Paul Krugman, premio Nobel per l’economia e celebre editorialista del New York Times, ha tenuto martedì 31 gennaio una conferenza a Parigi sulla crisi dell’eurozona. Il suo intervento è stato anticipato da un’intervista rilasciata a Le Monde. Per i lettori de Linkiesta riporto qui i passaggi principali:

«Devo dire che, quando penso alla zona Euro, mi trovo nella strana situazione in cui tutto sembra inestricabile. Non posso immaginare che l’eurozona affondi. Mi pare inconcepibile, perderemo così tanto. Mi dico allora che la politica farà di tutto per risolvere questa crisi. Ma poi penso alle soluzioni che si dovrebbero attuare, e a quel punto mi dico: “No, è impossibile che prenderanno queste misure”. Mi trovo così di fronte a un vicolo cieco.»

Le misure prese alla fine del 2011 vanno nella giusta direzione?

«Finora nessun summit ha saputo dare le risposte adeguate. Nessuna decisione politica ha saputo trattare il problema nella sua integralità. La crisi è ancora oggi considerata unicamente come un problema di dissesto budgetario. Ma non è così. Questi squilibri esistono, ma c’è anche uno scarto di competitività e di flusso di capitali. Il solo elemento positivo è venuto da Mario Draghi, che ha indirettamente alleviato le sofferenze dei mercati dei debiti sovrani. Ma, ancora una volta, questa misura non tratta che l’urgenza, senza dare rimedi strutturali.»

La Germania ha un’influenza negativa sull’Europa?

«La Germania crede che il rigore e la disciplina budgetaria siano la soluzione. Ha torto. La sua storia la spinge a proporre un cattivo rimedio. I tedeschi erano in una brutta situazione alla fine degli anni ’90, così ora guardano quello che hanno fatto, come sono arrivati a risanare l’economia e a trasformare un deficit in eccedenze commerciali e pensano di applicare le loro soluzioni alla zona euro. Ma, se così fosse, bisognerebbe trovare un altro pianeta su cui esportare i prodotti dell’Europa!»

Durante le primarie repubblicana Romney ha detto che Obama, copiando il nostro modello sociale, avrebbe condotto gli Stati Uniti sulla stessa via dell’Europa. Il modello europeo è un esempio da non seguire?

«Non è così. La crisi dell’eurozona non ha nulla a che vedere con i costi del suo stato sociale. Alcune economie con un forte stato sociale non fanno poi così brutta figura. Guardate la Francia! Da un punto di vista americano, si dice che non c’è nessun incentivo alla produzione, che avete più giorni di vacanza… Ma, alla fine, la produttività oraria è la stessa degli Stati Uniti. In nessun modo questa crisi mostra il fallimento dei sistemi sociali. È possibile salvaguardare un livello elevato di protezione sociale pur con una responsabile politica di budget: basta prendere a modello la Svezia.»

 

 

CAMBRONNE
Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Tibet, 32enne si dà fuoco “contro l'occupazione cinese”

Sale a 131 il numero delle persone che si sono autoimmolate nella regione dal 2009 a oggi

Egitto, vietate candidature pro Morsi

Non sono accettabili eventuali candidature dei Fratelli Musulmani né per le elezioni presidenziali che si terranno a fine maggio né alle prossime legislative

Corea Sud, naufraga traghetto con 480 passeggeri: almeno 2 morti

Disastro al largo della costa meridionale. A bordo 320 studenti in gita scolastica

Guardare i venti che sconvolgono il mondo

Grecale, maestrale, tramontana: i flussi che girano intorno al globo, in una mappa in tempo reale
SHARE

Le icone del rock a icone

Tata&Friends hanno preso i nomi di decine di band e li hanno trasformati in geniali rebus visivi
SHARE

Come cancellare le ricerche imbarazzanti su Facebook

Ogni ricerca fatta sul social network viene memorizzata, ma con qualche mossa si può eliminare tutto
SHARE

Tra Marte e la Luna rossa: notte con gli occhi al cielo

I due eventi astronomici catalizzano l’attenzione degli appassionati. Ma qui si vedrà ben poco
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

La guida (involontaria) di Amazon al traffico di droga

Senza dubbio il gruppo di Bezos non fornisce guide per gli spacciatori, ma il suo algoritmo sembra aver fatto proprio questa cosa

Così il movimento egiziano dei Tamarrod ha aperto la strada al governo militare

Per la prima volta uno dei leader del movimento che si oppose ai Fratelli Musulmani ammette di aver ricevuto ordini dall’esercito: "Siamo stati ingenui"

Andare in profondità: la vita difficile di chi fa speleologia estrema

Giorni interi sottoterra per esplorare caverne, in una delle attività più antiche della storia