Blog di

di Massimo Sorci

Liberalizzazioni: cambiare poco per non cambiare niente

Blog post del 21/12/2011

Ma il benaltrismo è la malattia senile dei gattopardi? Non è detto. L’assioma per cui, quando c’è da mettere mano a un’impresa difficile, sarebbero sempre “ben altre” le cose da cui cominciare, può diventare l’alibi per lasciare tutto così come è. Spesso è vero. Però non sempre.



Prendete il “vasto programma” delle liberalizzazioni. Non sono convinto che sia politicamente efficace pensare che – intanto – meglio muovere la classifica. Che sia preferibile iniziare – una buona volta! – a menare fendenti alle rendite di posizione, anche le più insignificanti, purché si parta. Da chi cominciamo, dai tassisti? O dagli edicolanti? E poi chi altri?

Bisogna liberalizzare “non tanto i taxi” – ha scritto Michele Boldrin su Linkiesta, e sono parecchio d’accordo – “quanto settori come quello bancario, dei trasporti, delle comunicazioni e dell’educazione”. Non solo perché lì c’è più ciccia, ma perché non decidi di andare a bonificare l’agro pontino e poi lasci, intorno, una cintura di terreni infestati dalla zanzare. Prima o poi va tutto a ramengo.

Parliamo, per esempio, delle misure di liberalizzazione del mercato del lavoro. Non si debbono avere pregiudiziali, ok, discutiamo “senza tabù” di articolo 18. Puzza un po’ però la posizione del vicepresidente di Confindustria Bombassei che non vuole sentir parlare di reddito minimo garantito. Mi sembra un modo curioso di cominciare a discutere “senza tabù”.

Facciamo così, decidiamo uno switch-off integrale. Monti e la Fornero tirano giù un grande interruttore rosso e, bon, da oggi in poi siamo tutti liberalizzati. Tutti. Avvocati, banche, farmacisti, padri maristi. Perché altrimenti il tassista potrebbe chiedersi: ma perché solo io? Pensiamo ad una simultaneità, cavolo! Come è successo per l’euro. Come succede per l’ora legale. Come si fa nel cenone di San Silvestro. Ci si mette d’accordo e, ad un’ora X, il mondo cambia passo.

Perché la sensazione è che molti vorrebbero solo le liberalizzazioni altrui e che si inizi proprio da quelle categorie che hanno minore impatto in termini di potere. Perché è più facile, più diretto, più notiziabile. Certo, la vulgata francescana della pietra-dopo-l’altra, la retorica del passo lento che porta da Canterbury a Roma è, in linea di massima, da condividere. Anche se può risultare vagamente ipocrita. Perché il principe di Salina, da gran dissimulatore, ci sballa e ha già pronta – alla faccia del benaltrismo – una rivisitazione della sua regola aurea. Cambiare poco per non cambiare nulla.
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Escort, le intercettazioni di Berlusconi: “Stasera ho due bambine”

Sono state depositate a Bari le trascrizioni delle intercettazioni fiume effettuate dai magistrati nell'ambito del processo sulle escort

Alfano riferisce al Senato sulle devastazioni dei tifosi del Feyenoord

Durante gli atti di teppismo fu danneggiata anche la “Barcaccia’ di piazza di Spagna a Roma

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Cosa postare e cosa no: guida per non rovinarsi la vita

Usare i social network non è facile come sembra: l’idea di essere tra amici è solo un inganno
SHARE

I Lego rifanno la scena migliore di Ritorno al Futuro

Un fulmine deve colpire la torre dell’orologio della città e spedire Marty McFly nel futuro
SHARE

Alcol & amore: quanto serve bere al primo appuntamento?

Secondo uno studio britannico - e anche secondo il buonsenso - non molto. Qui ci sono i dati precisi
SHARE

Come preparare la buona birra di una volta

Una ricetta sumera di 5mila anni fa spiega come fare la birra più antica del mondo. Sa di sidro
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica