Blog di

di Marta Calcagno

Si può occupare un teatro?

Blog post del 7/11/2011

Può essere un'azione illegale motivata dalla cura e l'attenzione verso una struttura? può essere utile a migliorare la situazione di tutti i teatri italiani?

Era il 14 giugno scorso: un gruppo di persone che lavorano nello spettacolo ha occupato il Teatro Valle a Roma. Attualmente circa in 13mila hanno aderito ai motivi dell'occupazione del teatro: vogliono che il Valle sia "un luogo di condivisione d'idee ed esperienze, di elaborazione di pensiero poltico e critico, secondo una scelta di cittadinanza attiva". Chiedono tutela come "bene comune" (è nell'aria la vendita a privati della struttura), vogliono essere una "fondazione", vogliono diventare un centro dedicato alla drammaturgia italiana e contemporanea, vogliono essere "attenti alla formazione" e "capaci di interloquire alla pari con gli omologhi esistenti operanti all'estero: il Royal Court Theatre di Londra, il Theatre de la colline di Parigi e la Schaubuhne di Berlino. Vorrebbero riuscire a mettere in pratica i loro propositi, e per farlo necessitano di più attenzione, più tutela e più garanzie. "Abbiamo occupato il teatro Valle per occuparci di ciò che è nostro" dicono. "Credo che noi siamo abbastanza esasperati altrimenti non ci saremmo spinti nell'illegalità". "Riteniamo che qui ci dovrebbe essere un progetto culturale comune, nazionale e condiviso dagli operatori". Non è un gesto che vuole avere una precisa connotazione politica: "Il problema è che qui non c'è mai stato un interlocutore". "La politica non riesce a dare nessuna risposta. E' imbarazzante". Si parlerebbe di politica in senso ampio, in teoria interessa anzitutto riuscire a realizzare i propri obbiettivi. In molti artisti hanno aderito alle questioni che il Valle solleva (come Paolo Rossi, Peter Stein, Emma Dante, Sermonti, Vinicio Capossela, Stefano Bollani, i Marlene Kuntz, che sono stati in concerto proprio lo scorso sabato 5 novembre, e molti altri, compresi, va detto, anche parecchi sconosciuti a cui viene troppo "democraticamente" data la possibilità di esibirsi). Alcuni di questi hanno chiare posizioni di sinistra. Politica a parte, lo stato del teatro è in buona conservazione, pulito e ben tenuto (gli occupanti stessi dichiarano di passare la maggior parte del tempo a pasare aspirapolvere e scopa...). L'energia di chi sta portando avanti la causa del Valle è forte: un gruppo etereogeneo, maschi e femmine dai venti ai quarant'anni, che auspicano il loro gesto diventi un richiamo per tutti i teatri d'Italia. Intanto, nelle serate di spettacolo, per i romani è diventata una ricorrenza quella di arrivare al Valle, mettersi in fila, entrare lasciando un'offerta e partrecipare alla serata proposta. Che, oltre al valore artistico, mai certo, ha quello aggiunto che sta nella volontà di difendere uno spazio, dedicato al teatro e alla cultura come momento di riunione dialogo.

COMMENTI /

Ritratto di prof. Paolo Bosisio
Mar, 08/11/2011 - 17:06
prof. Paolo Bosisio
Sono contrario per principio a qualsiasi tipo di occupazione, in quanto atto abusivo e illegale che nulla giustifica. La protesta di specie reca firme di indubitabile tendenza politica e di ben modesta rilevanza teatrale e culturale. Il Teatro Valle ha una storia alle spalle e se si è arenato la colpa va ricercata nelle gestioni che hanno prodotto tale risultato. Il denaro pubblico (poco in assoluto) è in questi anni mal speso e mal gestito dalla maggior parte dei teatri che ne beneficiano. Il teatro oggi ha bisogno di idee più che di soldi pubblici.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precari della scuola, l’Italia condannata dalla Corte di giustizia Ue

La sentenza della Corte europea viene dopo i ricorsi del sindacato che richiamavano le norme europee contro l’abuso dei contratti a termine nel pubblico impiego

Ferguson, nuovi scontri nella notte. Obama: "Stop alle violenze"

Lo scorso agosto il poliziotto Darren Wilson ha ucciso il 18enne afroamericano Michael Brown

Iva, Tasi e bollo auto. Ecco tutte le altre tasse più evase dagli italiani

Oltre 130 miliardi di euro sottratti ogni anno all’Erario

L’atlante dei Paesi felici e di quelli infelici

La sperequazione della ricchezza è un male, ma quella della felicità forse è anche peggio
SHARE

Contro il declino dell’umanità boicottate “Chick chick”

La nuova canzone è un passo in avanti verso il baratro. Nel nostro piccolo, cerchiamo di impedirlo
SHARE

Jessica Minh Anh: sfilate strane per combattere la noia

In cima alla Torre Eiffel o nel Grand Canyon: la modella cerca nuovi spazi per la creatività
SHARE

Storia dei prodotti domestici: una guida visuale

I processi chimici trasformano le materie prime dell’agricoltura in tutt’altro. Ecco come fanno
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Perché non fare il bersaglio umano per una ditta di paintball inglese?

Una proposta poco allettante in realtà, ma la paga è buona: 40mila sterline pro rata

L’amore ai tempi della guerra in Ucraina

Le persone si innamorano con la pace e con la guerra: un universo privato di affetti per sfuggire alle follie e alle ingerenze della geopolitica

Cosa succede nel mio villaggio, terrorizzato da Boko Haram

Attacchi quotidiani, uccisioni tremende e spaventose. Se l’obiettivo era disseminare la paura, ci sono riusciti benissimo