Blog di

di Bruno Perini

Professor Monti, ma i tassisti e i farmacisti italiani sono più potenti di Microsoft?

Blog post del 15/12/2011
Parole chiave: 

Leggendo le cronache di queste ore, sentendo i commenti del ministro Corrado Passera sulle terribili resistenze delle corporazioni italiane alle timide liberalizzazioni annunciate dal governo guidato da Mario Monti, e osservando la grande cautela con la quale il nuovo esecutivo si muove sul terreno delle liberalizzazioni mi è sono posto un atroce quesito: vuoi vedere che i tassisti e i farmacisti italiani sono più potenti del gigante di Bill Gates. Il dubbio mi è venuto pensando alla biografia politica e professionale del presidente del Consiglio Mario Monti che come tutti ricorderanno prima di essere chiamato nelle paludi della politica italiana a risanare l'economia ereditata dall'era di Berlusconi è stato per anni commissario europeo per la concorrenza. E tutti lo consideravano il terrore dei monopolisti. Le cronache di quell'epoca ricordano un Monti assai combattivo e corrosivo contro gli sgarri alla concorrenza compiuti in più occasioni da Microsoft e da altri grandi gruppi. L'allora commissario alla concorrenza non guardava in faccia a nessuno e la multa che diede alla Microsoft fece molto arrabbiare Bill Gates e fece tremare i polsi a molti colossi industriali statunitensi e europei timorosi di fare la stessa fine. E' stato lo stesso Mario Monti a ricordare con orgoglio le sue battaglie europee per la libera concorrenza. Perchè allora tanta timidezza da parte del capo di governo nell'arginare le corporazioni italiane, nel dare un segnale "liberal" all'economia italiana? Perchè al primo segnale di resistenza il governo ha messo il piede sul freno? Fanno così paura i tassisti e i farmacisti italiani? Perchè scontentare milioni di pensionati e non quelle corporazioni che paralizzano il nostro sistema economico? Certo dopo i farmacisti e i tassisti bisognerebbe toccare le minicipalizzate ma se mai si comincia è difficile poi raggiungere obiettivi più ambiziosi. C'è da sperare che il nuovo esecutivo non sia già prigioniero della paludosa politica italiana, fatta di ricatti e contro ricatti, di lobby e contro lobby. Se così fosse saremmo nei guai perchè significherebbe che neppure un governo che non ha problemi elettorali è in grado di portare il paese fuori dalle secche della crisi. 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Aldus
Mar, 27/12/2011 - 19:49
Aldus
Caro "economista" Perini, è bello sapere che dall'alto della Sua saggezza, ha concluso che il pauroso debito italiano sarà abbattuto raddoppiando le licenze pubbliche di taxisti e farmacisti. Il Presidente Monti, sapientemente pungolato dalle sue acutissime parole, saprà così ritrovare il mitico ruggito che terrorizzò il monopolista Bill Gates. Grazie Perini, grazie della sua visione illuminata che spiana così la strada per la difficile salvezza del paese. Aldus da Parma
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Messico: caso studenti scomparsi, lascia il governatore Aguirre

Ha annunciato giovedì le sue dimissioni, per favorire l'inchiesta sulla sparizione di 43 studenti di una scuola, avvenuta un mese fa

Vertice Ue, c'è l'accordo sul clima

riduzione del 40% delle emissioni di CO2 entro il 2030

Ebola, primo caso a New York

Medico ricoverato positivo a virus, era tornato da Guinea

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti