Blog di

di Federica Facchin

Sulla strage di Denver. La mela bacata, l'albero e la terra

Blog post del 24/07/2012
Parole chiave: 

Ha ucciso, e sarà la legge a giudicare, perché è così che deve andare, è la giustizia degli uomini con tutte le sue implicazioni, anche quando di umano non hanno proprio nulla. Ma qui si scrive nella passione per le storie, con l’idea che fermarsi all’assassino sia un po’ come guardare il dito che indica anziché la luna.

È confortevole individuare la mela bacata quando è già caduta a terra, non ci si domanda da quale ramo provenga. E magari si trattava di un albero malato, con radici in un terreno arido, o velenoso.

Ma la mela è una rassicurante evidenza, cioè che per ignorare e dimenticare basta eliminare il frutto marcio. Per questo racconto una storia (anche se magari è pura fiction), per puntare all’umano oltre l’assassino.

Mr. Nobody entra in un cinema e spara. E non lo fa perché qualcosa del film in oggetto ha stuzzicato la sua follia, il film è intercambiabile, probabilmente, ma in ogni caso: chi lo sa. Bane, Joker, Batman, chissenefrega. Perché questi sono dettagli che si dispongono su uno sfondo, la figura sta altrove. Ad esempio qui, quando la madre dice, pigramente: “Avete preso quello giusto”.

Ed ecco l’albero.

Mr. Nobody è uno, nessuno e centomila. Certamente ha un nome e un cognome (James Holmes, precisamente), ma questo non basta a dargli un posto nel mondo. E chi se l’è mai filato questo ragazzino, che probabilmente è nato nell’ombra e così ha trascorso gran parte della sua vita – quando si dice “era un tipo tranquillo” – al punto che nemmeno ci si accorgeva di lui.

La madre, comoda, prende atto: il suo figliolo picchiatello alla fine l’ha fatta grossa. Una mela bacata, niente di più. Lo sguardo materno (e il padre chissà dov’è, dov’era) si posa su un frutto marcio.

Mr. Nobody non è mai stato investito di un desiderio particolare, dono di un padre che dà il nome con tutte le sue implicazioni, nel bene e nel male: “Tu sei colui che mi seguirà”. Intorno a questa investitura un bambino cresce, vive, gioisce e patisce, ma lo fa avendo un’eredità con cui fare i conti. Un posto.

Mr. Nobody è rimasto incollato a quello sguardo che ne ha fatto uno scarto. Ad un certo punto ha anche provato a diventare Mr. Doctor, con gli studi di medicina, un dottorato, forse. Ma non ha funzionato, probabilmente lo ha solo rinforzato nella sua identificazione con il nulla.

Così Mr. Nobody si traveste, entra in un cinema e spara. Ora è James Holmes, il ventiquattrenne stragista che ha ammazzato e ferito persone, e riempito il proprio appartamento di esplosivo. Ora ha su di sé gli occhi di un mondo che gode nell’individuare il mostro, ed entrerà nella gloria come quello che a Denver ha seminato terrore. Non è più possibile non vederlo, è diventato un colosso. Probabilmente dalla sua prigione ritaglierà articoli di giornale che parlino di lui, ricordandogli che finalmente è qualcuno. La sua vita comincia adesso.

Poi c’è l’America con le sue pistole, e questa è una storia che non si può più sentire. È l’America ad armare il braccio dei Mr. Nobody che entrano a scuola, nei college, nei cinema, e sparano. Il fucile diventa una protesi che fa da supplenza a qualcosa che non c’è, come un arto artificiale. Le armi trasformano il nulla in onnipotenza, giovani Frankenstein se le portano in giro in certi Stati come l’Arizona (ricordate un certo Jared Loughner? http://www.time.com/time/magazine/article/0,9171,2042358,00.html), dove se hai 21 anni e vuoi una pistola, beh, nessuno ti fa domande.

L’America che vedo ora, dalla mia finestra, ha una faccia che dice: “Play it safe, safety first”. È quell’America che si fa paura, che organizza security per proteggersi da se stessa.

Ed ecco la terra.
 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti