Blog di

di Ciro Pellegrino

Cameron, chiedi a Berlusconi se è felice

Blog post del 2/11/2011

Come forse saprete, il primo ministro britannico David Cameron ha deciso di lanciare una sorta di "sondaggio sulla felicità", con una lista di domande da inviare a tutti gli abitanti del Regno Unito.
E dire che non è nemmeno veltroniano.

Facciamo un gioco. Come risponderebbe il nostro (almeno fino a stasera) premier Silvio Berlusconi? Proviamo a immaginare risposte possibili, basandoci su affermazioni già pronunciate dal Nostro.

1 – Siete soddisfatti della vostra vita?
«Nella mia vita non sono mai stato bocciato» (vertice Ue, ottobre 2011)

2 – Quanto siete soddisfatti di stare con vostro marito/moglie?
«Siamo insieme da una vita. Tre figli adorabili che hai preparato per l'esistenza con la cura e il rigore amoroso di quella splendida persona che sei, e che sei sempre stata per me, dal giorno in cui ci siamo conosciuti e innamorati. Abbiamo fatto insieme più cose belle di quante entrambi siamo disposti a riconoscerne in un periodo di turbolenza e di affanno» (lettera a Veronica Lario, poi si sono separati, 2007).

3 – Che voto dareste alla vostra salute fisica e mentale?
«Con le tisane ho perso 4 chili in otto giorni» (intervista a "Chi", agosto 2011).

4 – Avete un lavoro e vi piace quello che fate?
«Non amo il mio lavoro» (alla Cnn, 2009).

5 – Vivete in un quartiere buono e temete la criminalità?
«L'uso che Biagi... Come si chiama quell'altro? Santoro... Ma l'altro? Luttazzi, hanno fatto della televisione pubblica, pagata coi soldi di tutti, è un uso criminoso...» (editto bulgaro, aprile 2002).

6 – Siete soddisfatti del vostro stipendio?
«Ho aziende in Borsa e investirei prepotentemente nelle mie aziende che continuano a fare utili» (conferenza stampa, agosto 2011).

7 – Che grado di istruzione avete?
«Gli insegnanti delle scuole pubbliche inculcano idee diverse da quelle che vengono trasmesse nelle famiglie» (al congresso dei Repubblicani, febbraio 2011).

8 – Avete fiducia nei politici e nelle amministrazioni locali?
«Vado per i cazzi miei. Vado via da questo paese di merda» (colloquio col faccendiere Lavitola, luglio 2011).

COMMENTI /

Ritratto di Michele Fusco
Mer, 02/11/2011 - 16:27
mfusco
Grande trovata, Cirus.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Libia, condannato il figlio di Gheddafi per crimini di guerra

Al momento si troverebbe nelle mani di un gruppo di ribelli della città di Zintan che si rifiuta di consegnarlo alla corte

Serie A, il calendario della stagione 2015-2016

Si comincia subito con Fiorentina-Milan

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

La dura vita di chi è super-intelligente

Essere un genio può sembrare una fortuna, in grado di rendere molto più semplice la vita. Non è così. Anzi, è tutto il contrario

Silicon Africa, la mappa dell’innovazione nel continente nero

Anche se è il continente con il digital divide più grande, l’Africa cerca di stare al passo con i tempi. E produce idee e startup

Sette cose che non sappiamo sul cannibalismo

La parola deriva dal nome che gli spagnoli diedero agli abitanti dei Caraibi. Gli uomini sono poco inclini ma non troppo
La parola deriva dal nome che gli spagnoli diedero agli abitanti dei Caraibi. Gli uomini sono poco inclini ma non troppo

Perché il 2015 sarà l’anno più caldo da quando esistono i termometri

David McNew/Getty Images
Al secondo posto c’è il 2014, al terzo (a pari merito) il 2010 e il 2005. C’entra El Nino, ma anche e soprattutto il riscaldamento globale

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»