Blog di

di Ciro Pellegrino

Cameron, chiedi a Berlusconi se è felice

Blog post del 2/11/2011

Come forse saprete, il primo ministro britannico David Cameron ha deciso di lanciare una sorta di "sondaggio sulla felicità", con una lista di domande da inviare a tutti gli abitanti del Regno Unito.
E dire che non è nemmeno veltroniano.

Facciamo un gioco. Come risponderebbe il nostro (almeno fino a stasera) premier Silvio Berlusconi? Proviamo a immaginare risposte possibili, basandoci su affermazioni già pronunciate dal Nostro.

1 – Siete soddisfatti della vostra vita?
«Nella mia vita non sono mai stato bocciato» (vertice Ue, ottobre 2011)

2 – Quanto siete soddisfatti di stare con vostro marito/moglie?
«Siamo insieme da una vita. Tre figli adorabili che hai preparato per l'esistenza con la cura e il rigore amoroso di quella splendida persona che sei, e che sei sempre stata per me, dal giorno in cui ci siamo conosciuti e innamorati. Abbiamo fatto insieme più cose belle di quante entrambi siamo disposti a riconoscerne in un periodo di turbolenza e di affanno» (lettera a Veronica Lario, poi si sono separati, 2007).

3 – Che voto dareste alla vostra salute fisica e mentale?
«Con le tisane ho perso 4 chili in otto giorni» (intervista a "Chi", agosto 2011).

4 – Avete un lavoro e vi piace quello che fate?
«Non amo il mio lavoro» (alla Cnn, 2009).

5 – Vivete in un quartiere buono e temete la criminalità?
«L'uso che Biagi... Come si chiama quell'altro? Santoro... Ma l'altro? Luttazzi, hanno fatto della televisione pubblica, pagata coi soldi di tutti, è un uso criminoso...» (editto bulgaro, aprile 2002).

6 – Siete soddisfatti del vostro stipendio?
«Ho aziende in Borsa e investirei prepotentemente nelle mie aziende che continuano a fare utili» (conferenza stampa, agosto 2011).

7 – Che grado di istruzione avete?
«Gli insegnanti delle scuole pubbliche inculcano idee diverse da quelle che vengono trasmesse nelle famiglie» (al congresso dei Repubblicani, febbraio 2011).

8 – Avete fiducia nei politici e nelle amministrazioni locali?
«Vado per i cazzi miei. Vado via da questo paese di merda» (colloquio col faccendiere Lavitola, luglio 2011).

COMMENTI /

Ritratto di Michele Fusco
Mer, 02/11/2011 - 16:27
mfusco
Grande trovata, Cirus.
SHARE
Ritratto di Renato
Mer, 02/11/2011 - 22:46
Renato
Le risposte sono forzate.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Delitto Kercher: i documenti sul rapporto tra Amanda e uno spacciatore di coca

Nuova pista nel giallo di Perugia: la Knox aveva amicizie molto pericolose

Cassa Depositi e prestiti ha approvato la vendita del 35% di Cdp Reti ai cinesi

Ceduto per un corrispettivo non inferiore a 2,101 miliardi di euro a State Grid International Development Limited

Come mantenere alta la produttività anche in estate

Qualche suggerimento utile per gestire al meglio i ritmi lavorativi durante la bella stagione
SHARE
La tabella

Caffeina killer: quanti caffè bisogna bere per morire?

Questo sito permette di calcolare in base al peso il numero di tazzine (o di tazze di tè) necessario
SHARE

Le app più usate che non consumano batteria

Facebook, Twitter e Youtube in versione "light" per durare a lungo con gli smartphone
SHARE

Un video che mostra se viene prima l’uovo o la gallina

Un corto romantico che racconta la storia di un maiale che ama le uova ma si innamora di una gallina
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Cina, la lotta del “Quotidiano del popolo” contro i cani: “moda occidentale”

Il giornale governativo parla di “infestazione” dovuta a “influenze occidentali”, e di “crescita allarmante” e si scaglia contro l’incuria dei padroni. Dal Wsj

Cameron taglia i benefit europei per migranti, bambini e disoccupati

Il primo ministro inglese lancia una stretta ai sussidi di disoccupazione per i migranti che si trasferiscono in Gran Bretagna

"L'Unità" chiude e per l'ultima copia il quotidiano di Gramsci va in bianco

La redazione della storica testata ex Pci sceglie di non compilare le pagine interne e di pubblicare un giornale quasi completamente senza testo