Blog di

Alessandra di Canossa

Per la Minetti dimettersi è un “fatto personale”. Peccato che lo stipendio sia collettivo

Blog post del 24/07/2012

Magistrale intervista di Alfonso Signorini su Chi questa settimana. E' riuscito nel colpaccio di avere l'esclusiva sul suo giornale e così tutti noi lettori potremo finalmente leggere le parole della donna dell'estate, di colei che tiene banco nella politica lombarda e non solo, di colei che tutti vorrebbero intervistare... come dice Ezio Greggio “è lei o non è lei? Ma cerrrto che è lei!!”
Signore e signori, ecco a voi Nicole Minetti e le sue perle di saggezza.

Indefessa lavoratrice, come possiamo vedere le foto sono state fatte a Varese… sì però a bordo piscina in un albergo lussuoso in costume da bagno che lascia poco all'immaginazione!

Alcune frasi mi hanno colpito più di altre in questa lunga e interessante intervista alla Consigliera Regionale della Lombardia Minetti.

Tra queste, vi posso allietare la giornata con:

“Le dimissioni sono un fatto estremamente personale”

Come possiamo vedere dalla foto di apertura del servizio le dimissioni, effettivamente, sono un fatto estremamente personale! Chiunque si trovi ad affrontarle, come Nicole, appare chiaramente contrito e riflessivo!

Sono andata dal presidente semplicemente per capire come poter gestire la bufera mediatica che si è creata intorno a questo caso

E come gestire meglio la bufera mediatica che si è creata intorno a codesta ragazza, se non fare un servizio di molte pagine su Chi praticamente in mutande??? (pardon in un casto costume intero.... neanche un bikini si è messa, santa donna!)

D. Da dove è nata allora la notizia che lei si sarebbe dimessa?
«La cosa è nata da me. Io, ogni giorno, devo convivere con mille polemiche sulla mia persona. A volte riguardano le cose più assurde: il costume troppo ridotto in spiaggia, la bufala sulla mia intenzione di girare un film porno, la maglietta indossata senza reggiseno per strada. Qualsiasi occasione è buona per spararmi addosso. In un momento di sconforto non nego di aver pensato di mollare tutto. E ne ho parlato con il presidente».

Effettivamente, come potete vedere dalla foto qui sopra, la Minetti è solita vestire castamente, anche se è chiaro che la biancheria intima scarseggia nel suo armadio! Sarà l'eccessivo sconforto che le fa dimenticare di vestirsi?

Se un domani volessi farmi una famiglia, volessi avere un uomo al mio fianco, con l'immagine che mi hanno costruita addosso, che cosa succede?

L'immagine che le hanno costruita addosso????

Comunque, ho presentato diverse mozioni, mi preparo su tutti gli argomenti all'ordine del giorno, approfondisco quelli che più mi interessano, vado in aula, partecipo alle discussioni tra consiglieri e partecipo a tutte le votazioni come tutti gli altri, loro invece vogliono far credere che passi il mio tempo a mettermi il burrocacao».

In effetti, le attività della Minetti in Consiglio sono varie e tutte a tema politico…

Complimenti a Chi perché le donne sentivano la mancanza di una loro simile che sia un esempio per tutte e perché gli uomini sentivano la mancanza di un bel servizio fotografico della Minetti, sempre che ci fosse ancora qualcosa da scoprire.

E complimenti alla Minetti, perchè sta sfruttando il momento e perchè il suo quarto d'ora di celebrità sta durando molto di più di 15 minuti.

… Chissà se le tasche degli italiani apprezzeranno davvero l'intenzione tutta personale di dimettersi della Minetti?

 

 

COMMENTI /

Ritratto di Andrea Mariuzzo
Mar, 24/07/2012 - 20:50
Amariuzzo
in ogni caso, non ha la carica che ha solo per colpa sua. occorre sempre spiegare perché le dimissioni sono diventate necessarie solo da un certo punto in poi
SHARE
Ritratto di sandro
Mer, 25/07/2012 - 10:31
sandro
ma queste tipe fanno benissimo, non fanno un cavolo tutto il giorno si divertono, spendono e spandono, tanto c'è chi compra i giornali di merda come CHI,quelli che hanno votato Berlusconi ,queste hanno capito tutto..purtroppo.......
SHARE
Ritratto di sandro
Mer, 25/07/2012 - 10:34
sandro
queste tipe hanno capito tutto, non fanno un cavolo tutto il giorno si divertono spendono e spandono, tanto ci stanno quelli che continuano a comprare i giornali di merda come CHI, che hanno votato Berlusconi, hanno capito tutto loro...purtroppo.........
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti