Blog di

di Paride Broggi

Paul Krugman: euroscettico, ma per lo stato sociale

Blog post del 1/02/2012
Parole chiave: 

Paul Krugman, premio Nobel per l’economia e celebre editorialista del New York Times, ha tenuto martedì 31 gennaio una conferenza a Parigi sulla crisi dell’eurozona. Il suo intervento è stato anticipato da un’intervista rilasciata a Le Monde. Per i lettori de Linkiesta riporto qui i passaggi principali:

«Devo dire che, quando penso alla zona Euro, mi trovo nella strana situazione in cui tutto sembra inestricabile. Non posso immaginare che l’eurozona affondi. Mi pare inconcepibile, perderemo così tanto. Mi dico allora che la politica farà di tutto per risolvere questa crisi. Ma poi penso alle soluzioni che si dovrebbero attuare, e a quel punto mi dico: “No, è impossibile che prenderanno queste misure”. Mi trovo così di fronte a un vicolo cieco.»

Le misure prese alla fine del 2011 vanno nella giusta direzione?

«Finora nessun summit ha saputo dare le risposte adeguate. Nessuna decisione politica ha saputo trattare il problema nella sua integralità. La crisi è ancora oggi considerata unicamente come un problema di dissesto budgetario. Ma non è così. Questi squilibri esistono, ma c’è anche uno scarto di competitività e di flusso di capitali. Il solo elemento positivo è venuto da Mario Draghi, che ha indirettamente alleviato le sofferenze dei mercati dei debiti sovrani. Ma, ancora una volta, questa misura non tratta che l’urgenza, senza dare rimedi strutturali.»

La Germania ha un’influenza negativa sull’Europa?

«La Germania crede che il rigore e la disciplina budgetaria siano la soluzione. Ha torto. La sua storia la spinge a proporre un cattivo rimedio. I tedeschi erano in una brutta situazione alla fine degli anni ’90, così ora guardano quello che hanno fatto, come sono arrivati a risanare l’economia e a trasformare un deficit in eccedenze commerciali e pensano di applicare le loro soluzioni alla zona euro. Ma, se così fosse, bisognerebbe trovare un altro pianeta su cui esportare i prodotti dell’Europa!»

Durante le primarie repubblicana Romney ha detto che Obama, copiando il nostro modello sociale, avrebbe condotto gli Stati Uniti sulla stessa via dell’Europa. Il modello europeo è un esempio da non seguire?

«Non è così. La crisi dell’eurozona non ha nulla a che vedere con i costi del suo stato sociale. Alcune economie con un forte stato sociale non fanno poi così brutta figura. Guardate la Francia! Da un punto di vista americano, si dice che non c’è nessun incentivo alla produzione, che avete più giorni di vacanza… Ma, alla fine, la produttività oraria è la stessa degli Stati Uniti. In nessun modo questa crisi mostra il fallimento dei sistemi sociali. È possibile salvaguardare un livello elevato di protezione sociale pur con una responsabile politica di budget: basta prendere a modello la Svezia.»

 

 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Riforme, si tratta su immunità e referendum

Nel negoziato anche l'elezione del Quirinale. Il premier pronto ad un altro incontro con Berlusconi

Gaza, Consiglio di sicurezza Onu: "Cessate fuoco immediato"

A New York adottata una dichiarazione unanime. Anche il presidente Obama aveva esortato Israele a fermarsi

Formula Uno, Gp d’Ungheria: vince Ricciardo (Red Bull), secondo Alonso

Ricciardo scavalca a due giri dalla fine il ferrarista Alonso. Terzo Lewis Hamilton, dopo una grande rimonta

Capitali europee rappresentate con il cibo

L’idea di due fotografi che utilizzano il cibo per esprimere e condividere la loro creatività
SHARE

Utili consigli per diventare un buon ascoltatore

Saper parlare è importante, ma in certe occasioni l’ascolto potrebbe essere la soluzione vincente
SHARE

Breve storia del Pi greco

Anche se la matematica non vi ha lasciato dolci ricordi, la storia di questa cifra ha un suo fascino
SHARE
La macchina della verità

I siti per scoprire se questo articolo è stato copiato

Getty Images
Cinque programmi per trovare chi plagia: basta inserire un testo e iniziare la ricerca dei furbetti
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Le persone mattiniere sono più propense a mentire durante il pomeriggio

E lo fanno soprattutto nei confronti dei loro capi. Chi dorme poco di notte invece, potrebbe essere meno etico la mattina. La siesta pomeridiana è la soluzione

Così le società segrete riescono a sfuggire a Internet

Viaggio all’interno del processo di reclutamento dei leggendari club della New York University

Ft: la quotazione del 40% di Poste slitterà alla metà del 2015

Il quotidiano finanziario: secondo diverse fonti il rinvio deciso dopo la deludente quotazione di Fincantieri. Non aiuta il coinvolgimento di Poste in Alitalia