Blog di

di Marco Sarti

Tagli ai parlamentari? Sì, ma resta il buco nero delle spese ingiustificate

Blog post del 30/01/2012
Parole chiave: 

L’Ufficio di presidenza di Montecitorio taglia gli stipendi dei deputati. Il presidente Gianfranco Fini l’aveva promesso, è stato di parola. Una sforbiciata da 1.300 euro al mese. Circa settecento euro netti a busta paga. Tanti, pochi? Non è il caso di formalizzarsi. Il taglio c’è stato, è già una novità positiva.

Non solo. Per tutti i deputati che ricoprono altre cariche - è il caso dei presidenti di commissione - è stata prevista un’ulteriore stretta, pari al 10 per cento. «Nel momento in cui si chiedono sacrifici al Paese - ha spiegato il vicepresidente della Camera Rocco Buttiglione - chi ha posizioni apicali, se vuole essere credibile, deve essere il primo a farli».

Capitolo vitalizi (per deputati e dipendenti). Archiviato il sistema retributivo, si passa al contributivo. Per carità, non c’è nulla per cui festeggiare. «Si passa al contributivo, come tutti i cittadini» scriveva questa sera il presidente della Camera Gianfranco Fini su twitter. Appunto, «come tutti i cittadini». Niente di clamoroso. Straordinario, semmai, era il sistema in vigore fino ad oggi. Ma la modifica c’è stata. Onore a chi ha preso l’impegno e l’ha mantenuto. Tanto di cappello.

Contenti i parlamentari che finalmente possono prendersi il merito di una decisione largamente condivisa (anche se qualcuno già inizia a lamentarsi). Contenti i cittadini che hanno visto riconosciute alcune richieste di giustizia ed equità. Insomma, tutti felici. Tranne i portaborse.

Già, perché a dispetto dei tagli e dei risparmi c’è una parte dello stipendio di ogni deputato - una delle più discusse - che di fatto è stata risparmiata dalla scure. Sono quei quasi 4mila euro che ogni parlamentare incassa mensilmente per le spese di segreteria. Un bonus forfettario, che non deve essere giustificato in alcun modo. Dovrebbe servire per stipendiare i propri collaboratori. Ma troppo spesso finisce in tasca al beneficiario (mentre i portaborse lavorano senza contratto e sono pagati in nero).

Qualcuno aveva proposto di confermare la somma, ma solo dietro una giustificazione della spesa. Come in gran parte d’Europa: dove gli assistenti vengono pagati direttamente dagli uffici parlamentari, a cui i deputati si limitano a trasmettere i contratti di lavoro. Niente da fare. Da noi il sistema non cambia. Da domani ogni deputato dovrà giustificare una parte di quei soldi, ma il 50 per cento della somma rimarrà “a forfait”. E, con ogni probabilità, continuerà ad essere intascato dai singoli parlamentari o dai partiti.

E i collaboratori? A breve, assicurano dall’Ufficio di presidenza, si approverà una legge apposita che ne tutelerà la professionalità e il lavoro. Per ora possono aspettare. 

Parole chiave: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Boko Haram decapita due prigionieri e ne fa un video

Effetto emulazione: anche l’organizzazione terroristica nigeriana segue l’esempio dell’Is

Arrestato Helg presidente Camera commercio di Palermo per estorsione

Bloccato ieri mentre intascava una tangente di 100mila euro da un ristoratore, affittuario di uno spazio dell’aeroporto, si era rivolto a lui per una proroga

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Il business controverso delle banconote per i film

Produrre soldi falsi per il cinema è redditizio, ma può creare problemi con la legge (davvero)
SHARE

Barbapapà, i veri ideologi del No-Tav

Una riflessione su un cartone animato terzomondista ed ecologista, dopo la morte del loro creatore
SHARE

Perché i bus in ritardo arrivano tutti insieme

È il fenomeno del "bus bunching": i mezzi arrivano in gruppo. Così un servizio diventa un problema
SHARE

Cosa succede se i film di Kubrick diventano videogiochi

Anche se trasposti in un formato diverso, riescono a mantenere i caratteri dell’originale
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica