13 Maggio Mag 2019 1600 13 maggio 2019

Ecco perché l’Italia è un Paese troppo ricco per fallire

Anche se lo Stato ha un debito pubblico in rapporto al Pil tra i più elevati al mondo, stando alle ultime rilevazioni dell’Istat e della Banca d’Italia, le famiglie italiane dispongono di una ricchezza privata netta pari a 9,7 trilioni di euro, circa 8,4 volte il reddito disponibile

Euro Italia_Linkiesta
Samuele Schirò

Quasi tutti gli analisti economici ci ricordano che il Paese ha un debito pubblico tra i più elevati al mondo in rapporto al Pil. Il 132% pesa come un macigno e nella speciale classifica siamo terzi dopo Giappone e Grecia. Ma sono in pochi a ricordare che l’Italia ha una marcia in più rispetto a tutti gli altri Paesi europei: un ricchezza privata unica al mondo. Stando alle ultime rilevazioni dell’Istat e della Banca d’Italia (“La ricchezza delle famiglie italiane“) le famiglie del Belpaese dispongono di una ricchezza netta pari a 9,7 trilioni di euro, circa 8,4 volte il reddito disponibile. Nessun altro paese avanzato mostra un rapporto tra ricchezza e reddito più alto di quello dell’Italia. Senza contare che le nostre famiglie hanno passività finanziarie pari a circa il 41% del Pil, la percentuale più bassa in assoluto tra i paesi avanzati. Anche le nostre imprese non finanziarie sono poco indebitate, il 69% rispetto Pil, contro una media dell’area euro pari al 106%.

Vuoi sapere perché l'Italia è troppo ricco per fallire?

Scoprilo su Risparmiamocelo.it

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook