Blog di

di Bruno Perini

Elogi e critiche sullo zio Adriano dopo il "tornado" di Sanremo.

Blog post del 15/02/2012
Parole chiave: 

Ha evocato il Paradiso e si è trovato ad affrontare un inferno di critiche. Quando ieri sera ho sentito per telefono lo zio Adriano, dopo l'uragano sanremese, lui mi ha detto: "Me l'aspettavo. D'altronde quando critichi i giornalisti è sempre così".

Per un momento ho provato a immaginare di essere nei suoi panni. Ecco alcune cose che mi sono venute in mente in ordine sparso.

Se fossi stato in lui, invece di insultarlo avrei risposto punto per punto agli attacchi di Aldo Grasso, avrei spiegato ai 14 milioni di telespettatori che il critico del Corsera diceva una cosa non vera, quando ha sostenuto che Celentano andava a Sanremo soltanto per promuovere il suo disco, visto che dell'ultimo album lo zio ha cantato una sola canzone.

Se fossi stato in lui avrei spiegato meglio a quelli in buona fede e a quelli in mala fede che la sua lunga comparsata a Sanremo gli costerà in tasse, se va bene, qualcosa come 250.000 euro, visto che i 700.000 euro sono già stati destinati a Emergency e alle famiglie povere di cinque città italiane. Sfido chiunque a trovare un'altro artista del suo calibro che ci rimette quella cifra per andare a Sanremo.

Se fossi stato in lui, a proposito di ipocrisia, mi sarei documentato sugli introiti pubblicitari che la Rai incasserà grazie all'audience che lo zio ha contribuito come sempre a fare salire in modo vertiginoso.

Se fossi stato in lui mi sarei soffermato maggiormente sulla crisi economico-sociale che dilaga in Italia.

Se fossi stato in lui mi sarei chiesto ad alta voce come mai si discute soltanto dei compensi di Celentano e non dei compensi di Fiorello, Morandi ecc.

Se fossi stato in lui avrei allungato il gioco ironico con il bravissimo Papaleo così come fece a Rockpolitik con Roberto Benigni.

Se fossi religioso come lui avrei criticato la poca evangelizzazione fatta da Avvenire e Famiglia Cristiana ma non avrei chiesto di chiuderli perché chiudere i giornali non mi piace mai neppure quando si tratta di avversari.

Se fossi stato in lui avrei criticato legittimamente la Consulta.

Se fossi stato in lui sarei andato molto più pesante sulla gestione Rai guidata dalla signora Lei, ombra lunga di Berlusconi.

Detto tutto questo, l'irruzione scenica messa in piedi dallo zio nel piccolo schermo sanremese confesso che mi è piaciuta. Ha voglia a dire Curzio Maltese che siamo tutti contro la guerra, la fame nel mondo, le caste, il consumismo. Portare tutto ciò in prima serata davanti a 14 milioni di persone è un modo per rompere con con il conformismo del Festival, per aprire uno squarcio nel potente mezzo mediatico.

Lo zio lo fece nel lontano Fantastico dell'87 e lo ha ripetuto con i suoi moduli stilistici anche oggi. E di questo bisogna dargli atto. Con il tempo la polemica con Grasso o l'attacco a Avvenire e Famiglia Cristiana verranno dimenticati, ma il terremoto celentanesco a Sanremo 2012 resterà.

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Beppe Roncari
Mer, 15/02/2012 - 20:22
GRoncari
Tuo zio è stato provocatorio.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mer, 15/02/2012 - 20:57
Tuo zio ha un po' di arteriosclerosi.
SHARE
Ritratto di Serena
Mer, 15/02/2012 - 21:33
Serena
io, non l'ho visto, ma sembra che abbia attaccato la Consulta, bè...questo mi piace! Dovremmo allora cercare altri Celentani per attaccarla definitivamente!
SHARE
Ritratto di cancro 1958
Gio, 16/02/2012 - 00:57
cancro 1958
Sono d'accordo con te. Celentano ha il grande merito di smuovere alla grande RAI1 in prima serata davanti a 14 milioni di telespettatori. In certi momenti può risultare pesante ma poi dei suoi interventi si continua a parlare per lunghissimo tempo e questa è la sua FORZA! Bravo Adriano, continua ad attaccare i potenti, la Chiesa sempre più immobile e mai attenta ai veri problemi della gente, i vertici della RAI, sperando che prima o poi ci possa essere un vero cambiamento.
SHARE
Ritratto di roberto
Gio, 16/02/2012 - 15:18
roberto
Il Perini ha dimenticato di dire che se fosse Lui si sarebbe rinnovato perchè sono 40 anni che dice sempre, e male, le stesse cose. Un altro "artista" tuttologo che pontifica su tutto e tutti. Facile criticare ma del fare mi sembra che oltre alle canzoni non c'è rimasto un granchè, eccetto forse vendere la propria immagine. In Italia non importa ciò che si dice, importa che se ne parli anche male ed i soliti giornalisti a corto di comprendonio suonano la grancassa alla NON notizia !
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti