Camera con vista

Blog di

di Marco Sarti

Tagli ai parlamentari? Sì, ma resta il buco nero delle spese ingiustificate

Blog post del 30/01/2012
Parole chiave: 

L’Ufficio di presidenza di Montecitorio taglia gli stipendi dei deputati. Il presidente Gianfranco Fini l’aveva promesso, è stato di parola. Una sforbiciata da 1.300 euro al mese. Circa settecento euro netti a busta paga. Tanti, pochi? Non è il caso di formalizzarsi. Il taglio c’è stato, è già una novità positiva.

Non solo. Per tutti i deputati che ricoprono altre cariche - è il caso dei presidenti di commissione - è stata prevista un’ulteriore stretta, pari al 10 per cento. «Nel momento in cui si chiedono sacrifici al Paese - ha spiegato il vicepresidente della Camera Rocco Buttiglione - chi ha posizioni apicali, se vuole essere credibile, deve essere il primo a farli».

Capitolo vitalizi (per deputati e dipendenti). Archiviato il sistema retributivo, si passa al contributivo. Per carità, non c’è nulla per cui festeggiare. «Si passa al contributivo, come tutti i cittadini» scriveva questa sera il presidente della Camera Gianfranco Fini su twitter. Appunto, «come tutti i cittadini». Niente di clamoroso. Straordinario, semmai, era il sistema in vigore fino ad oggi. Ma la modifica c’è stata. Onore a chi ha preso l’impegno e l’ha mantenuto. Tanto di cappello.

Contenti i parlamentari che finalmente possono prendersi il merito di una decisione largamente condivisa (anche se qualcuno già inizia a lamentarsi). Contenti i cittadini che hanno visto riconosciute alcune richieste di giustizia ed equità. Insomma, tutti felici. Tranne i portaborse.

Già, perché a dispetto dei tagli e dei risparmi c’è una parte dello stipendio di ogni deputato - una delle più discusse - che di fatto è stata risparmiata dalla scure. Sono quei quasi 4mila euro che ogni parlamentare incassa mensilmente per le spese di segreteria. Un bonus forfettario, che non deve essere giustificato in alcun modo. Dovrebbe servire per stipendiare i propri collaboratori. Ma troppo spesso finisce in tasca al beneficiario (mentre i portaborse lavorano senza contratto e sono pagati in nero).

Qualcuno aveva proposto di confermare la somma, ma solo dietro una giustificazione della spesa. Come in gran parte d’Europa: dove gli assistenti vengono pagati direttamente dagli uffici parlamentari, a cui i deputati si limitano a trasmettere i contratti di lavoro. Niente da fare. Da noi il sistema non cambia. Da domani ogni deputato dovrà giustificare una parte di quei soldi, ma il 50 per cento della somma rimarrà “a forfait”. E, con ogni probabilità, continuerà ad essere intascato dai singoli parlamentari o dai partiti.

E i collaboratori? A breve, assicurano dall’Ufficio di presidenza, si approverà una legge apposita che ne tutelerà la professionalità e il lavoro. Per ora possono aspettare. 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Anticorruzione, dimissioni di massa da authority. “Minata nostra autorevolezza”

Gli attuali vertici dell'Autorità pronti ad abbandonare il loro incarico prima della scadenza

Hamas e Fatah firmano un accordo di conciliazione

il leader di Hamas Ismaeli Haniyeh ha dichiarato che i conflitti all’interno del popolo palestinese sono terminati

Stamina, chiusa l’inchiesta a Torino. «Esseri umani usati come cavie»

Venti gli indagati. Le accuse: associazione per delinquere, truffa e somministrazione pericolosa di farmaci.

L’arte sottile dei saluti e delle strette di mano

In ogni Paese ci sono codici di saluto diversi: meglio impararli prima di andarci con questo video
SHARE

Lo splendore della risonanza magnetica sulla verdura

Un utilizzo artistico di uno strumento medico rivela mondi impensabili per cose di tutti i giorni
SHARE

Ecco come nascondere app e cartelle su iPhone

Con pochi semplici passi si può scegliere di rendere invisibili le app con contenuti privati
SHARE

Immagini di pranzi memorabili visti (solo) nei libri

Cosa mangiava Alice nel Paese delle Meraviglie? E il Grande Gatsby? I pasti riprodotti e fotografati
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Arriva l’alcol in bustina: basta aggiungere un po’ d’acqua ed ecco una vodka

Per quelli che non hanno il tempo di sedersi al tavolino del bar, ecco la soluzione. Un bicchiere d’acqua e una bustina e il gioco è fatto. Ma sarà buono?

Perché il cibo sano ha un gusto peggiore di qualsiasi altro cibo

Esistono trucchi alimentari per ingannare il nostro cervello. E molti ristoranti li utilizzano per confonderci quando si tratta di mangiare sano

Ecco come il Vaticano digitalizzerà milioni di documenti in suo possesso

La biblioteca vaticana è stata fondata nel 1451 e contiene oltre 40 milioni di pagine. Per rendenrle digitali dovranno lavorarci oltre cinquanta esperti