Blog di

di Bruno Perini

Lo scivolone di Mario Monti sul tema dell'occupazione. Ma quale noia professore? Qui non c'è lavoro.

Blog post del 2/02/2012
Si può dire che Mario Monti ha fatto un'uscita infelice sul delicato tema del lavoro oppure si tratta di lesa maestà? Io penso che il presidente dl consiglio nella sua ossessione liberista sia scivolato su una buccia di banana che avrebbe potuto evitare. Una berlusconata gratuita che non aiuta la trattativa sul tema del lavoro e che toglie un po' di credibilità al professore dei professori. Con un uso accorto dei mezzi di comunicazione il capo dell'esecutivo ieri, prima al tg5 e poi a Matrix ha infatti spiegato ai giovani Italiani che il posto fisso è una noia mortale e che cambiare posto è bello. Per questo le nuove generazioni dovranno disabituarsi al posto fisso e accogliere con il sorriso sulla bocca il tema della mobilità. Forse il professor Monti è un po' stanco e a furia di viaggiare in Europa credeva di essere in Germania dove tutti gli osservatori dell'ultima settimana ci hanno spiegato che i tedeschi sono quasi in piena occupazione. Era in Germania che il capo del governo avrebbe dovuto fare quella battuta, non in Italia. Nel nostro paese e in particolare al sud i giovani e i meno giovani non riescono ad annoiarsi del lavoro fisso per la semplice ragione che un lavoro non ce l'hanno. Anzi, se vogliamo proprio guardare come stanno le cose i lavoratori italiani giovani e non giovani negli ultimi anni sono diventati grandi esperti di mobilità. La conoscono bene. Non quella del paradiso disegnato da Monti dove uno che ha un lavoro a un certo punto della sua vita decide di cambiario per fare qualcosa di nuovo e più creativo, ma la mobilità che viene imposta dalla cassa integrazione e che dopo qualche mese porta dritto dritto all'esercito della disoccupazione. E allora, professor Monti di che cosa stiamo parlando? Certo, i precari non hanno tempo di annoiarsi perchè in due anni sono capaci di cambiar lavoro tre o quattro volte, ma come lei capirà non è una scelta di vita la loro ma una necessità di sopravvivenza.

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Gio, 02/02/2012 - 20:01
mgiovanniello
Monti è a capo del Governo del Paese più fashion, sa bene che per i giovani la cosa più importante è essere cool e ha risolto il loro problema principale. Da oggi nessuno deve sentirsi uno sfigato se non ha trovato il lavoro fisso, perché innanzitutto ha il dovere sociale di non annoiarsi. Berlusconi, che proponeva di vendere le 500 con lo stemma del cavallino rampante, era un dilettante.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Presidenziali Usa, il repubblicano Mitt Romney annuncia che non si candiderà

Romney aveva perso un certo numero di supporter, passati a sostenere Jeb Bush e c’era scetticismo nel partito Repubblicano su una sua corsa

Minotauro, richiesta choc del procuratore: “Annullate tutte le condanne”

Secondo la motivazione non risulta chiaro il “metodo mafioso”

Disoccupazione in calo al 12,9%

Tweet di Renzi: «Centomila posti di lavoro in più in un mese. Siamo solo all’inizio»

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

tanti-figli

Votate Seggio Mattarella, il finto profilo su Twitter

Il fake twitter di Sergio Mattarella
Commenta, scherza, si sfrega le mani in attesa della vittoria. E lancia già i primi moniti
SHARE

Orgoglio e Pregiudizio, spiegato in un grafico

Il testo di Orgoglio e Pregiudizio, nelle celebrazioni del 200 compleanno di Jane Austen
L’orgoglio di Elizabeth e i pregiudizi di Darcy si scontrano e danno materia alla trama del libro
SHARE

Aumentare la produttività con i ritmi circadiani

Contro il corpo non si può fare nulla. Datori di lavoro e lavoratori ne devono tenere conto
SHARE

Piccola lezione di inglese per chi lo parla già bene

Frasi che, a prima vista, sembrano prive di senso, si rivelano corrette e con molte cose da dire
SHARE

PRESI DAL WEB

Sigarette: l’alternativa si chiama TJU, il chewing gum che sa di tabacco

Dopo l’exploit della sigaretta elettronica e i vaporizzatori, una joint-venture tra l’americana Altria e la danese Okono

La classifica delle droghe che causano più morti in America

Le tre sostanze che causano più morti all'anno negli Stati Uniti, infatti, sono completamente legali: sono l'alcool, il tabacco e gli antidolorifici oppiacei