Blog di

di Bruno Perini

La turbolenza dei mercati finanziari sembra incontrollabile. E i governi manifestano tutta la loro impotenza.

Blog post del 22/11/2011
Parole chiave: 
Non c'è governo Monti che tenga. Nessuna rassicurazione europea o statunitense riesce a tenere a bada i mercati finanziari. Sembra che lo spread sia diventato una variabile indipendente e per di più anelastico a qualsiasi intervento delle autorità finanziarie e monetarie. L'abbassamento del tasso d'interesse deciso da Mario Draghi non ha fatto neanche il solletico alla crisi finanziaria. Anche ieri, malgrado gli interventi dei massimi esponenti della comunità europea, gli acquisti della Bce e le rassicurazioni del presidente degli Stati Uniti, Barak Obama, le turbolenze dei mercati si sono fatte sentire di nuovo con violenza inaudita e non accennano a diminuire. Gli spread di Italia di Spagna hanno fatto a gara a chi saliva di più e in questa corsa si è presentata anche la Francia. Che cosa sta accadendo? Sembra ormai che la inarrestabile finanziarizzazione dell'economia, malattia endemica del sistema economico globale, dopo aver fatto guasti irreparabili nella crisi dei subprime attraverso i cosidetti titoli tossici, abbia infettato ormai in modo definitivo anche il mercato dei titoli di Stato. Non è stato sempre così. Fino a dieci anni fa il mercato dei titoli di Stato era un mercato statico, poco dinamico, con poche oscillazioni, destinato a quei risparmiatori che chiedevano un investimento a basso rischio, in alternativa al mercato mobiliare. Quando un cliente chiedeva cautela il consulente finanziario consigliava titoli di Stato. Nel giro di un decennio tutto è cambiato, con i surplus degli Stati sovrani e con la crescita del debito pubblico si è creato un mercato dei titoli di Stato al alto rischio e con una forte presenza speculativa. La finanziarizzazione ha colpito ancora trasformando il mercato dei titoli del debito pubblico in un mercato rischioso quanto quello borsistico. I titoli di Stato, tra l'altro, sono diventati, titoli che misurano la credibilità politica degli Stati con un anomalo capovolgimento tra politica ed economia. Questo processo sembra inarrestabile e sta intaccando l'integrità politica del vecchio continente e la credibilità della sua moneta unica. E pur volendo essere ottimisti all'orizzonte non si vede una soluzione.
Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Turchia, uomo armato nella sede dell’AKP, arrestato

Non ci sono stati feriti. Il nuovo attacco è avvenuto il giorno dopo il sequestro a Istanbul di un magistrato da parte di membri del gruppo di estrema sinistra

Turchia, muore dopo il blitz il magistrato sequestrato

Dopo sette ore di trattative fallite, le forze speciali irrompono nel tribunale di Istanbul per liberare l'ostaggio: esplosioni, fumo e colpi di arma da fuoco

Turchia, il magistrato sequestrato è morto. Nel blitz uccisi due sequestratori

Mehmet Selim Kiraz, è morto dopo essere arrivato in gravi condizioni in ospedale e dopo essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico disperato

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&mirco negativi scarabocchi smemoranda

Le regole di Tolstoj per vivere la vita perfetta

Consigli di disciplina rigida, quasi prussiana, per migliorare la propria esistenza

Trucchi per non abboccare ai pesci d’Aprile

Scherzi, scherzoni e trappole di ogni tipo. Guida per evitare, stavolta, di far la figura del pesce

Confondi spesso destra e sinistra? Ecco perché

È un operazione più complessa di quanto sembri. E a volte sbagliare può provocare veri disastri

Il fascino (molto) nascosto dei codici aeroportuali

Perché Malpensa è MXP e Toronto YYZ? Lo spiega un sito che potrebbe anche riempire le vostre serate

PRESI DAL WEB

Istat, la fiducia dei consumatori al massimo dal 2002

Migliorano le aspettative: la componente economica è quella più consistente

L’aberrante post di Beppe Grillo: Lubtiz è come Renzi, che ci guida al disastro

La tragedia della Germanwings ha ispirato l’ex comico ligure suggerendo un paragone quantomeno indelicato: l’uomo solo al comando e lo schianto finale

Zayn Malik lascia gli One Direction: i fan sono sconvolti

Il membro del gruppo amato dai teenager ha deciso, dopo cinque anni, di lasciare i suoi compagni. "Desidero avere la vita di un 22enne normale. E rilassarmi"