Blog di

di Federica Facchin

Sulla strage di Denver. La mela bacata, l'albero e la terra

Blog post del 24/07/2012
Parole chiave: 

Ha ucciso, e sarà la legge a giudicare, perché è così che deve andare, è la giustizia degli uomini con tutte le sue implicazioni, anche quando di umano non hanno proprio nulla. Ma qui si scrive nella passione per le storie, con l’idea che fermarsi all’assassino sia un po’ come guardare il dito che indica anziché la luna.

È confortevole individuare la mela bacata quando è già caduta a terra, non ci si domanda da quale ramo provenga. E magari si trattava di un albero malato, con radici in un terreno arido, o velenoso.

Ma la mela è una rassicurante evidenza, cioè che per ignorare e dimenticare basta eliminare il frutto marcio. Per questo racconto una storia (anche se magari è pura fiction), per puntare all’umano oltre l’assassino.

Mr. Nobody entra in un cinema e spara. E non lo fa perché qualcosa del film in oggetto ha stuzzicato la sua follia, il film è intercambiabile, probabilmente, ma in ogni caso: chi lo sa. Bane, Joker, Batman, chissenefrega. Perché questi sono dettagli che si dispongono su uno sfondo, la figura sta altrove. Ad esempio qui, quando la madre dice, pigramente: “Avete preso quello giusto”.

Ed ecco l’albero.

Mr. Nobody è uno, nessuno e centomila. Certamente ha un nome e un cognome (James Holmes, precisamente), ma questo non basta a dargli un posto nel mondo. E chi se l’è mai filato questo ragazzino, che probabilmente è nato nell’ombra e così ha trascorso gran parte della sua vita – quando si dice “era un tipo tranquillo” – al punto che nemmeno ci si accorgeva di lui.

La madre, comoda, prende atto: il suo figliolo picchiatello alla fine l’ha fatta grossa. Una mela bacata, niente di più. Lo sguardo materno (e il padre chissà dov’è, dov’era) si posa su un frutto marcio.

Mr. Nobody non è mai stato investito di un desiderio particolare, dono di un padre che dà il nome con tutte le sue implicazioni, nel bene e nel male: “Tu sei colui che mi seguirà”. Intorno a questa investitura un bambino cresce, vive, gioisce e patisce, ma lo fa avendo un’eredità con cui fare i conti. Un posto.

Mr. Nobody è rimasto incollato a quello sguardo che ne ha fatto uno scarto. Ad un certo punto ha anche provato a diventare Mr. Doctor, con gli studi di medicina, un dottorato, forse. Ma non ha funzionato, probabilmente lo ha solo rinforzato nella sua identificazione con il nulla.

Così Mr. Nobody si traveste, entra in un cinema e spara. Ora è James Holmes, il ventiquattrenne stragista che ha ammazzato e ferito persone, e riempito il proprio appartamento di esplosivo. Ora ha su di sé gli occhi di un mondo che gode nell’individuare il mostro, ed entrerà nella gloria come quello che a Denver ha seminato terrore. Non è più possibile non vederlo, è diventato un colosso. Probabilmente dalla sua prigione ritaglierà articoli di giornale che parlino di lui, ricordandogli che finalmente è qualcuno. La sua vita comincia adesso.

Poi c’è l’America con le sue pistole, e questa è una storia che non si può più sentire. È l’America ad armare il braccio dei Mr. Nobody che entrano a scuola, nei college, nei cinema, e sparano. Il fucile diventa una protesi che fa da supplenza a qualcosa che non c’è, come un arto artificiale. Le armi trasformano il nulla in onnipotenza, giovani Frankenstein se le portano in giro in certi Stati come l’Arizona (ricordate un certo Jared Loughner? http://www.time.com/time/magazine/article/0,9171,2042358,00.html), dove se hai 21 anni e vuoi una pistola, beh, nessuno ti fa domande.

L’America che vedo ora, dalla mia finestra, ha una faccia che dice: “Play it safe, safety first”. È quell’America che si fa paura, che organizza security per proteggersi da se stessa.

Ed ecco la terra.
 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti

Perché crediamo di capire i sentimenti dalle espressioni e sbagliamo

Nuovi studi dimostrano che la capacità di intuire i pensieri e le emozioni del prossimo dal suo sguardo sono molto più limitate di quanto si pensi