Blog di

Sovversione e letteratura: auguri Valerio Evangelisti

Blog post del 20/06/2012

«La narrativa di genere non è un blocco unico, quale spesso viene dipinto. Fantascienza e horror non sono consolanti per nulla, e non lo è nemmeno il Noir, che ha intriso di pessimismo il giallo classico. Tutto ciò, ovviamente, non implica automatiche valenze sovversive. Queste possono emergere se si elabora un progetto consapevole, come ha fatto Manchette col Noir francese».

Valerio Evangelisti in una intervista rilasciata a Filippo La Porta e pubblicata su Musica di Repubblica

Valerio Evangelisti, nato il 20 giugno del 1952, è uno che crede fortemente nel potere sovversivo della letteratura. Lo riporta in bella posta anche il sito di cui è stato fondatore, cioè Carmillaonline.com, dove si legge “letteratura, immaginario e cultura di opposizione”. Impegno manifesto nella scelta del nome (Carmilla è stata la prima vampira della storia della letteratura apparsa sull'omonimo racconto di Sheridan Le Fanu, in anticipo anche sul Dracula di Bram Stoker) e nelle posizioni assunte (diverse, ad esempio, le battaglie a sostegno di Cesare Battisti o dei movimenti antagonisti). Evangelisti, insomma, non ha mai occultato o mascherato da che parte predilige stare. Non è solo letteratura d'evasione, come si diceva un tempo per screditarla, ma è, invece, azione sociale.


Storico di formazione, Valerio Evangelisti vince il Premio Urania nel 1993, diventando un fenomeno letterario con la saga dell’inquisitore Eymerich. Operazione che ripeterà col ciclo di Nostradamus, il ciclo del Metallo Urlante, e a seguire col ciclo messicano e il ciclo dei pirati. La vecchia concezione weird, tipica di molti autori americani tra fine ed inizio novecento, di concepire delle storie a lungo termine e a ciclo, viene in Evangelisti completamente rivoluzionata ed ispessita di valore. Lo storico e il narratore popolare trionfano e si miscelano nell’opera del bolognese, che riesce nell’impresa di costruire una trama e una scrittura multistrato, che ad un livello più “basso” coinvolgono per la trama avventurosa, ma che, allo stesso tempo, incalzano per i precisi riferimenti religiosi, filosofici e storici. Evangelisti spazia un po’ ovunque: riprende un inquisitore spagnolo, ricostruisce pezzi della storia americana, cita ed elabora studiosi complessi del calibro di Reich, realizza un ciclo con precisi riferimenti all’heavy metal.

«Trovo ridicoli e assurdi gli scritti degli storici che tentano di riabilitare l’Inquisizione. A mio parere si collocano nella generale ondata di “revisionismo” che investe la storiografia, e che mira a difendere, in nome dell’anticomunismo, manifestazioni di barbarie e di oscurantismo: l’Inquisizione, certo, ma anche il fascismo, il nazismo, ecc. Mentre si attaccano la rivoluzione francese, la resistenza al nazifascismo, le battaglie per la democrazia, e tutti i momenti storici in cui si è fatta strada l’idea di eguaglianza.
 In Italia questa tendenza è molto forte, ma temo che si tratti di un fenomeno europeo.»

Evangelisti discute di revisionismo e Nicolas Eymerich, Gigamesh, Spagna (2001)

L’autore bolognese è questo, ma anche un punto di riferimento per la narrativa popolare europea. Per i puristi delle correnti letterarie sarebbe un punto di riferimento del New Weird, e lui stesso ha ammesso che alcuni suoi romanzi starebbero a pieno titolo nel corpus della New Italian Epic (lo stile epico italiano teorizzato da Wu Ming 1) ma Evangelisti è innanzitutto un immaginifico travalicatore e miscelatore di genere. Almeno così ci piace immaginarlo.

Filippo Grasso 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti