Blog di

di Paride Broggi

Le presidenziali francesi stravolgeranno l’Europa?

Blog post del 15/04/2012

Il 6 maggio prossimo i francesi non sceglieranno solo il presidente. Indirettamente, il loro voto influenzerà anche la futura politica europea. Dei cinque principali candidati all’Eliseo, ben quattro vorrebbero cambiare l’Europa. Hollande in testa, con la «rinegoziazione del Trattato di Lisbona». Seguito da Marine Le Pen e Mélenchon, entrambi arroccati nei loro euroscetticismi, e dal moderato Bayrou che in uno slancio d’euforia ha evocato la «rifondazione europea».

Si potrebbe persino parlare di cinque candidati su cinque. Infatti, anche Nicolas Sarkozy si è pronunciato a più riprese sul tema. A volte con degli ultimatum, come quando a Strasburgo ha minacciato di sospendere unilateralmente gli accordi di Schengen. Altre volte con degli annunci, come con la Tobin Tax; altre volte ancora con degli slogan: costruiremo «un’Europa che protegge», sottinteso dall’immigrazione e dal «dumping sociale» attuato – a suo dire – dall’asia e dai paesi emergenti. Tra tutti i candidati, Sarkozy rimane però quello che più rappresenta la continuità con l’Europa così come l’abbiamo conosciuta finora. D’altra parte è lui stesso ad aver sempre rivendicato un ruolo di primo piano nella governance continentale.

Le promesse dei candidati sono i desideri degli elettori. Se la quasi totalità degli aspiranti presidenti propone di cambiare profondamente l’Europa, significa che i francesi non amano l’UE così com’è. Allo stesso modo, quest’ultima non ama troppo la Francia. L’Europa tanto apprezzata da Merkel, da Monti e, dopo la crisi dei debiti sovrani, da Obama e Cameron, attende solo il momento giusto per imporre ai francesi lo stesso rigore budgetario riservato alla Grecia, all’Irlanda, al Portogallo, all’Italia e ultimamente anche alla Spagna.

L’Economist l’ha già previsto nel suo editoriale dedicato alle elezioni transalpine: «I francesi spensierati saranno travolti dalla dura realtà, indipendentemente da chi sarà eletto presidente». Ma gli anglosassoni non danno il giusto peso all’indole dei francesi. È più probabile che questi ultimi si sacrifichino per cambiare l’Europa, piuttosto che accettino dei sacrifici per adeguarsi ai suoi diktat. Ecco allora la vera posta in gioco di queste elezioni: i francesi accetteranno l’austerità o preferiranno tentare di cambiare l’Europa?

Twitter: @paridebroggi

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Dom, 15/04/2012 - 11:43
E perché non dovrebbero tentare di cambiare l'Europa? Per loro è facile farlo, basta che sgancino un'atomica su Francoforte e l'Europa è sistemata.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 15/04/2012 - 21:43
nel 2005 i francesi l'hanno chiaramento detto " non vogliono di questa Europa" con un referendum, e l'europa senza i francesi non si fà
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Legge di Stabilità, via libera dall’Unione europea

A marzo 2015 ci sarà però un nuovo esame per Italia, Francia e Belgio

Codacons: bonus di 80 euro, nessun effetto sulle spese di Natale

La stima dell’associazione dei consumatori: “le famiglie ridurranno gli acquisti di Natale mediamente del -5% rispetto al 2013”

La mappa dei meteoriti che cadono sulla Terra

Il nostro pianeta è bersagliato da corpi che provengono dallo spazio. L’atmosfera è un ottimo scudo
SHARE

Istruzioni per stringere nuove amicizie anche da adulti

Matrimonio e carriera impediscono nuovi legami. Essere soli è più rischioso che essere fumatori
SHARE

Spiare l’intimità degli abitanti di Parigi

Una fotografa americana ha ripreso la vita privata di alcuni cittadini, catturando momenti unici
SHARE

La mappa che rivela quanto è rumorosa la tua città

Applicazioni e mappe di centri europei monitorano l’inquinamento acustico
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come Barilla si è trasformata in un’azienda paladina dei diritti dei gay

Dopo l’uscita di Guido Barilla, la società ha finanziato associazioni gay, esteso programmi sanitari a transgender e usato una coppia lesbica in una promozione

Cosa pensano gli indiani che vanno a visitare Auschwitz

Riflessioni di un turista orientale di fronte a una delle pagine più oscure della storia dell’Occidente

Ritratto di Nick Sloane, l’uomo che salva le navi

Lo abbiamo conosciuto per il recupero della Costa Concordia al Giglio. Al momento, è uno degli uomini più preziosi del mondo del mare