Blog di

di Marco Sarti

Bersani annuncia le primarie. Ma nel Pd qualcuno ancora non ci crede

Blog post del 14/07/2012

Qualche dubbioso c’è ancora. Sulle primarie del centrosinistra alcuni esponenti del Partito democratico non ci mettono ancora la mano sul fuoco. Eppure stavolta l’intervento di Pier Luigi Bersani sembra aver messo le cose in chiaro. La consultazione per scegliere il candidato premier dei progressisti si farà. Entro dicembre. E potranno partecipare anche altri esponenti del partito.

All’Assemblea nazionale del Pd in corso al Salone delle Fontane dell’Eur il segretario democrat lo dice in maniera chiara. «È nostra intenzione determinare un grande appuntamento di partecipazione per la scelta del candidato dei progressisti alla guida del governo». Primarie, dunque. Aperte a tutti, o quasi. «Dalla Direzione è venuto un criterio di apertura, un criterio che suggerisce di privilegiare l’allargamento della partecipazione, piuttosto che l’allestimento di barriere. Sono personalmente convinto di questo criterio che corrisponde all’idea di investire, anche rischiando qualcosa, sul rapporto tra politica e società che oggi è largamente in crisi». Primarie aperte, soprattutto, ad altri esponenti del Partito democratico. A partire dal sindaco di Firenze Matteo Renzi, presente in sala: «Mentre ho ritenuto giusto dichiarare da subito la candidatura del segretario del Partito democratico, anche in ossequio alle nostre regole statutarie - spiega Bersani - ho chiesto e chiedo tuttavia che questa non sia in via di principio una candidatura esclusiva».

Eppure Bersani prende tempo. Chi attendeva già oggi una data resta deluso. «Le primarie non le faremo da soli, e dunque i tempi e i modi non li possiamo decidere da soli». Tutto rimandato a dopo l’estate. L’appuntamento ci sarà, assicura il segretario. Si terrà entro la fine dell’anno. Ma già a settembre l’Assemblea sarà chiamata a studiare del regole della competizione. Le primarie saranno celebrate «in una ragionevole distanza dalle elezioni e cioè entro la fine dell’anno».

In sala l’attenzione è tutta su Matteo Renzi. Il sindaco di Firenze - oggi non prenderà la parola - accetta la sfida. Subito dopo l’intervento del segretario spiega: «I giovani del Pd non sono come quelli del Pdl. Non faremo come Alfano, che appena è tornato Berlusconi ha detto: “Prego, si accomodi”». Certo, «è stato un peccato non aver indicato già oggi la data delle primarie. Ma va bene, si era capito». Per avere una conferma della sua partecipazione bisognerà attendere ancora qualche tempo. «Una settimana dopo le regole delle primarie - spiega Renzi - ci sarà una nostra candidatura, mia o di un altro».

In tanti coltivano ancora dubbi. Se Bersani avesse voluto chiudere la questione, perché non annunciare già oggi una data? Perché rimandare ancora? Qualcuno sottolinea un altro timore: a dicembre non si è mai votato. Posticipare le primarie a fine anno nasconde la reale intenzione di affossarle? Lo stesso Renzi, intercettato più tardi da alcune agenzie stampa, non nasconde il proprio disappunto. «Rinviando il discorso sulle primarie a settembre - le sue parole - Bersani pensa di metterci in saccoccia. Si sbaglia di brutto perché noi in questo mese ci organizziamo e a settembre siamo pronti». Anche Arturo Parisi sembra deluso. «Sulle primarie sono più i problemi che restano da risolvere che quelli risolti - spiega l’ex ministro - Le primarie a dicembre significa che faranno parte della campagna elettorale». Il braccio di ferro rischia di andare avanti ancora un po’. E a chiarire la situazione non aiuta l’intervento in Assemblea del capogruppo alla Camera Dario Franceschini. «Può essere che in base alle parole di Bersani si apra la possibilità che anche altri iscritti Pd si candidino alle primarie - il pensiero di Franceschini - ma è naturale che il candidato ufficiale del Pd è il segretario del partito». Insomma, primarie aperte a tutti. Ma a correre per la premiership deve essere Bersani. 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Il Senato ha approvato la proposta di far votare gli studenti Erasmus all'estero

L'emendamento persentato dal senatore PD Roberto Cociancich è stato votato da una larga maggioranza dei senatori presenti in aula

Un F-16 greco si schianta in base Nato: 10 morti in Spagna

Il pilota era in fase di addestramento. E' precipitato dopo il decollo. Anche 13 feriti, di cui 7 gravi

Parigi, va a fuoco la casa di Jean Marie Le Pen: «Ferito al volto»

L’incendio è partito dal camino, dove un operaio stava svolgendo dei lavori. Le Pen è scappato sul balcone ed è caduto mentre cercava di sfuggire alle fiamme

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

tanti-figli

Regole di bon ton per viaggiare in metropolitana

Subway, olio su tela di Lily Furedi, 1934
Un video mostra i fondamentali dell’etichetta sulla Tube: a New York e in tutto il mondo
SHARE

Elezioni greche, come si pronunciano Tsipras e Syriza

Per evitare strafalcioni, figuracce, fastidi vari. Adesso che saranno nomi sulla bocca di tutti
SHARE

L’origine del mondo spiegata con X-Files

Ancora alla ricerca di una teoria in grado di raccontare come è nato l’universo
Gillian Anderson racconta i vari modi con cui l’umanità ha ricostruito l’inizio della storia
SHARE

Cosa mangiate quando mangiate le patatine fritte

Un filmato mostra il processo produttivo delle patatine del McDonalds. Ci sono almeno 19 ingredienti
SHARE

PRESI DAL WEB

Studente turco espulso dall’Italia: "La soluzione è il paganesimo"

"Sono pronto a farmi esplodere davanti alle ambasciate". Per questi messaggi è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di procurato allarme

State of the Union: le parole usate dai presidenti americani nella storia

"Freedom" è recente, mentre "indiani" è scomparso. "Donne" si usa da pochi anni, e "Cina" ricorre a fasi alterne