Blog di

di Bruno Perini

Il Giornale e Libero fanno killeraggio su Mario Monti e preparano il fango. Chi gioca al massacro?

Blog post del 16/11/2011
Parole chiave: 

Il Giornale spara a zero sul candidato premier e Libero accusa Monti di interessi privati per soldi pubblici. Come inizio mica male.

"Non può durare molto". Questo il titolo del Giornale della famiglia Berlusconi in edicola oggi. Sottotilo: "Il programma non esiste, in vista c'è già il fallimento". Scrive con una fucilata Vittorio Feltri: "Il governo di salvezza nazionale sta per partire. Partirà domani. Dove arriverà? Questo non si sa. Anzi, si sa benissimo, si perderà per strada. D'altronde la sua missione era nota: mandare via Silvio Berlusconi, come ha confessato Italo Bocchino in una delle sue performance televisive. Dell'Italia, del debito pubblico delle sue difficoltà non frega niente a nessuno". Anche il quotidiano Libero spara a zeroin via preventiva su Mario Monti: "Cominciamo male". "Mentre i nostri titolo di Stato vengono massacrati Monti perde un'altra giornata in inutili consultazioni. Forse nkn ha capito: è stato scelto per fare il tecnico non il democristiano". Nei confronti del candidato premier, inoltre, è già partita la prima valanga di fango con un servizio di Fosca Bincher a pagina 11 di Libero: "L'interesse privato del professore per i soldi pubblici della Bocconi". Lobbista. "Grazie al lavoro dell'ex commissario Ue pochi mesi fa l'istituto milanese ha ottenuto finanziamenti per 15 milioni di euro nelle casse dell'erario".Come si può facilmente intuire dai toni dei due principali quotidiani di centro destra il killeraggio è già partito e ha cone obiettivo quello di screditare al massimo la figura di mario Monti. Il quesito più interessante è se queste bordate misto fango sono soltanto il frutto di una scelta editoriale degli editori per vendere più copie o se invece si sta già celebrando il gioco delle parti tra Silvio Berlusconi che si dichiara moderato e chiede a i suoi di smetterla di attaccare Monti e i giornali di riferimento che fanno il lavoro sporco per conttro del  grande capo. La seconda ipotesi non è da escludere: i colonnelli di Berlusconi, quelli più irriducibili come Fabrizio Cicchito e l'orrido Maurizio Gasparri fanno fatica a digerire il nascente governo e allo stesso Monti attraverso la stampa legata a Berlusconi mandano segnali pesantissimi: attento professore! I killer saranno al lavoro 24 ore su 24. 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ucraina, esplosione fuori dal Parlamento: almeno 15 feriti

Le bombe lanciate da un gruppo di manifestanti

È morto Oliver Sacks

Il neurologo autore de “L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello” aveva 82 anni

Netanyahu in Italia: "Pagate troppe tasse", e spiega la curva di Laffer

Il siparietto del primo ministro israeliano a Expo: su un foglio spiega la politica usata da Tel Aviv per tornare a crescere

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Trucchi per non fare figuracce quando si viaggia per lavoro

Stringere mani non è sempre bene accetto. Il biglietto da visita può essere un tranello. Piccola guida ad accorgimenti importanti

La passione degli antichi per il six-pack

Gli addominali sono l’utopia del maschio contemporaneo. Lo era anche nell’antichità, ma non facevano nulla per scolpirsi: era controproducente

Le uniche due (o tre) cose da fare per avere successo

Contano nella vita e nel lavoro: migliorarsi ogni giorno e impegnarsi in più campi. Poi, ce ne sarebbe anche una terza

Disney, i film che non hanno mai fatto

Storie e favole che avrebbero potuto appassionare il pubblico. Ma che, per varie ragioni, non hanno mai visto la luce

PRESI DAL WEB

Dieci regole pratiche per evitare le morti in discoteca

Le ha messe in fila l’Espresso. La prima regola è l’idratazione, poi servono sale di decompressione, etilometri e buttafuori formati a identificare i malori

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin