Blog di

di Valerio Bassan

L'intervallo del Super Bowl, il più grande concerto di sempre?

Blog post del 5/02/2012

Il Super Bowl è il Main Event (la maiuscola è voluta) del made in Usa. Consumistico e patinato fino all'eccesso, è l'esemplificazione più chiara del potere totalizzante della televisione. Il medium, che catalizza tempi e modi scegliendo orari e protagonisti, fagocita quello che, almeno in teoria, dovrebbe essere il vero protagonista della serata: lo sport. 

Tra i marchi di fabbrica più conosciuti del Super Bowl c'è l'halftime show, lo spettacolo musicale di dodici minuti che si tiene nell'intervallo tra la prima e la seconda frazione di gioco. L'halftime show offre a uno o più fortunati artisti ogni anno l'occasione di effettuare il concerto più visto della loro carriera. Per capirci: nel 2011, gli spettatori sono stati in media 111 milioni. Cifre da record, che farebbero gola a chiunque.

L'halftime show risale alla prima edizione del Super Bowl, gennaio 1967. All'inizio ospitava le marching bands, che suonavano i classici del repertorio americano. Poi, con l'impennata di popolarità raggiunta dalla partita - e con la diffusione massiccia della televisione -, lo spazio dedicato alle bande venne destinato ad artisti più conosciuti. Già nel 1972 fu Ella Fitzgerald ad esibirsi in un tributo a Louis Armstrong, scomparso pochi mesi prima.

Furono poi gli anni '90 a innovare profondamente la formula musicale del Super Bowl. L'esibizione dei New Kids On The Block, al tempo popolarissima boyband, aprì il varco dell'halftime show ai cantanti pop. A finanziare l'esibizione degli artisti è uno sponsor, che si accolla le spese in cambio di spazi pubblicitari e di una menzione ufficiale nella produzione dell'evento. Walt Disney, Coca Cola, Pepsi e Bridgestone sono solo alcuni dei marchi che hanno deciso di investire milioni di dollari sull'intervallo del Super Bowl.

Negli ultimi anni, l'attesa per conoscere l'artista scelto per il Super Bowl ha superato, in ordine di importanza, le aspettative riguardanti il match. Quest'anno, per chi non lo sapesse, è toccato a Madonna occupare il palco centrale dello stadio di Indianapolis per quei dodici minuti: ieri notte miss Ciccone ha eseguito, assieme ad alcuni ospiti (M.I.A., LMFAO), quattro brani: "Vogue", "Music", il nuovo singolo "Give me all your luvin" e "Like a prayer" .

Questi invece sono alcuni degli halftime shows più spettacolari degli ultimi anni: Michael Jackson (1993), gli U2 (2002), i Rolling Stones (2006) e Bruce Springsteen (2009). 



COMMENTI /

Ritratto di Hamlet
Dom, 05/02/2012 - 22:52
Hamlet
aggiungo: la partita sarà trasmessa da sportitalia e espn america
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

La prima astronauta italiana è partita per lo spazio.

Samantha Cristoforetti decollerà alle 21,59 ora italiana

Regionali, Emilia Romagna e Calabria al voto: crolla l'affluenza

Urne aperte dalle 7 alle 23 per l'elezioni dei governatori

La scienza occulta dietro alla copertina dei libri

In un libro il testo non è tutto. Conta molto anche la copertina. Spesso è perfino la cosa migliore
SHARE

Istruzioni per stringere nuove amicizie anche da adulti

Matrimonio e carriera impediscono nuovi legami. Essere soli è più rischioso che essere fumatori
SHARE

Spiare l’intimità degli abitanti di Parigi

Una fotografa americana ha ripreso la vita privata di alcuni cittadini, catturando momenti unici
SHARE

La mappa che rivela quanto è rumorosa la tua città

Applicazioni e mappe di centri europei monitorano l’inquinamento acustico
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Gascoigne sta meglio, si è messo a dieta, va in palestra e beve meno

Gazza beccato dal Daily Mail fuori da un supermercato

Come Barilla si è trasformata in un’azienda paladina dei diritti dei gay

Dopo l’uscita di Guido Barilla, la società ha finanziato associazioni gay, esteso programmi sanitari a transgender e usato una coppia lesbica in una promozione