Blog di

di Bruno Perini

Lo scivolone di Mario Monti sul tema dell'occupazione. Ma quale noia professore? Qui non c'è lavoro.

Blog post del 2/02/2012
Si può dire che Mario Monti ha fatto un'uscita infelice sul delicato tema del lavoro oppure si tratta di lesa maestà? Io penso che il presidente dl consiglio nella sua ossessione liberista sia scivolato su una buccia di banana che avrebbe potuto evitare. Una berlusconata gratuita che non aiuta la trattativa sul tema del lavoro e che toglie un po' di credibilità al professore dei professori. Con un uso accorto dei mezzi di comunicazione il capo dell'esecutivo ieri, prima al tg5 e poi a Matrix ha infatti spiegato ai giovani Italiani che il posto fisso è una noia mortale e che cambiare posto è bello. Per questo le nuove generazioni dovranno disabituarsi al posto fisso e accogliere con il sorriso sulla bocca il tema della mobilità. Forse il professor Monti è un po' stanco e a furia di viaggiare in Europa credeva di essere in Germania dove tutti gli osservatori dell'ultima settimana ci hanno spiegato che i tedeschi sono quasi in piena occupazione. Era in Germania che il capo del governo avrebbe dovuto fare quella battuta, non in Italia. Nel nostro paese e in particolare al sud i giovani e i meno giovani non riescono ad annoiarsi del lavoro fisso per la semplice ragione che un lavoro non ce l'hanno. Anzi, se vogliamo proprio guardare come stanno le cose i lavoratori italiani giovani e non giovani negli ultimi anni sono diventati grandi esperti di mobilità. La conoscono bene. Non quella del paradiso disegnato da Monti dove uno che ha un lavoro a un certo punto della sua vita decide di cambiario per fare qualcosa di nuovo e più creativo, ma la mobilità che viene imposta dalla cassa integrazione e che dopo qualche mese porta dritto dritto all'esercito della disoccupazione. E allora, professor Monti di che cosa stiamo parlando? Certo, i precari non hanno tempo di annoiarsi perchè in due anni sono capaci di cambiar lavoro tre o quattro volte, ma come lei capirà non è una scelta di vita la loro ma una necessità di sopravvivenza.

COMMENTI /

Ritratto di Marco Giovanniello
Gio, 02/02/2012 - 20:01
mgiovanniello
Monti è a capo del Governo del Paese più fashion, sa bene che per i giovani la cosa più importante è essere cool e ha risolto il loro problema principale. Da oggi nessuno deve sentirsi uno sfigato se non ha trovato il lavoro fisso, perché innanzitutto ha il dovere sociale di non annoiarsi. Berlusconi, che proponeva di vendere le 500 con lo stemma del cavallino rampante, era un dilettante.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Gb, uragano Gonzalo: 3 morti, 5 feriti

Oltre alla donna uccisa da un albero caduto a Knightsbridge, un altro uomo è morto in Essex per il ribaltamento di un furgone che stava riparando

Ebola, guarito il cameraman della Nbc

Ashoka Mukpo verrà presto dimesso, è quarta guarigione in Usa

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE

Aziona anche tu la macchina della nostalgia

Basta un clic e ci si ritrova nel passato, a inseguire i ricordi e risentire antiche emozioni
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“