Blog di

di Bruno Perini

Professor Monti, ma i tassisti e i farmacisti italiani sono più potenti di Microsoft?

Blog post del 15/12/2011
Parole chiave: 

Leggendo le cronache di queste ore, sentendo i commenti del ministro Corrado Passera sulle terribili resistenze delle corporazioni italiane alle timide liberalizzazioni annunciate dal governo guidato da Mario Monti, e osservando la grande cautela con la quale il nuovo esecutivo si muove sul terreno delle liberalizzazioni mi è sono posto un atroce quesito: vuoi vedere che i tassisti e i farmacisti italiani sono più potenti del gigante di Bill Gates. Il dubbio mi è venuto pensando alla biografia politica e professionale del presidente del Consiglio Mario Monti che come tutti ricorderanno prima di essere chiamato nelle paludi della politica italiana a risanare l'economia ereditata dall'era di Berlusconi è stato per anni commissario europeo per la concorrenza. E tutti lo consideravano il terrore dei monopolisti. Le cronache di quell'epoca ricordano un Monti assai combattivo e corrosivo contro gli sgarri alla concorrenza compiuti in più occasioni da Microsoft e da altri grandi gruppi. L'allora commissario alla concorrenza non guardava in faccia a nessuno e la multa che diede alla Microsoft fece molto arrabbiare Bill Gates e fece tremare i polsi a molti colossi industriali statunitensi e europei timorosi di fare la stessa fine. E' stato lo stesso Mario Monti a ricordare con orgoglio le sue battaglie europee per la libera concorrenza. Perchè allora tanta timidezza da parte del capo di governo nell'arginare le corporazioni italiane, nel dare un segnale "liberal" all'economia italiana? Perchè al primo segnale di resistenza il governo ha messo il piede sul freno? Fanno così paura i tassisti e i farmacisti italiani? Perchè scontentare milioni di pensionati e non quelle corporazioni che paralizzano il nostro sistema economico? Certo dopo i farmacisti e i tassisti bisognerebbe toccare le minicipalizzate ma se mai si comincia è difficile poi raggiungere obiettivi più ambiziosi. C'è da sperare che il nuovo esecutivo non sia già prigioniero della paludosa politica italiana, fatta di ricatti e contro ricatti, di lobby e contro lobby. Se così fosse saremmo nei guai perchè significherebbe che neppure un governo che non ha problemi elettorali è in grado di portare il paese fuori dalle secche della crisi. 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Aldus
Mar, 27/12/2011 - 19:49
Aldus
Caro "economista" Perini, è bello sapere che dall'alto della Sua saggezza, ha concluso che il pauroso debito italiano sarà abbattuto raddoppiando le licenze pubbliche di taxisti e farmacisti. Il Presidente Monti, sapientemente pungolato dalle sue acutissime parole, saprà così ritrovare il mitico ruggito che terrorizzò il monopolista Bill Gates. Grazie Perini, grazie della sua visione illuminata che spiana così la strada per la difficile salvezza del paese. Aldus da Parma
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

La prima astronauta italiana è partita per lo spazio.

Samantha Cristoforetti decollerà alle 21,59 ora italiana

Regionali, Emilia Romagna e Calabria al voto: crolla l'affluenza

Urne aperte dalle 7 alle 23 per l'elezioni dei governatori

La scienza occulta dietro alla copertina dei libri

In un libro il testo non è tutto. Conta molto anche la copertina. Spesso è perfino la cosa migliore
SHARE

Istruzioni per stringere nuove amicizie anche da adulti

Matrimonio e carriera impediscono nuovi legami. Essere soli è più rischioso che essere fumatori
SHARE

Spiare l’intimità degli abitanti di Parigi

Una fotografa americana ha ripreso la vita privata di alcuni cittadini, catturando momenti unici
SHARE

La mappa che rivela quanto è rumorosa la tua città

Applicazioni e mappe di centri europei monitorano l’inquinamento acustico
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Gascoigne sta meglio, si è messo a dieta, va in palestra e beve meno

Gazza beccato dal Daily Mail fuori da un supermercato

Come Barilla si è trasformata in un’azienda paladina dei diritti dei gay

Dopo l’uscita di Guido Barilla, la società ha finanziato associazioni gay, esteso programmi sanitari a transgender e usato una coppia lesbica in una promozione