Blog di

di Paride Broggi

Le presidenziali francesi stravolgeranno l’Europa?

Blog post del 15/04/2012

Il 6 maggio prossimo i francesi non sceglieranno solo il presidente. Indirettamente, il loro voto influenzerà anche la futura politica europea. Dei cinque principali candidati all’Eliseo, ben quattro vorrebbero cambiare l’Europa. Hollande in testa, con la «rinegoziazione del Trattato di Lisbona». Seguito da Marine Le Pen e Mélenchon, entrambi arroccati nei loro euroscetticismi, e dal moderato Bayrou che in uno slancio d’euforia ha evocato la «rifondazione europea».

Si potrebbe persino parlare di cinque candidati su cinque. Infatti, anche Nicolas Sarkozy si è pronunciato a più riprese sul tema. A volte con degli ultimatum, come quando a Strasburgo ha minacciato di sospendere unilateralmente gli accordi di Schengen. Altre volte con degli annunci, come con la Tobin Tax; altre volte ancora con degli slogan: costruiremo «un’Europa che protegge», sottinteso dall’immigrazione e dal «dumping sociale» attuato – a suo dire – dall’asia e dai paesi emergenti. Tra tutti i candidati, Sarkozy rimane però quello che più rappresenta la continuità con l’Europa così come l’abbiamo conosciuta finora. D’altra parte è lui stesso ad aver sempre rivendicato un ruolo di primo piano nella governance continentale.

Le promesse dei candidati sono i desideri degli elettori. Se la quasi totalità degli aspiranti presidenti propone di cambiare profondamente l’Europa, significa che i francesi non amano l’UE così com’è. Allo stesso modo, quest’ultima non ama troppo la Francia. L’Europa tanto apprezzata da Merkel, da Monti e, dopo la crisi dei debiti sovrani, da Obama e Cameron, attende solo il momento giusto per imporre ai francesi lo stesso rigore budgetario riservato alla Grecia, all’Irlanda, al Portogallo, all’Italia e ultimamente anche alla Spagna.

L’Economist l’ha già previsto nel suo editoriale dedicato alle elezioni transalpine: «I francesi spensierati saranno travolti dalla dura realtà, indipendentemente da chi sarà eletto presidente». Ma gli anglosassoni non danno il giusto peso all’indole dei francesi. È più probabile che questi ultimi si sacrifichino per cambiare l’Europa, piuttosto che accettino dei sacrifici per adeguarsi ai suoi diktat. Ecco allora la vera posta in gioco di queste elezioni: i francesi accetteranno l’austerità o preferiranno tentare di cambiare l’Europa?

Twitter: @paridebroggi

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Dom, 15/04/2012 - 11:43
E perché non dovrebbero tentare di cambiare l'Europa? Per loro è facile farlo, basta che sgancino un'atomica su Francoforte e l'Europa è sistemata.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 15/04/2012 - 21:43
nel 2005 i francesi l'hanno chiaramento detto " non vogliono di questa Europa" con un referendum, e l'europa senza i francesi non si fà
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Gb, uragano Gonzalo: 3 morti, 5 feriti

Oltre alla donna uccisa da un albero caduto a Knightsbridge, un altro uomo è morto in Essex per il ribaltamento di un furgone che stava riparando

Ebola, guarito il cameraman della Nbc

Ashoka Mukpo verrà presto dimesso, è quarta guarigione in Usa

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“