Blog di

di Paride Broggi

Paul Krugman: euroscettico, ma per lo stato sociale

Blog post del 1/02/2012
Parole chiave: 

Paul Krugman, premio Nobel per l’economia e celebre editorialista del New York Times, ha tenuto martedì 31 gennaio una conferenza a Parigi sulla crisi dell’eurozona. Il suo intervento è stato anticipato da un’intervista rilasciata a Le Monde. Per i lettori de Linkiesta riporto qui i passaggi principali:

«Devo dire che, quando penso alla zona Euro, mi trovo nella strana situazione in cui tutto sembra inestricabile. Non posso immaginare che l’eurozona affondi. Mi pare inconcepibile, perderemo così tanto. Mi dico allora che la politica farà di tutto per risolvere questa crisi. Ma poi penso alle soluzioni che si dovrebbero attuare, e a quel punto mi dico: “No, è impossibile che prenderanno queste misure”. Mi trovo così di fronte a un vicolo cieco.»

Le misure prese alla fine del 2011 vanno nella giusta direzione?

«Finora nessun summit ha saputo dare le risposte adeguate. Nessuna decisione politica ha saputo trattare il problema nella sua integralità. La crisi è ancora oggi considerata unicamente come un problema di dissesto budgetario. Ma non è così. Questi squilibri esistono, ma c’è anche uno scarto di competitività e di flusso di capitali. Il solo elemento positivo è venuto da Mario Draghi, che ha indirettamente alleviato le sofferenze dei mercati dei debiti sovrani. Ma, ancora una volta, questa misura non tratta che l’urgenza, senza dare rimedi strutturali.»

La Germania ha un’influenza negativa sull’Europa?

«La Germania crede che il rigore e la disciplina budgetaria siano la soluzione. Ha torto. La sua storia la spinge a proporre un cattivo rimedio. I tedeschi erano in una brutta situazione alla fine degli anni ’90, così ora guardano quello che hanno fatto, come sono arrivati a risanare l’economia e a trasformare un deficit in eccedenze commerciali e pensano di applicare le loro soluzioni alla zona euro. Ma, se così fosse, bisognerebbe trovare un altro pianeta su cui esportare i prodotti dell’Europa!»

Durante le primarie repubblicana Romney ha detto che Obama, copiando il nostro modello sociale, avrebbe condotto gli Stati Uniti sulla stessa via dell’Europa. Il modello europeo è un esempio da non seguire?

«Non è così. La crisi dell’eurozona non ha nulla a che vedere con i costi del suo stato sociale. Alcune economie con un forte stato sociale non fanno poi così brutta figura. Guardate la Francia! Da un punto di vista americano, si dice che non c’è nessun incentivo alla produzione, che avete più giorni di vacanza… Ma, alla fine, la produttività oraria è la stessa degli Stati Uniti. In nessun modo questa crisi mostra il fallimento dei sistemi sociali. È possibile salvaguardare un livello elevato di protezione sociale pur con una responsabile politica di budget: basta prendere a modello la Svezia.»

 

 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti

Perché crediamo di capire i sentimenti dalle espressioni e sbagliamo

Nuovi studi dimostrano che la capacità di intuire i pensieri e le emozioni del prossimo dal suo sguardo sono molto più limitate di quanto si pensi