Blog di

di Valerio Bassan

L'intervallo del Super Bowl, il più grande concerto di sempre?

Blog post del 5/02/2012

Il Super Bowl è il Main Event (la maiuscola è voluta) del made in Usa. Consumistico e patinato fino all'eccesso, è l'esemplificazione più chiara del potere totalizzante della televisione. Il medium, che catalizza tempi e modi scegliendo orari e protagonisti, fagocita quello che, almeno in teoria, dovrebbe essere il vero protagonista della serata: lo sport. 

Tra i marchi di fabbrica più conosciuti del Super Bowl c'è l'halftime show, lo spettacolo musicale di dodici minuti che si tiene nell'intervallo tra la prima e la seconda frazione di gioco. L'halftime show offre a uno o più fortunati artisti ogni anno l'occasione di effettuare il concerto più visto della loro carriera. Per capirci: nel 2011, gli spettatori sono stati in media 111 milioni. Cifre da record, che farebbero gola a chiunque.

L'halftime show risale alla prima edizione del Super Bowl, gennaio 1967. All'inizio ospitava le marching bands, che suonavano i classici del repertorio americano. Poi, con l'impennata di popolarità raggiunta dalla partita - e con la diffusione massiccia della televisione -, lo spazio dedicato alle bande venne destinato ad artisti più conosciuti. Già nel 1972 fu Ella Fitzgerald ad esibirsi in un tributo a Louis Armstrong, scomparso pochi mesi prima.

Furono poi gli anni '90 a innovare profondamente la formula musicale del Super Bowl. L'esibizione dei New Kids On The Block, al tempo popolarissima boyband, aprì il varco dell'halftime show ai cantanti pop. A finanziare l'esibizione degli artisti è uno sponsor, che si accolla le spese in cambio di spazi pubblicitari e di una menzione ufficiale nella produzione dell'evento. Walt Disney, Coca Cola, Pepsi e Bridgestone sono solo alcuni dei marchi che hanno deciso di investire milioni di dollari sull'intervallo del Super Bowl.

Negli ultimi anni, l'attesa per conoscere l'artista scelto per il Super Bowl ha superato, in ordine di importanza, le aspettative riguardanti il match. Quest'anno, per chi non lo sapesse, è toccato a Madonna occupare il palco centrale dello stadio di Indianapolis per quei dodici minuti: ieri notte miss Ciccone ha eseguito, assieme ad alcuni ospiti (M.I.A., LMFAO), quattro brani: "Vogue", "Music", il nuovo singolo "Give me all your luvin" e "Like a prayer" .

Questi invece sono alcuni degli halftime shows più spettacolari degli ultimi anni: Michael Jackson (1993), gli U2 (2002), i Rolling Stones (2006) e Bruce Springsteen (2009). 



COMMENTI /

Ritratto di Hamlet
Dom, 05/02/2012 - 22:52
Hamlet
aggiungo: la partita sarà trasmessa da sportitalia e espn america
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

I separatisti abbattono un aereo militare ucraino

Lo ha riferito il portavoce militare ucraino in televisione. Non si conosce la sorte del pilota

Obama: gli Usa continueranno a combattere il Califfato, “il mondo è inorridito”

La diretta video dell’intervento di Barack Obama dopo l’uccisione del giornalista James Foley

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE

I lavori che in futuro lasceremo fare ai robot

L’automazione fa passi da gigante: le macchine rimpiazzeranno insegnanti, conducenti e attori?
SHARE

Il marxismo spiegato con Super Mario

Il plusvalore e l’alienazione raccontati in un simpatico video ispirato all’idraulico della Nintendo
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il traffico delle armi nel mondo, chi compra e chi vende

La Stampa presenta un’infografica interattiva sulle armi, e gli intrecci tra i Paesi produttori e Paesi compratori

Perché ci sono aerei che sorvolano le zone di guerra

Le compagnie non hanno uno standard di rischio unico. Ognuna adotta una sua policy, e molte sono da rivedere

Sulla facebookizzazione di Twitter e la twitterizzazione di Facebook

I due social network sono nati per rispondere a dinamiche diverse della rete, ma con gli anni hanno cominciato a copiarsi sempre di più