Blog di

di Conrad Bercah

'Lasciarsi andare.' Il nuovo Armani Hotel di Milano

Blog post del 12/11/2011

 

Il bicchiere, si sa, è sempre mezzo vuoto o mezzo pieno.
Durante gli anni ottanta Milano era una città da bere.
Gli stilisti—Armani in testa—hanno preso lo slogan alla lettera.
In trenta anni hanno letteralmente prosciugato la città.
Come si dice in gergo, si sono lasciati andare.
Molto poco è rimasto a Milano oltre il fashion.
Il fashion system si è bevuto Milano.

Inaugurando il suo nuovo Hotel a Milano, Armani ha detto ieri che Milano 'si è lasciata andare.’

Chi vede il bicchiere mezzo pieno, dice che Armani, con il suo Hotel, ha fatto un investimento importante per Milano.
Chi lo vede mezzo vuoto, dice che Armani, con il suo Hotel, ha fatto un investimento importante per se stesso cercando di capitalizzare al massimo il suo brand tramite una nuova, perfetta, cash cow.
Chi lo vede, insieme, vuoto e pieno, dice che Armani ha fatto un investimento importante su Milano nel modo sbagliato: come Julian Kay—il protagonista di American Gigolo, il film che lo ha lanciato nel 1980 che del lasciarsi andare ha fatto un (lucrosa) professione—Giorgio Armani si è 'lasciato andare.'

Pochi pensano che fosse il modo più appropriato per ripagare la città in cui ha ‘trovato sé stesso.’
Armani ha mollato tutti gli ormeggi del buon gusto.
Armani ha fatto un selling out al cattivo gusto, alla tirannia del logo, alla smania di potere che produrrà forse un sold out del nuovo tempio per il 'lasciarsi andare'--l'Armani Hotel--ma un permanent devaluation of his legacy con l’aiuto di ‘stars’ non esattamente all’altezza della sua reputazione…..
 

 

 

 

COMMENTI /

Ritratto di Francesco Garofalo
Dom, 13/11/2011 - 17:20
Francesco Garofalo
Sembra anche a me che le cose stiano così. La questione è che la moda è una presenza in Italia e a Milano che in parte è industria e business in parte è cultura. I due insiemi sono sovrapposti in piccola parte. Conviene prestare attenzione alla sovrapposizione, e tenere un atteggiamento leggero e ironico verso le cadute, anche se sono accompagnate da una grande fanfare, come questa. Stefano Boeri, che in Comune di occupa anche di questo, come si muove?
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Vivendi: esclusiva a Telefonica per Gvt. Non bastano i 7 mld offerti da Telecom

La guerra per il controllo della telefonia Brasiliana. Gli spagnoli hanno rialzato la loro proposta iniziale a 7,45 miliardi di euro

43 peacekeeper Onu sono nelle mani di un gruppo armato nelle alture del Golan

Altri 81 peacekeeper sono intrappolati. Lo riporta l’Associated Press

Rimbalzo maggiore del previsto: l’economia Usa cresce del 4,2%

Nel secondo trimestre gli Stati Uniti recuperano il -2,1% dei primi tre mesi del 2014

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Quattro cibi che mangiate in modo sbagliato

Il sushi, per esempio, non lo indovina nessuno. Stessa cosa per ramen e cibo indiano. Una guida
SHARE
Convinzioni diffuse

L’atlante degli stereotipi in Europa

Cosa pensano gli Europei dell’Europa? Queste venti mappe mostrano tutti i pregiudizi più radicati
SHARE

Cinque regole di etichetta per i viaggiatori in aereo

La classe economica è più stretta e scomoda: non peggioriamo il volo con brutti comportamenti
SHARE

La tavola periodica dello storytelling

Tutti i trucchi e le componenti della narrazione raccolti insieme e spiegati voce per voce
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Batistuta shock: "Chiesi di tagliarmi le gambe, urinavo nel letto"

Il dramma del bomber argentino ex Fiorentina, Roma e Inter: "Non riuscivo più ad alzarmi dal letto, vidi Pistorius e pensai che qu

Cosa succede se si rimane svegli troppo a lungo

C’è chi si domanda cosa potrebbe accadere rimanendo svegli troppo a lungo. E, come era da attendersi, non ci sono buone notizie

Addio alla pellicola: cosa succederà ai film quando Hollywood diventerà digitale

In un video l’intervista a due proiezionisti nel loro ultimo giorno di lavoro