Blog di

di Massimo Sorci

Liberalizzazioni: cambiare poco per non cambiare niente

Blog post del 21/12/2011

Ma il benaltrismo è la malattia senile dei gattopardi? Non è detto. L’assioma per cui, quando c’è da mettere mano a un’impresa difficile, sarebbero sempre “ben altre” le cose da cui cominciare, può diventare l’alibi per lasciare tutto così come è. Spesso è vero. Però non sempre.



Prendete il “vasto programma” delle liberalizzazioni. Non sono convinto che sia politicamente efficace pensare che – intanto – meglio muovere la classifica. Che sia preferibile iniziare – una buona volta! – a menare fendenti alle rendite di posizione, anche le più insignificanti, purché si parta. Da chi cominciamo, dai tassisti? O dagli edicolanti? E poi chi altri?

Bisogna liberalizzare “non tanto i taxi” – ha scritto Michele Boldrin su Linkiesta, e sono parecchio d’accordo – “quanto settori come quello bancario, dei trasporti, delle comunicazioni e dell’educazione”. Non solo perché lì c’è più ciccia, ma perché non decidi di andare a bonificare l’agro pontino e poi lasci, intorno, una cintura di terreni infestati dalla zanzare. Prima o poi va tutto a ramengo.

Parliamo, per esempio, delle misure di liberalizzazione del mercato del lavoro. Non si debbono avere pregiudiziali, ok, discutiamo “senza tabù” di articolo 18. Puzza un po’ però la posizione del vicepresidente di Confindustria Bombassei che non vuole sentir parlare di reddito minimo garantito. Mi sembra un modo curioso di cominciare a discutere “senza tabù”.

Facciamo così, decidiamo uno switch-off integrale. Monti e la Fornero tirano giù un grande interruttore rosso e, bon, da oggi in poi siamo tutti liberalizzati. Tutti. Avvocati, banche, farmacisti, padri maristi. Perché altrimenti il tassista potrebbe chiedersi: ma perché solo io? Pensiamo ad una simultaneità, cavolo! Come è successo per l’euro. Come succede per l’ora legale. Come si fa nel cenone di San Silvestro. Ci si mette d’accordo e, ad un’ora X, il mondo cambia passo.

Perché la sensazione è che molti vorrebbero solo le liberalizzazioni altrui e che si inizi proprio da quelle categorie che hanno minore impatto in termini di potere. Perché è più facile, più diretto, più notiziabile. Certo, la vulgata francescana della pietra-dopo-l’altra, la retorica del passo lento che porta da Canterbury a Roma è, in linea di massima, da condividere. Anche se può risultare vagamente ipocrita. Perché il principe di Salina, da gran dissimulatore, ci sballa e ha già pronta – alla faccia del benaltrismo – una rivisitazione della sua regola aurea. Cambiare poco per non cambiare nulla.
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Ferguson, in rete i documenti utilizzati dal Gran Giurì

I giurati hanno giudicato le prove insufficienti. Qui si può capire se la decisione è motivata o no
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des

Messico: altri 31 studenti rapiti da uomini armati

Dopo l’uccisione dei 43 studenti di Iguala, lo stesso accade al villaggio vicino di Cocula