Blog di

di Ciro Pellegrino

Cameron, chiedi a Berlusconi se è felice

Blog post del 2/11/2011

Come forse saprete, il primo ministro britannico David Cameron ha deciso di lanciare una sorta di "sondaggio sulla felicità", con una lista di domande da inviare a tutti gli abitanti del Regno Unito.
E dire che non è nemmeno veltroniano.

Facciamo un gioco. Come risponderebbe il nostro (almeno fino a stasera) premier Silvio Berlusconi? Proviamo a immaginare risposte possibili, basandoci su affermazioni già pronunciate dal Nostro.

1 – Siete soddisfatti della vostra vita?
«Nella mia vita non sono mai stato bocciato» (vertice Ue, ottobre 2011)

2 – Quanto siete soddisfatti di stare con vostro marito/moglie?
«Siamo insieme da una vita. Tre figli adorabili che hai preparato per l'esistenza con la cura e il rigore amoroso di quella splendida persona che sei, e che sei sempre stata per me, dal giorno in cui ci siamo conosciuti e innamorati. Abbiamo fatto insieme più cose belle di quante entrambi siamo disposti a riconoscerne in un periodo di turbolenza e di affanno» (lettera a Veronica Lario, poi si sono separati, 2007).

3 – Che voto dareste alla vostra salute fisica e mentale?
«Con le tisane ho perso 4 chili in otto giorni» (intervista a "Chi", agosto 2011).

4 – Avete un lavoro e vi piace quello che fate?
«Non amo il mio lavoro» (alla Cnn, 2009).

5 – Vivete in un quartiere buono e temete la criminalità?
«L'uso che Biagi... Come si chiama quell'altro? Santoro... Ma l'altro? Luttazzi, hanno fatto della televisione pubblica, pagata coi soldi di tutti, è un uso criminoso...» (editto bulgaro, aprile 2002).

6 – Siete soddisfatti del vostro stipendio?
«Ho aziende in Borsa e investirei prepotentemente nelle mie aziende che continuano a fare utili» (conferenza stampa, agosto 2011).

7 – Che grado di istruzione avete?
«Gli insegnanti delle scuole pubbliche inculcano idee diverse da quelle che vengono trasmesse nelle famiglie» (al congresso dei Repubblicani, febbraio 2011).

8 – Avete fiducia nei politici e nelle amministrazioni locali?
«Vado per i cazzi miei. Vado via da questo paese di merda» (colloquio col faccendiere Lavitola, luglio 2011).

COMMENTI /

Ritratto di Michele Fusco
Mer, 02/11/2011 - 16:27
mfusco
Grande trovata, Cirus.
SHARE
Ritratto di Renato
Mer, 02/11/2011 - 22:46
Renato
Le risposte sono forzate.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Federica Pellegrini trionfa nei 200 stile libero agli Europei di Berlino

La nuotatrice azzurra al terzo titolo continentale consecutivo di specialità

Affonda barcone al largo della Libia. Recuperati 20 corpi, i dispersi sono 170

Nuova ecatombe nel mediterraneo. Guarda la mappa dei flussi migratori in Europa e nel mondo

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Serendipity, la musica che il mondo sta ascoltando ora

Il sito mostra le canzoni ascoltate in contemporanea da due utenti di Spotify in tutto il mondo
SHARE

Il test per stabilire quanto sei psicopatico

Non ha valore diagnostico, ma è interessante scoprire qualcosa di più sulle proprie stranezze
SHARE

Ice Bucket Challenge: perché tutti fanno docce fredde?

Un’iniziativa benefica per combattere la Sla è diventata un fenomeno globale. Ma ci sono critiche
SHARE

Come il cambiamento climatico influenza le tue vacanze

È un aspetto frivolo, ma anche il turismo viene condizionato dal climate change. Qui si spiega come
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il tuo cellulare ti sta uccidendo e le aziende non vogliono fartelo sapere

Le ricerche danno risultati sempre più chiari: l’esposizione continua ai campi magnetici è dannosa

In Bulgaria i vecchi monumenti sovietici vengono ridipinti. E sembrano Spiderman

La Russia ha chiesto maggiore vigilanza sui monumenti sovietici in Bulgaria: alcuni artisti li utilizzano per rappresentare scene di fumetti stile americano

La strategia fallita degli Usa con l’Isis ha reso l’avversario solo più forte

Il ritorno della jihad, la presa dell’Iraq, la minaccia all’Occidente, l’insipienza della politica Usa