Blog di

di Marta Calcagno

Si può occupare un teatro?

Blog post del 7/11/2011

Può essere un'azione illegale motivata dalla cura e l'attenzione verso una struttura? può essere utile a migliorare la situazione di tutti i teatri italiani?

Era il 14 giugno scorso: un gruppo di persone che lavorano nello spettacolo ha occupato il Teatro Valle a Roma. Attualmente circa in 13mila hanno aderito ai motivi dell'occupazione del teatro: vogliono che il Valle sia "un luogo di condivisione d'idee ed esperienze, di elaborazione di pensiero poltico e critico, secondo una scelta di cittadinanza attiva". Chiedono tutela come "bene comune" (è nell'aria la vendita a privati della struttura), vogliono essere una "fondazione", vogliono diventare un centro dedicato alla drammaturgia italiana e contemporanea, vogliono essere "attenti alla formazione" e "capaci di interloquire alla pari con gli omologhi esistenti operanti all'estero: il Royal Court Theatre di Londra, il Theatre de la colline di Parigi e la Schaubuhne di Berlino. Vorrebbero riuscire a mettere in pratica i loro propositi, e per farlo necessitano di più attenzione, più tutela e più garanzie. "Abbiamo occupato il teatro Valle per occuparci di ciò che è nostro" dicono. "Credo che noi siamo abbastanza esasperati altrimenti non ci saremmo spinti nell'illegalità". "Riteniamo che qui ci dovrebbe essere un progetto culturale comune, nazionale e condiviso dagli operatori". Non è un gesto che vuole avere una precisa connotazione politica: "Il problema è che qui non c'è mai stato un interlocutore". "La politica non riesce a dare nessuna risposta. E' imbarazzante". Si parlerebbe di politica in senso ampio, in teoria interessa anzitutto riuscire a realizzare i propri obbiettivi. In molti artisti hanno aderito alle questioni che il Valle solleva (come Paolo Rossi, Peter Stein, Emma Dante, Sermonti, Vinicio Capossela, Stefano Bollani, i Marlene Kuntz, che sono stati in concerto proprio lo scorso sabato 5 novembre, e molti altri, compresi, va detto, anche parecchi sconosciuti a cui viene troppo "democraticamente" data la possibilità di esibirsi). Alcuni di questi hanno chiare posizioni di sinistra. Politica a parte, lo stato del teatro è in buona conservazione, pulito e ben tenuto (gli occupanti stessi dichiarano di passare la maggior parte del tempo a pasare aspirapolvere e scopa...). L'energia di chi sta portando avanti la causa del Valle è forte: un gruppo etereogeneo, maschi e femmine dai venti ai quarant'anni, che auspicano il loro gesto diventi un richiamo per tutti i teatri d'Italia. Intanto, nelle serate di spettacolo, per i romani è diventata una ricorrenza quella di arrivare al Valle, mettersi in fila, entrare lasciando un'offerta e partrecipare alla serata proposta. Che, oltre al valore artistico, mai certo, ha quello aggiunto che sta nella volontà di difendere uno spazio, dedicato al teatro e alla cultura come momento di riunione dialogo.

COMMENTI /

Ritratto di prof. Paolo Bosisio
Mar, 08/11/2011 - 17:06
prof. Paolo Bosisio
Sono contrario per principio a qualsiasi tipo di occupazione, in quanto atto abusivo e illegale che nulla giustifica. La protesta di specie reca firme di indubitabile tendenza politica e di ben modesta rilevanza teatrale e culturale. Il Teatro Valle ha una storia alle spalle e se si è arenato la colpa va ricercata nelle gestioni che hanno prodotto tale risultato. Il denaro pubblico (poco in assoluto) è in questi anni mal speso e mal gestito dalla maggior parte dei teatri che ne beneficiano. Il teatro oggi ha bisogno di idee più che di soldi pubblici.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Indagato direttore Musei Vaticani

Paolucci coinvolto come ex sovrintendente polo museale Firenze

Napolitano: «Contro la crisi servono politiche coraggiose»

Il discorso del presidente della Repubblica per l’apertura dell’anno scolastico

La Corte di Strasburgo smentisce Berlusconi: «Non abbiamo accolto il ricorso»

Lo ha dichiarato all'Ansa l'ufficio stampa della Corte, specificando che i ricorsi sono stati solo registrati

Tre modi creativi (e pacifici) per utilizzare i droni

Non servono solo a lanciare bombe e sorvegliare i civili: si possono rivelare utili per buone cause
SHARE

Cartelli e insegne, la ricchezza grafica di una città

New York è una città infestata di parole e font diversi. Percorrerli e studiarli ne rivela l’anima
SHARE

Guida completa all’uso intelligente delle vitamine

Quali sono, che proprietà hanno e dove si trovano. Tutto spiegato qui, in un’infografica
SHARE

Per tradurre l’intraducibile basta ricorrere all’arte

Wordstuck è una serie di GIF che rappresenta con disegni parole straniere senza corrispondenti
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le tombe dei soldati che testimoniano il coinvolgimento della Russia in Ucraina

Il New York Times racconta di giovani ufficiali russi seppelliti nell’agosto 2014. La prova che hanno combattuto in Ucraina

Kentucky, vigile del fuoco muore dopo un ice bucket challenge

Tony Grider stava versando secchi d’acqua ghiacciata sugli studenti dell’Università di Campbellsville quando la gru ha toccato i fili dell’alta tensione

Perché le ragazze rendono meglio dei ragazzi a scuola

Per molti è un mito da sfatare, ma secondo uno studio il gentil sesso tra i banchi di scuola ha una marcia in più