Blog di

di Alice di Pietro

Quando il lusso è un compromesso

Blog post del 19/06/2012

MILANO. In tempi di crisi il lusso diventa un compromesso. E gli italiani hanno trovato il compromesso delle borse firmate di seconda mano. A confermarlo è Irene Frascà, titolare della Gioielleria Vintage uno dei più importanti showroom meneghini specializzato nella vendita di borse e oggetti di lusso usati, la prima a lanciare questo modello di business in Italia.

Irene Frascà - titolare della "Gioielleria Vintage" di Milano.

LUSSO E CRISI – L’Italia, nonostante la crisi, è ancora il paese leader mondiale nel settore della moda, ma le griffe premium sono acquistate nelle boutique solo da turisti russi e asiatici. Dunque le nostre disastrose condizioni economiche si rivelano un terreno fertile per l’usato di lusso. La parola “borse usate” nell’ultimo anno è stata cercata su internet in media 8100 volte al mese in Italia, e 14.800 volte nel mondo. Sui marchi più ricercati primeggia la maison francese Louis Vuitton, seguita da Chanel; mentre le città italiane in cui si effettuano il maggior numero di ricerche sono, in ordine, Torino, Milano, Roma e Napoli.


DAI GIOIELLI ALLE BORSE – “Ho aperto il negozio 3 anni fa con l’idea di dedicarmi alla vendita dei gioielli usati vintage o non, a prezzi più bassi rispetto alle boutique – spiega Irene Frascà -. Partiamo dal presupposto che il gioiello non è un investimento: è come una macchina, appena esci dal negozio si svaluta. Ed è lo stesso per la borsa e l’orologio. Per questo il ceto medio non spende molto in questo senso, perchè alla maggior parte dei miei clienti basta avere la borsa a 300 euro quando sul listino c’è scritto 1000 euro. La vera notizia è che di qui passano i veri ricchi”. La titolare di Gioielleria Vintage afferma che solo i super milionari sono interessati a “fare l’affare”, perché possono ambire a pagare 10mila euro un gioiello che ne costa 30 mila… e lo stesso discorso vale per borse e orologi. “E poi dobbiamo sempre prestare attenzione ai falsi” – mette in guardia Irene Frascà. Per i gioielli, gli orologi e le pietre preziose è facile distinguere un originale da un pezzo contraffatto: basta verificare la durezza e la purezza e prestare attenzione a poche linee guida. “Per le borse il discorso è molto più complicato: abbiamo la fortuna di avere vicino le più grandi boutique, e quindi quando non sono sicura dell’autenticità di un pezzo lo porto a fare controllare ai massimi esperti – rassicura -. Devo essere sicura di vendere una borsa autentica, perchè non si scherza con queste cose. Tutti i giorni mi portano borse false cercando di raggirarmi, ma noi prestiamo la massima attenzione a questi tentativi truffaldini che smascheriamo sempre”.

Borsa e cappellino Chanel, pezzi rari non in vendita. 


BORSE MANIA – La maggior parte delle borse vendute da Gioielleria Vintage è nuova e seminuova, ci sono pochi esemplari visibilmente usati e logorati: “sono tutti regali non graditi, o regali proibiti… per esempio l’amante che non può tornare a casa con la Birkin nuova e decide di venderla per tenersi i soldi”. E per il business dell’usato la crisi non è un ostacolo, anzi. “Vuoi o non vuoi, c’è sempre il ricco che vuole cambiare una borsa o fare un affare – puntualizza Irene Frascà -. Ma c’è anche la persona in difficoltà che non riesce ad arrivare a fine mese e che vende a noi (persino la fede nunziale) per ottenere i contanti e pagare le bollette… di qui passano tutti i ceti sociali”.Inoltre: “Il mondo delle borse usate non attira solamente chi vuole risparmiare senza rinunciare al prodotto firmato, ma anche chi è alla ricerca di modelli unici che non sono più in commercio, per avere qualcosa di diverso da tutti – specifica la titolare -. Il turista che viene in Italia per acquistare una borsa usata, è sicuro di trovare prodotti originali, in ottime condizioni, ricercati ed eleganti”.


I VIP – “Sto vendendo una anello fedina a giro di brillanti (valore commerciale 8mila euro, prezzo Gioelleria Vintage 5mila euro) a un noto cantante italiano che è in tour a Milano in questi giorni”. I calciatori, invece, sono dei fedeli acquirenti dell’usato: “scelgono borse e gioielli senza limiti di prezzo”. “Vengono soprattutto i giocatori dell’Inter perchè di fronte al negozio Gioielleria Vintage c’è il dentista dei neroazzurri – dice la titolare -. Una volta la mia collaboratrice non voleva fare entrare uno di loro, perché indossava abiti strappati, cappellino e occhiali da sole…insomma era tutto trasandato. Lei si è intimorita e gli ha chiesto persino un documento”. Qualche nome? Impossibile. “Noi siamo legati da un accordo tacito di riservatezza in accordo con i nostri clienti”.

da http://www.beautips.it/lusso-un-compromesso-il-boom-dellusato/

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti

Renzi a Catania, proteste: contatti tra polizia e manifestanti „Contatti tra polizia e manifestanti si sono registrati in via Vittorio Emanuele vicino al Duomo

Travaglio scarica Grillo e M5s: «Si sta suicidando, sembrano una setta»

«Il buon lavoro dei parlamentari pentastellati resta sullo sfondo»

M5s, Beppe Grillo lascia: «Sono stanchino, rimango garante»

Cinque persone si confronteranno con l'ex comico genovese

Robert Badinter, l’uomo che fermò la ghigliottina

Storia di un avvocato che decise di abolire la pena di morte in Francia, e di come ci riuscì
SHARE

Ridere con Truth Facts, i fatti veri più veri del vero

Sono vignette che rappresentano situazioni proverbiali, verità note a tutti ma mai diffuse
SHARE

Un anno di CO2: cosa succede nei cieli della Terra

I viaggi dell’inquinamento atmosferico in una simulazione molto chiara della Nasa
SHARE

Altro che Gates: il più ricco della storia è lui

Si chiamava Mansa Musa. Regalava tanto oro che, passando per l’Egitto, fece crescere l’inflazione
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Indiane d’America: la storia oscura di donne dimenticate ma libere

Nessuno conosce, a parte Pocahontas, un nome di squaw famose. Eppure, prima della conquista, vivevano in società molto più egalitarie di quelle europee

Leonardo Di Caprio e Angelina Jolie: come l’Onu sceglie i suoi ambasciatori

Non tutte le celebrità possono rappresentare l’Organizzazione. È un mix di marketing e di politica do tu des