Leggendo le cronache di queste ore, sentendo i commenti del ministro Corrado Passera sulle terribili resistenze delle corporazioni italiane alle timide liberalizzazioni annunciate dal governo guidato da Mario Monti, e osservando la grande cautela con la quale il nuovo esecutivo si muove sul terreno delle liberalizzazioni mi è sono posto un atroce quesito: vuoi vedere che i tassisti e i farmacisti italiani sono più potenti del gigante di Bill Gates. Il dubbio mi è venuto pensando alla biografia politica e professionale del presidente del Consiglio Mario Monti che come tutti ricorderanno prima di essere chiamato nelle paludi della politica italiana a risanare l'economia ereditata dall'era di Berlusconi è stato per anni commissario europeo per la concorrenza. E tutti lo consideravano il terrore dei monopolisti. Le cronache di quell'epoca ricordano un Monti assai combattivo e corrosivo contro gli sgarri alla concorrenza compiuti in più occasioni da Microsoft e da altri grandi gruppi. L'allora commissario alla concorrenza non guardava in faccia a nessuno e la multa che diede alla Microsoft fece molto arrabbiare Bill Gates e fece tremare i polsi a molti colossi industriali statunitensi e europei timorosi di fare la stessa fine. E' stato lo stesso Mario Monti a ricordare con orgoglio le sue battaglie europee per la libera concorrenza. Perchè allora tanta timidezza da parte del capo di governo nell'arginare le corporazioni italiane, nel dare un segnale "liberal" all'economia italiana? Perchè al primo segnale di resistenza il governo ha messo il piede sul freno? Fanno così paura i tassisti e i farmacisti italiani? Perchè scontentare milioni di pensionati e non quelle corporazioni che paralizzano il nostro sistema economico? Certo dopo i farmacisti e i tassisti bisognerebbe toccare le minicipalizzate ma se mai si comincia è difficile poi raggiungere obiettivi più ambiziosi. C'è da sperare che il nuovo esecutivo non sia già prigioniero della paludosa politica italiana, fatta di ricatti e contro ricatti, di lobby e contro lobby. Se così fosse saremmo nei guai perchè significherebbe che neppure un governo che non ha problemi elettorali è in grado di portare il paese fuori dalle secche della crisi. 

COMMENTI /

Ritratto di Aldus
Mar, 27/12/2011 - 19:49
Aldus
Caro "economista" Perini, è bello sapere che dall'alto della Sua saggezza, ha concluso che il pauroso debito italiano sarà abbattuto raddoppiando le licenze pubbliche di taxisti e farmacisti. Il Presidente Monti, sapientemente pungolato dalle sue acutissime parole, saprà così ritrovare il mitico ruggito che terrorizzò il monopolista Bill Gates. Grazie Perini, grazie della sua visione illuminata che spiana così la strada per la difficile salvezza del paese. Aldus da Parma
SHARE
Accadde Domani
Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Obama: Mosca non rispetta il patto di Ginevra

"Non pensiamo che la soluzione militare sia la risposta giusta e continuiamo a lavorare alla soluzione diplomatica"

Kabul, guardia di sicurezza uccide tre stranieri in un ospedale

Tra le vittime ci sarebbe un dottore. Ancora ignote le nazionalità

Decreto Irpef, attesa oggi la firma di Napolitano

Il testo è stato esaminato nel suo complesso

Innamorarsi a Pyongyang: la vita di coppia in Nordcorea

Come funzionano gli appuntamenti? Come ci si conosce? Quali ostacoli? Il racconto di un esiliato
SHARE

Cinque cose che forse non sapevate su Shakespeare

Nel giorno del suo compleanno che, e questa è la prima cosa, coincide con quello della sua morte
SHARE

L’arte sottile dei saluti e delle strette di mano

In ogni Paese ci sono codici di saluto diversi: meglio impararli prima di andarci con questo video
SHARE

Lo splendore della risonanza magnetica sulla verdura

Un utilizzo artistico di uno strumento medico rivela mondi impensabili per cose di tutti i giorni
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Persone che leggono nella mente: come comunica chi resta in stato semivegetativo

Cercano, attraverso scansioni cerebrali di mettersi in contatto con chi è a metà tra la vita e la morte

Perché un libro di economia di oltre 700 pagine è diventato un bestseller

Thomas Piketty ha regalato alla sinistra americana una struttura solida dove coltivare le proprie idee

Come riportare in vita una foresta devastata

I grandi disastri di solito non hanno rimedio, la forza distruttiva dell’uomo ha modificato il paesaggio in modo radicale. Ma ora le cose possono cambiare