Blog di

di Federica Facchin

Sulla strage di Denver. La mela bacata, l'albero e la terra

Blog post del 24/07/2012
Parole chiave: 

Ha ucciso, e sarà la legge a giudicare, perché è così che deve andare, è la giustizia degli uomini con tutte le sue implicazioni, anche quando di umano non hanno proprio nulla. Ma qui si scrive nella passione per le storie, con l’idea che fermarsi all’assassino sia un po’ come guardare il dito che indica anziché la luna.

È confortevole individuare la mela bacata quando è già caduta a terra, non ci si domanda da quale ramo provenga. E magari si trattava di un albero malato, con radici in un terreno arido, o velenoso.

Ma la mela è una rassicurante evidenza, cioè che per ignorare e dimenticare basta eliminare il frutto marcio. Per questo racconto una storia (anche se magari è pura fiction), per puntare all’umano oltre l’assassino.

Mr. Nobody entra in un cinema e spara. E non lo fa perché qualcosa del film in oggetto ha stuzzicato la sua follia, il film è intercambiabile, probabilmente, ma in ogni caso: chi lo sa. Bane, Joker, Batman, chissenefrega. Perché questi sono dettagli che si dispongono su uno sfondo, la figura sta altrove. Ad esempio qui, quando la madre dice, pigramente: “Avete preso quello giusto”.

Ed ecco l’albero.

Mr. Nobody è uno, nessuno e centomila. Certamente ha un nome e un cognome (James Holmes, precisamente), ma questo non basta a dargli un posto nel mondo. E chi se l’è mai filato questo ragazzino, che probabilmente è nato nell’ombra e così ha trascorso gran parte della sua vita – quando si dice “era un tipo tranquillo” – al punto che nemmeno ci si accorgeva di lui.

La madre, comoda, prende atto: il suo figliolo picchiatello alla fine l’ha fatta grossa. Una mela bacata, niente di più. Lo sguardo materno (e il padre chissà dov’è, dov’era) si posa su un frutto marcio.

Mr. Nobody non è mai stato investito di un desiderio particolare, dono di un padre che dà il nome con tutte le sue implicazioni, nel bene e nel male: “Tu sei colui che mi seguirà”. Intorno a questa investitura un bambino cresce, vive, gioisce e patisce, ma lo fa avendo un’eredità con cui fare i conti. Un posto.

Mr. Nobody è rimasto incollato a quello sguardo che ne ha fatto uno scarto. Ad un certo punto ha anche provato a diventare Mr. Doctor, con gli studi di medicina, un dottorato, forse. Ma non ha funzionato, probabilmente lo ha solo rinforzato nella sua identificazione con il nulla.

Così Mr. Nobody si traveste, entra in un cinema e spara. Ora è James Holmes, il ventiquattrenne stragista che ha ammazzato e ferito persone, e riempito il proprio appartamento di esplosivo. Ora ha su di sé gli occhi di un mondo che gode nell’individuare il mostro, ed entrerà nella gloria come quello che a Denver ha seminato terrore. Non è più possibile non vederlo, è diventato un colosso. Probabilmente dalla sua prigione ritaglierà articoli di giornale che parlino di lui, ricordandogli che finalmente è qualcuno. La sua vita comincia adesso.

Poi c’è l’America con le sue pistole, e questa è una storia che non si può più sentire. È l’America ad armare il braccio dei Mr. Nobody che entrano a scuola, nei college, nei cinema, e sparano. Il fucile diventa una protesi che fa da supplenza a qualcosa che non c’è, come un arto artificiale. Le armi trasformano il nulla in onnipotenza, giovani Frankenstein se le portano in giro in certi Stati come l’Arizona (ricordate un certo Jared Loughner? http://www.time.com/time/magazine/article/0,9171,2042358,00.html), dove se hai 21 anni e vuoi una pistola, beh, nessuno ti fa domande.

L’America che vedo ora, dalla mia finestra, ha una faccia che dice: “Play it safe, safety first”. È quell’America che si fa paura, che organizza security per proteggersi da se stessa.

Ed ecco la terra.
 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Turchia, uomo armato nella sede dell’AKP, arrestato

Non ci sono stati feriti. Il nuovo attacco è avvenuto il giorno dopo il sequestro a Istanbul di un magistrato da parte di membri del gruppo di estrema sinistra

Turchia, muore dopo il blitz il magistrato sequestrato

Dopo sette ore di trattative fallite, le forze speciali irrompono nel tribunale di Istanbul per liberare l'ostaggio: esplosioni, fumo e colpi di arma da fuoco

Turchia, il magistrato sequestrato è morto. Nel blitz uccisi due sequestratori

Mehmet Selim Kiraz, è morto dopo essere arrivato in gravi condizioni in ospedale e dopo essere stato sottoposto ad un intervento chirurgico disperato

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&mirco negativi scarabocchi smemoranda

Le regole di Tolstoj per vivere la vita perfetta

Consigli di disciplina rigida, quasi prussiana, per migliorare la propria esistenza

Trucchi per non abboccare ai pesci d’Aprile

Scherzi, scherzoni e trappole di ogni tipo. Guida per evitare, stavolta, di far la figura del pesce

Confondi spesso destra e sinistra? Ecco perché

È un operazione più complessa di quanto sembri. E a volte sbagliare può provocare veri disastri

Il fascino (molto) nascosto dei codici aeroportuali

Perché Malpensa è MXP e Toronto YYZ? Lo spiega un sito che potrebbe anche riempire le vostre serate

PRESI DAL WEB

Istat, la fiducia dei consumatori al massimo dal 2002

Migliorano le aspettative: la componente economica è quella più consistente

L’aberrante post di Beppe Grillo: Lubtiz è come Renzi, che ci guida al disastro

La tragedia della Germanwings ha ispirato l’ex comico ligure suggerendo un paragone quantomeno indelicato: l’uomo solo al comando e lo schianto finale

Zayn Malik lascia gli One Direction: i fan sono sconvolti

Il membro del gruppo amato dai teenager ha deciso, dopo cinque anni, di lasciare i suoi compagni. "Desidero avere la vita di un 22enne normale. E rilassarmi"