Blog di

di Paride Broggi

Firmato l’accordo tra Ps e Ecologisti

Blog post del 19/11/2011

Il consiglio federale di Europa Ecologia/I Verdi (EELV) ha votato ad ampia maggioranza (76%) l’accordo con il Partito socialista. Il patto di mandato era stato concordato martedì scorso dai due segretari Cécile Duflot e Martine Aubry.

I punti principali sono: i due partiti si uniranno in colazione all’assemblea nazionale, pensioni a 60 anni a tasso pieno per lavori usuranti e lavoratori che hanno iniziato molto giovani, carbon tax, una profonda riforma fiscale, nuova politica d’immigrazione e inserimento di una percentuale di proporzionale alle future legislative (da 15% a 20% del totale dei deputati).

François Hollande (Ps) e Cécile Duflot (EELV)

Per Yannick Jadot, braccio destro di Eva Joly l’accordo dimostra “la maturità politica raggiunta dai gruppi ecologisti”. Il patto non è stato semplice e viene definito “doloroso” dalla stampa transalpina. Mercoledì scorso il Ps, su forte pressione di Areva, la multinazionale francese del nucleare, aveva eliminato la clausola sui combustibili MOX. Giovedì la clausola è ricomparsa e la firma definitiva non si è fatta attendere, smentendo le voci contrastanti degli ultimi giorni che volevano una battuta d’arresto nell’intesa.
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

L’Eba: un taglio ai depositi bancari dei greci sarebbe contro la legge

Lo ha affermato il presidente dell’Autorità bancaria europea, Andrea Enria

Un militante filocurdo italiano è stato ferito al confine tra Kurdistan e Siria

Si chiama Alessandro De Ponti, ha 23 anni e non è in pericolo di vita

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

I consigli di Bolaño per chi vuole scrivere racconti

Dodici comandamenti di scrittura che si rivelano, a parte i primissimi, degli ottimi consigli di lettura

La campagna turistica pro-Tunisia, per far dimenticare la paura

Dopo gli attacchi al Bardo e al resort di Sousse le prenotazioni sono crollate. La Tunisia è in difficoltà. E c’è chi reagisce così

Quando per vedere l’Inferno di Dante si andava al cinema

Fu il primo vero lungometraggio (muto) italiano. Tema classico, ma con alcune variazioni. Fu un successo epocale

La storia tragica dell’uomo che non volle salutare Hitler

Accadde in occasione dell’inaugurazione di una nave. A tenere le braccia conserte fu August Landmesser, e aveva i suoi buoni motivi

PRESI DAL WEB

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale