Blog di

di Simone Albiani

Iran: Si parta con le danze !

Blog post del 11/01/2012

Stamani, un esperto nucleare, Mustafa Ahmadi Roshan che lavorava nel sito dove avviene l’arricchimento dell’uranio di Natanz è stato fatto saltare in aria da una bomba a magnete, appoggiata da una moto che passava , mentre stava andando all’università .


Un attentato hi-tech , soprattutto da 007 : primo per la dinamica: uno in moto che attacca con un magnete la bomba alla macchina deve essere parecchio addestrato e secondo l’ordigno a calamita : piccolo e soffisticato che solo i militari lo possiedono , tanto che Safar Ali Baratloo -Il vicegovernatore della provincia di Teheran- subito dopo l’attentato ha asserito: "La bomba era magnetica, lo stesso tipo di quelle usate per gli omicidi di scienziati, ed è il lavoro dei sionisti".


Il fatto è avvenuto mentre Il presidente della Repubblica islamica dell’Iran, Mahmoud Ahmadinejad è in tuor in 4 Paesi dell’America Latina (Venezuela Nicuaragua, Cuba ed Ecuador).
Viaggio per consolidare le alleanze e le amicizie e trattati economici ( forse anche per stringere accordi su come comportarsi in caso di una guerra contro Teheran ).


Nelle ultime settimane la tensione internazionale sta salendo, dopo che l'Iran ha svolto manovre militari prove balistiche a medio raggio nel golfo persico e hanno minacciato di chiudere lo Stretto di Hormuz – questo stretto rappresenta il piu' importante e strategico passaggio per i flussi petroliferi mondiali- e di aumentare il prezzo del petrolio .

Ma un altro fatto importante che sta creando tensione e preoccupazione è la condanna a morte emessa dal tribunale di Teheran nei confronti di un ventottenne americano accusato di spionaggio .
La CIA smentisce che sia una loro spia e chiedono la scarcerazione subito , come il padre del ragazzo iraniano traferitosi in America che afferma che il ragazzo era tornato a salutare i parenti. ( Per approfondire il tema del ragazzo http://www.linkiesta.it/blogs/iran-ora-notizie-e-retroscena-da-tehran/chi-e-l-americano-condannato-morte-iran )


Dopo l’assalto alle ambasciate del dicembre 2011 , anche il 2012 sembra partito “nel miglior dei modi” e sembra che la guerra sia iniziata già,con piccoli incidenti,sabotaggi e attentati da una parte e prove di forza dall’altra.
 

COMMENTI /

Ritratto di curioso78
Mer, 11/01/2012 - 18:54
curioso78
Articolo interessantissimo, quelle notizie che si scovano solo sul web e SOLO grazie a giornalisti come LEI
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti