Blog di

di Allegra Salvadori

A zonzo col prete giamaicano

Blog post del 16/07/2012
Parole chiave: 

E' iniziata la mia 24 ore col prete giamaicano. Mi spiego: Father Howard, da Londra, e ancor prima dalla Giamaica, è venuto a trovarci (peccato che mio marito sia partito) in Toscana. Aveva un matrimonio da celebrare, dice. E così, con mio marito, decidiamo di ospitarlo per qualche giorno. Sempre pensando di riuscire a piazzare Viola nella scuola pubblica della Chiesa di cui Father Howard è parroco. Ma sì dai, che vuoi che sia. Lo invitai quando stavo a Londra, sotto la pioggia incessante, e pur di parlare del sole e del bel paese, avrei fatto qualsiasi cosa. Compresa questa. Che per portarla a termine c'ho messo in mezzo tutta la famiglia, il priore e qualche sacerdote qua e là.

L'appuntamento era previsto per stamani mattina al Chiostro di Sant'Agostino di San Gimignano. Per prendere due piccioni con una fava, prenoto una stanza per me e Ponzi la sera prima. Mai ci fu occasione migliore per una serata romantica fuggendo dalle urla di figli e nipoti lasciati al mare con nonni, genitori, zii, cugini, fratelli, cognati. Il viaggio è per la via volterrana, ci avvolge un silenzio a cui non siamo più abituati ed è piacevole. Arrivati a San Gimignano, la sensazione è quella di stare dentro un cartone animato. Non so spiegarvi esattamente il perché, ma è tutto così piccolo e surreale che non sembra vero. Il borgo sembra un giocattolino, forse perché vedo orde di turisti che lo vivono in uno stato di estasi assoluta: per capirsi, occhi al cielo e bocche spalancate.

Giriamo liberi per le strade, mangiamo in una trattoria accanto a dei francesi, prendiamo un gelato che sembra essere il migliore del paese tante sono le foto dei premi vinti qua e là, e poi ci abbandoniamo ad un sonno riposante e necessario nella camera al secondo ed ultimo piano dell'albergo con vista sulla campagna sconfinata ed immune dagli scempi urbanistici. Dormo con le finestre spalancate perché mi piace sentire l'aria fresca col buio; ho persino il ricordo di essermi svegliata in mezzo alla notte e, guardando fuori dalla camera, di aver scorto la luna con una stella accanto, proprio come nella bandiera turca. Non so se sia mai successo, ma mi piace ricordarmelo. La mattina la prima colazione è servita al primo piano su un giardino pensile. Una volta usciti, mi fermo al primo bar nella piazza per abituarmi al paese e guardarlo con occhi nuovi: la piazza appunto, le persone ognuna col suo intento, percorso e pensiero, il giornale ed un caffé. Ecco, sono pronta. Chiostro di Sant'Agostino.

Incontriamo Father Howard e con lui assistiamo alla messa in inglese: ho qualche reminiscenza di preghiere in lingua anglosassone e canti in latino: sfoggio tutto il mio scibile, saluto, in ginocchio e via, verso Siena. A magnà, perché io a quel punto, non ci vedo più dalla fame. Guido i due uomini verso una trattoria ed una volta seduti imbastiamo conversazioni teologiche di tutto rispetto. Ma secondo me a Father Howard non gliene pò fregà de meno. Poi, infatti, una telefonata sul mio cellulare. E' per lui. Un uomo con voce aggraziata. Glielo passo. Parlano, ridono, si salutano, me lo ripassa. Ma che c'avranno da ride' questi due. Quindi, come se fosse logico, lo invito a cena. E anche a dormire. Ma perché non mi faccio mai i fatti miei? Vabeh dai Allegra, era simpatico, è un suo amico, sei solo stata gentile. No che non sono stata gentile, sono stata estremamente gentile, che bisogno c'era di essere COSI' gentile? e ora cosa gli dico ai miei suoceri che in casa non solo c'è il prete giamaicano, ma anche l'amico, giamaicano anche lui, e in più Ponzi che se ne torna a Londra? Dettagli Allegra, dettagli, non dire nulla, Ponzi è a fare un bancomat, non c'è bisogno di dire nulla a nessuno, tu vai avanti per la tua strada e poi vedrai che tutto andrà benissimo. Benissimo. Almeno i due si terranno compagnia. Ecco, appunto.

Dalla trattoria al Duomo di Siena vorrei una lettiga. Caffé - vino bianco-pici-al-ragout: 0-1. Voglio.Solo.Dormire. E invece no: Duomo dentro, Duomo fuori, Donatello, pulpito, Facciatone, Cripta (che poi cripta non è, ma allora che lo scrivete a fare, tanto per renderci tutti più ignoranti e confonderci le idee?), battistero. La mia spiritualità è ai massimi registrati. Ho inchini, acqua santa e santini da vendere. Rinunci a Satana? No, è lui che rinuncia a me. Sono diventata Santa. Le mie reliquie saranno esposte qui, insieme al braccio di San Giovanni (ma che schifo, c'era davvero, la religione è troppo pulp e splatter per me). Quadri e trittici ovunque, l'arte sacra: la pubblicità della religione. Alle 5 decidiamo che è giunta l'ora della nostra morte amen, no, che dico, del rientro. Fine, stop, basta, in macchina e tutti verso la campagna dove i suoceri sono venuti ad assistermi perché-li-ho-pregati-in-ginocchio-che-non-mi-lasciassero-sola. Io crollo in macchina e mi sveglio solo perché mi sento russare. Dolce, come sempre. Father Howard idem. Ponzi anche. No, Ponzi guidava. Arriviamo a casa e l'aria è fresca, meravigliosa, ci rimette tutti in sesto tanto che si apre un'altra bottiglia di vino e con qualche bocconcino di pecorino e pane toscano, mandiamo giù l'ennesimo bicerin de vin.

Accompagno Ponzi a Pisa (merda) a prendere l'aereo e sintonizzata sulla mitica Controradio, me ne torno in campagna dove trovo Father Howard e mio suocero. Chiudo casa, prendo la macchina ed andiamo a mangiare fuori. Pici all'anatra e tiramisu per tutti. Daje. La serata sta terminando ma il pensiero è già rivolto a domani quando il priore di santo qui e santo là mi attende per varie visite guidate, mosso da mia suocera, una potenza nel campo, e a mia nonna, alla quale ho promesso un caffé. Col prete giamaicano. Che lei poi farà la battuta tipo il nano su Obama: "Father Howard, ma lo sa che lei è proprio bello e abbronzato?". Ecco, a quel punto sarò veramente felice di avere questo blog per potervelo raccontare. 

Parole chiave: 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Lun, 16/07/2012 - 15:12
da schiantà!!!!! mitici!
SHARE
Ritratto di MamanonMama
Gio, 19/07/2012 - 11:23
MamanonMama
E allora? Poi che è successo? Ti ha convertito? Allegraaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!! PS: ecco il mio blog http://mamanonmama.mammacheblog.com PPS: non ho capito se poi a Londra ci torni o restate qua in Italia. Ma se restate qui, perkè non vi fate una capatina a Roma e ci venite a trovare??? Tanto di giretti sotto al sole ormai te ne intendi!!!! Simo
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Commissione Ue: raggiunta intesa su Mogherini agli esteri

Il polacco Donald Tusk è il nuovo presidente del Consiglio Ue

Marchionne bacchetta l’Italia: “Paese non competitivo, non in grado di reagire”

Dal meeting di Rimini: “Dal 2010 non è ancora cambiato nulla, è da 10 anni che ci vogliono riforme strutturali”

Golan: combattimenti in corso tra caschi blu filippini e ribelli siriani

L’Onu è presente sulle alture per monitorare la zona contesa tra Israele e Siria

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

La nostra vita trasformata in un videogioco

Un software permette di riprodurre situazioni tipiche della quotidianità, per capire come agire
SHARE

Quindici modi per sconfiggere il jet-lag

Un problema per chi viaggia in posti lontani. Si deve dormire, ma si può fare anche di più
SHARE

Consigli utili per smettere di rimandare sempre tutto

Procrastinare per molti è un vero e proprio modus vivendi, ecco come fare per smettere
SHARE

L’app che ti dice se sei dipendente dal tuo smartphone

Moment calcola tutto il tempo che passate interagendo con lo smartphone. Più di quanto credete
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il re saudita avverte: il prossimo obiettivo dell’Isis sarà l’Occidente

«Se li ignoriamo ancora, arriveranno in Europa in un mese»

L’effetto di Internet sulla memoria

L’uso di internet e, in generale, delle tecnologie digitali avrebbe effetti positivi sulla memoria e sulle capacità cognitive

I giornali (di carta) che non stanno morendo

Uno sguardo alle altre società di New York City media, dove la pubblicità sulla stampa porta ancora entrate importanti e i lettori continuano ad abbonarsi