Blog di

di Conrad Bercah

'Lasciarsi andare.' Il nuovo Armani Hotel di Milano

Blog post del 12/11/2011

 

Il bicchiere, si sa, è sempre mezzo vuoto o mezzo pieno.
Durante gli anni ottanta Milano era una città da bere.
Gli stilisti—Armani in testa—hanno preso lo slogan alla lettera.
In trenta anni hanno letteralmente prosciugato la città.
Come si dice in gergo, si sono lasciati andare.
Molto poco è rimasto a Milano oltre il fashion.
Il fashion system si è bevuto Milano.

Inaugurando il suo nuovo Hotel a Milano, Armani ha detto ieri che Milano 'si è lasciata andare.’

Chi vede il bicchiere mezzo pieno, dice che Armani, con il suo Hotel, ha fatto un investimento importante per Milano.
Chi lo vede mezzo vuoto, dice che Armani, con il suo Hotel, ha fatto un investimento importante per se stesso cercando di capitalizzare al massimo il suo brand tramite una nuova, perfetta, cash cow.
Chi lo vede, insieme, vuoto e pieno, dice che Armani ha fatto un investimento importante su Milano nel modo sbagliato: come Julian Kay—il protagonista di American Gigolo, il film che lo ha lanciato nel 1980 che del lasciarsi andare ha fatto un (lucrosa) professione—Giorgio Armani si è 'lasciato andare.'

Pochi pensano che fosse il modo più appropriato per ripagare la città in cui ha ‘trovato sé stesso.’
Armani ha mollato tutti gli ormeggi del buon gusto.
Armani ha fatto un selling out al cattivo gusto, alla tirannia del logo, alla smania di potere che produrrà forse un sold out del nuovo tempio per il 'lasciarsi andare'--l'Armani Hotel--ma un permanent devaluation of his legacy con l’aiuto di ‘stars’ non esattamente all’altezza della sua reputazione…..
 

 

 

 

COMMENTI /

Ritratto di Francesco Garofalo
Dom, 13/11/2011 - 17:20
Francesco Garofalo
Sembra anche a me che le cose stiano così. La questione è che la moda è una presenza in Italia e a Milano che in parte è industria e business in parte è cultura. I due insiemi sono sovrapposti in piccola parte. Conviene prestare attenzione alla sovrapposizione, e tenere un atteggiamento leggero e ironico verso le cadute, anche se sono accompagnate da una grande fanfare, come questa. Stefano Boeri, che in Comune di occupa anche di questo, come si muove?
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Legge di stabilità, arrivata la lettera Ue che chiede chiarimenti all’Italia

Sul tavolo del governo i rilievi tecnici che la Commissione ha sollevato sulla manovra

Bibeau, l’attentatore di Ottawa era un «viaggiatore a rischio»

Già noto alla polizia, a luglio gli era stato ritirato il passaporto perché considerato elemento pericoloso e pronto ad unirsi alle forze armate in Iraq e Siria

Elena Ceste è morta, la conferma dal DNA: il suo corpo ritrovato nell'astigiano

La donna, mamma di quattro bambini, era scomparsa da casa lo scorso 24 gennaio

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti

Perché crediamo di capire i sentimenti dalle espressioni e sbagliamo

Nuovi studi dimostrano che la capacità di intuire i pensieri e le emozioni del prossimo dal suo sguardo sono molto più limitate di quanto si pensi