Blog di

di Bruno Perini

Lo scivolone di Mario Monti sul tema dell'occupazione. Ma quale noia professore? Qui non c'è lavoro.

Blog post del 2/02/2012
Si può dire che Mario Monti ha fatto un'uscita infelice sul delicato tema del lavoro oppure si tratta di lesa maestà? Io penso che il presidente dl consiglio nella sua ossessione liberista sia scivolato su una buccia di banana che avrebbe potuto evitare. Una berlusconata gratuita che non aiuta la trattativa sul tema del lavoro e che toglie un po' di credibilità al professore dei professori. Con un uso accorto dei mezzi di comunicazione il capo dell'esecutivo ieri, prima al tg5 e poi a Matrix ha infatti spiegato ai giovani Italiani che il posto fisso è una noia mortale e che cambiare posto è bello. Per questo le nuove generazioni dovranno disabituarsi al posto fisso e accogliere con il sorriso sulla bocca il tema della mobilità. Forse il professor Monti è un po' stanco e a furia di viaggiare in Europa credeva di essere in Germania dove tutti gli osservatori dell'ultima settimana ci hanno spiegato che i tedeschi sono quasi in piena occupazione. Era in Germania che il capo del governo avrebbe dovuto fare quella battuta, non in Italia. Nel nostro paese e in particolare al sud i giovani e i meno giovani non riescono ad annoiarsi del lavoro fisso per la semplice ragione che un lavoro non ce l'hanno. Anzi, se vogliamo proprio guardare come stanno le cose i lavoratori italiani giovani e non giovani negli ultimi anni sono diventati grandi esperti di mobilità. La conoscono bene. Non quella del paradiso disegnato da Monti dove uno che ha un lavoro a un certo punto della sua vita decide di cambiario per fare qualcosa di nuovo e più creativo, ma la mobilità che viene imposta dalla cassa integrazione e che dopo qualche mese porta dritto dritto all'esercito della disoccupazione. E allora, professor Monti di che cosa stiamo parlando? Certo, i precari non hanno tempo di annoiarsi perchè in due anni sono capaci di cambiar lavoro tre o quattro volte, ma come lei capirà non è una scelta di vita la loro ma una necessità di sopravvivenza.

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Gio, 02/02/2012 - 20:01
mgiovanniello
Monti è a capo del Governo del Paese più fashion, sa bene che per i giovani la cosa più importante è essere cool e ha risolto il loro problema principale. Da oggi nessuno deve sentirsi uno sfigato se non ha trovato il lavoro fisso, perché innanzitutto ha il dovere sociale di non annoiarsi. Berlusconi, che proponeva di vendere le 500 con lo stemma del cavallino rampante, era un dilettante.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Milano, a fuoco un laboratorio in viale Monza. Realizzava pupazzi per Expo

Il laboratorio, in viale Monza, si chiama Pupazzia. Il proprietario: «Lavoravo 7 giorni su 7» per una commessa di pupazzi di gommapiuma per Expo

Naufragio nel Mediterraneo: secondo l’Ansa ci potrebbero essere 700 morti

L’incidente è avvenuto nella notte al largo delle coste libiche. Un’imbarcazione ha raccolto solo 28 superstiti

Germanwing, in tre mesi Lubitz consultò una decina di medici

Aumentano le prove che il co-pilota del volo Germanwings schiantatosi in Francia non fosse in grado di lavorare e ne avesse dato ripetuti segnali

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&mirco negativi scarabocchi smemoranda

Pericolo in cucina: i sette germi mortali

Tenere pulito può non bastare. Serve attenzione: il nemico si annida dove meno ci si immagina

La prostituzione è davvero il mestiere più antico?

L’espressione è nota. In origine fu il meretricio? Una breve ricognizione storica chiarisce la cosa

I trucchi dei supermercati per vendere di più

Vere trappole psicologiche per convincere i clienti a comprare. E nessuno se ne accorge

Gli Stati Uniti della Grande Austria, l’utopia della pace

Il progetto di ridisegnare l’impero asburgico avrebbe ridotto le tensioni. E cambiato la storia del ’900

PRESI DAL WEB

L’Economist su Renzi: “I risultati sulle riforme variabili ma incoraggianti”

Secondo il settimanale “quando la prossima settimana incontrera Obama, la posizione economica e politica di Renzi sarà la più forte da quando è al governo”