un patrimonio di circa 50 miliardi di dollari.

Dalla sua nascita, ha speso quasi 55 miliardi di dollari per cause benefiche. I progetti della fondazione sono principalmente rivolti ai Paesi in via di sviluppo, dove sostiene gli sforzi per combattere malattie come la malaria e la polio. Bill Gates ha anche ideato nel giugno 2010 (insieme ad altre persone tra cui il suo amico Warren Buffett) la campagna Giving Pledge. I miliardari che hanno sostenuto questa iniziativa hanno promesso di donare almeno la metà della loro ricchezza in beneficenza.

Gates è diventato l’indiscusso spauracchio dei cospirazionisti, che mettono in discussione tutto ciò che fa e lo biasimano anche per essere il più grande sponsor privato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Cinque anni prima dello scoppio del Covid-19, ha lanciato un chiaro avvertimento: un virus altamente infettivo avrebbe potuto uccidere un gran numero di persone nel prossimo futuro. I suoi critici hanno ritorto queste parole contro di lui, accusandolo di aver diffuso il coronavirus nel mondo per poter poi vaccinare le persone e inserire segretamente dei chip per controllarle.

Il divorzio da Melinda
Melinda e Bill Gates hanno deciso di porre fine al loro matrimonio dopo 27 anni. La coppia si incontrò la prima volta per caso nel parcheggio della Microsoft nel 1987. Gates le chiese se voleva uscire con lui: «Ci vediamo tra un paio di settimane?». Lei rifiutò. Un’ora o due dopo, Bill Gates le telefonò e le diede appuntamento per la sera stessa. Sette anni dopo si sono sposati e hanno avuto tre figli. Bill e Melinda Gates non hanno firmato un accordo prematrimoniale, nonostante la sua enorme fortuna, ma hanno un accordo di separazione, i cui termini sono però segreti.

L’accordo stabilisce come la coppia si dividerà i beni dopo il divorzio. Finanziariamente, si può essere sicuri, Gates non avrà problemi ad affrontare il divorzio. Due anni fa, anche il matrimonio tra il fondatore di Amazon, Jeff Bezos, e sua moglie, MacKenzie Bezos, è finito. Il tribunale ha ordinato a Jeff Bezos di trasferire 38,3 miliardi di dollari di azioni Amazon a MacKenzie. Anche dopo il divorzio, Jeff Bezos rimane l’uomo più ricco del mondo. Infatti, con un patrimonio di oltre 200 miliardi di dollari, ha addirittura superato Gates.

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter