Blog di

di Andrea Guarise

L’Italia è al verde (di energia), nonostante gli indugi del Governo

Blog post del 18/06/2012

Generalmente gli interventi che trovate su questo spazio sono sempre dettati da un aspetto comune: certezza delle fonti, dei dati e dei testi. Certo l’IMU è un argomento “caldissimo”, come, e a maggior ragione le dismissioni del patrimonio immobiliare pubblico previsto dal Decreto Sviluppo. Tuttavia, entrambi questi argomenti sono ancora molto aleatori, vuoi perché i veri conti sull’IMU li potremmo fare dopo la seconda rata di fine anno; vuoi per l’incertezza normativa, nel caso del Decreto Sviluppo. Su questo secondo argomento rimando all’articolo di Antonio Vanuzzo, su uno dei rischi presunti - e speriamo non probabili - su questo fronte.

In parole povere: inutile parlare e ricamare su di un argomento, quando le basi di partenza, di discussione, sono ancora molto lacunose.

Voglio invece portare all’attenzione il rapporto redatto da Eurostat, con base dati riferiti al 2010, relativamente alla diffusione degli impianti per lo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili: il contributo delle rinnovabili ha toccato quota 12,4% nel consumo di energia registrato nell’Unione Europea, con i dati in crescita rispetto a quanto registrato nel 2009 (11,7%) e nel 2008 (10,5%).

Share of renewable energy

La più alta quota di energia rinnovabile nel totale dei consumi energetici si è registrata in Svezia (47,9%), Lettonia (32,6%), Finlandia (32,2%), Austria (30,1%) e Portogallo (24,6%). Tra il 2006 e il 2010, tutti e 27 gli Stati membri dell’Unione Europa hanno aumentato la loro percentuale di energia rinnovabile nei consumi totali. In particolare, gli incrementi più consistenti sono stati registrati in Estonia (dal 16,1% al al 24,3%), Romania (dal 17,1% al 23,4%), Danimarca (dal 16,5% al 22,2%), Svezia (dal 42,7% al 47,9%) e Spagna (dal 9 % al 13,8%).

L’Italia, che ha come obiettivo per il 2020, una quota del 17%, ha visto quasi raddoppiare in quattro anni il peso delle energie alternative, dal 5,8% al 10,1%, e ciò pone il nostro Paese sulla buona strada per centrare l’obiettivo europeo, nonostante lo Stato cerchi (ahimè come sempre) di complicare la vita, e nonostante - anche se dovremmo essere in dirittura d’arrivo - il Quinto Conto energia sia ancora in alto mare.

Quarto conto energia

Difatti, come è possibile vedere sulla home page del sito del Gse, il Quarto Conto Energia sta per andare in pensione, con il raggiungimento dei 6 miliardi di incentivi previsti. Il nuovo Conto Energia, il Quinto, potrebbe partire il prossimo 1° settembre e l’unica cosa certa è che gli incentivi al fotovoltaico saranno meno generosi. Allo stesso tempo dovranno poi partire i meccanismi incentivanti relativi a biomasse, al solare termico e al geotermico. Il condizionale è ancora d’obbligo, in quanto, ad oggi, i testi dei decreti che andranno a regolare gli incentivi per il fotovoltaico e per le altre rinnovabili non fotovoltaiche sono nelle mani del Governo e si attende nelle prossime ore il varo definitivo (dopo un’attesa di quattro mesi).

Essendo quindi ancora tutto in via di definizione, e riprendendo la parte iniziale dell’articolo, non mi, e ci resta, che aspettare fonti, dati e testo certi.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Alfano chiude la campagna in Calabria accanto a Gentile

Il senatore avrebbe bloccato le pubblicazioni de “L’Ora della Calabria” per evitare la diffusione di un articolo su una inchiesta a carico del figlio

Juve, Agnelli su Moggi: «Ha fatto la storia, possiamo anche perdonarlo»

A Milano il presidente bianconero riabilita l’ex d.g. e tira bordate all’Inter: «Lo juventino non può essere l’unico a pagare»

Spiare l’intimità degli abitanti di Parigi

Una fotografa americana ha ripreso la vita privata di alcuni cittadini, catturando momenti unici
SHARE

La mappa che rivela quanto è rumorosa la tua città

Applicazioni e mappe di centri europei monitorano l’inquinamento acustico
SHARE

Riuscire a fare tanti soldi anche da morti

Per diventare ricchi non serve lavorare. A volte non serve nemmeno essere vivi. La dimostrazione
SHARE

Garrett Morgan, l’afroamericano che inventò il semaforo

Storia di un riscatto sociale attraverso l’ingegno, per un’invenzione che continua a evolversi
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Gli esercizi per allenare il cervello online non servono a niente

Vengono spacciati per toccasana contro il declino cognitivo, ma i risultati sono modesti. Per queste cose servono specialisti – dal vivo