Blog di

di Paride Broggi

Paul Krugman: euroscettico, ma per lo stato sociale

Blog post del 1/02/2012
Parole chiave: 

Paul Krugman, premio Nobel per l’economia e celebre editorialista del New York Times, ha tenuto martedì 31 gennaio una conferenza a Parigi sulla crisi dell’eurozona. Il suo intervento è stato anticipato da un’intervista rilasciata a Le Monde. Per i lettori de Linkiesta riporto qui i passaggi principali:

«Devo dire che, quando penso alla zona Euro, mi trovo nella strana situazione in cui tutto sembra inestricabile. Non posso immaginare che l’eurozona affondi. Mi pare inconcepibile, perderemo così tanto. Mi dico allora che la politica farà di tutto per risolvere questa crisi. Ma poi penso alle soluzioni che si dovrebbero attuare, e a quel punto mi dico: “No, è impossibile che prenderanno queste misure”. Mi trovo così di fronte a un vicolo cieco.»

Le misure prese alla fine del 2011 vanno nella giusta direzione?

«Finora nessun summit ha saputo dare le risposte adeguate. Nessuna decisione politica ha saputo trattare il problema nella sua integralità. La crisi è ancora oggi considerata unicamente come un problema di dissesto budgetario. Ma non è così. Questi squilibri esistono, ma c’è anche uno scarto di competitività e di flusso di capitali. Il solo elemento positivo è venuto da Mario Draghi, che ha indirettamente alleviato le sofferenze dei mercati dei debiti sovrani. Ma, ancora una volta, questa misura non tratta che l’urgenza, senza dare rimedi strutturali.»

La Germania ha un’influenza negativa sull’Europa?

«La Germania crede che il rigore e la disciplina budgetaria siano la soluzione. Ha torto. La sua storia la spinge a proporre un cattivo rimedio. I tedeschi erano in una brutta situazione alla fine degli anni ’90, così ora guardano quello che hanno fatto, come sono arrivati a risanare l’economia e a trasformare un deficit in eccedenze commerciali e pensano di applicare le loro soluzioni alla zona euro. Ma, se così fosse, bisognerebbe trovare un altro pianeta su cui esportare i prodotti dell’Europa!»

Durante le primarie repubblicana Romney ha detto che Obama, copiando il nostro modello sociale, avrebbe condotto gli Stati Uniti sulla stessa via dell’Europa. Il modello europeo è un esempio da non seguire?

«Non è così. La crisi dell’eurozona non ha nulla a che vedere con i costi del suo stato sociale. Alcune economie con un forte stato sociale non fanno poi così brutta figura. Guardate la Francia! Da un punto di vista americano, si dice che non c’è nessun incentivo alla produzione, che avete più giorni di vacanza… Ma, alla fine, la produttività oraria è la stessa degli Stati Uniti. In nessun modo questa crisi mostra il fallimento dei sistemi sociali. È possibile salvaguardare un livello elevato di protezione sociale pur con una responsabile politica di budget: basta prendere a modello la Svezia.»

 

 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Mosca: non ci sarà un intervento militare in Ucraina

Il ministro degli Esteri russo chiede che i rappresentanti di Kiev e di Mosca discutano di un "cessate-il-fuoco immediato e senza condizioni"

Corea del Nord, lanciato un missile a corto raggio nel mar del Giappone

Continuano le tensioni tra la Corea del Nord e la Corea del Sud

Fra le macerie di Gaza una ricostruzione da 5 miliardi

La vita riprende fra case e negozi distrutti. Ma mancano i grandi donatori

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Gli snack più antichi del mondo che ancora mangiamo

Dai pop corn fino ai salatini. Li mangiamo da sempre, ma sappiamo da dove vengono?
SHARE

Suggerimenti per costruire una memoria potentissima

Per molti la memoria è un problema, ma seguendo questi consigli potrete allenarla a dovere
SHARE

La nostra vita trasformata in un videogioco

Un software permette di riprodurre situazioni tipiche della quotidianità, per capire come agire
SHARE

Quindici modi per sconfiggere il jet-lag

Un problema per chi viaggia in posti lontani. Si deve dormire, ma si può fare anche di più
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il reportage al tempo del marketing: il giornalismo di viaggio genera turismo

Sull’ascesa e il declino della narrativa di viaggio, che si è trasformata in narrativa di turismo: racconti nati per fare restyling e non informazione

La nuova macchina da soldi di Hollywood? Si chiama Youtube

Una volta le grandi aziende cinematografiche facevano causa al sito. Adesso, invece, ci scommettono sopra

Imparare una lingua? Significa imparare a recitare una nuova identità

Storia del difficile apprendimento del francese da parte di un madrelingua inglese: i progressi linguistici sono solo il segno dell'ingresso in un nuovo mondo