Blog di

Alessandra di Canossa

Per la Minetti dimettersi è un “fatto personale”. Peccato che lo stipendio sia collettivo

Blog post del 24/07/2012

Magistrale intervista di Alfonso Signorini su Chi questa settimana. E' riuscito nel colpaccio di avere l'esclusiva sul suo giornale e così tutti noi lettori potremo finalmente leggere le parole della donna dell'estate, di colei che tiene banco nella politica lombarda e non solo, di colei che tutti vorrebbero intervistare... come dice Ezio Greggio “è lei o non è lei? Ma cerrrto che è lei!!”
Signore e signori, ecco a voi Nicole Minetti e le sue perle di saggezza.

Indefessa lavoratrice, come possiamo vedere le foto sono state fatte a Varese… sì però a bordo piscina in un albergo lussuoso in costume da bagno che lascia poco all'immaginazione!

Alcune frasi mi hanno colpito più di altre in questa lunga e interessante intervista alla Consigliera Regionale della Lombardia Minetti.

Tra queste, vi posso allietare la giornata con:

“Le dimissioni sono un fatto estremamente personale”

Come possiamo vedere dalla foto di apertura del servizio le dimissioni, effettivamente, sono un fatto estremamente personale! Chiunque si trovi ad affrontarle, come Nicole, appare chiaramente contrito e riflessivo!

Sono andata dal presidente semplicemente per capire come poter gestire la bufera mediatica che si è creata intorno a questo caso

E come gestire meglio la bufera mediatica che si è creata intorno a codesta ragazza, se non fare un servizio di molte pagine su Chi praticamente in mutande??? (pardon in un casto costume intero.... neanche un bikini si è messa, santa donna!)

D. Da dove è nata allora la notizia che lei si sarebbe dimessa?
«La cosa è nata da me. Io, ogni giorno, devo convivere con mille polemiche sulla mia persona. A volte riguardano le cose più assurde: il costume troppo ridotto in spiaggia, la bufala sulla mia intenzione di girare un film porno, la maglietta indossata senza reggiseno per strada. Qualsiasi occasione è buona per spararmi addosso. In un momento di sconforto non nego di aver pensato di mollare tutto. E ne ho parlato con il presidente».

Effettivamente, come potete vedere dalla foto qui sopra, la Minetti è solita vestire castamente, anche se è chiaro che la biancheria intima scarseggia nel suo armadio! Sarà l'eccessivo sconforto che le fa dimenticare di vestirsi?

Se un domani volessi farmi una famiglia, volessi avere un uomo al mio fianco, con l'immagine che mi hanno costruita addosso, che cosa succede?

L'immagine che le hanno costruita addosso????

Comunque, ho presentato diverse mozioni, mi preparo su tutti gli argomenti all'ordine del giorno, approfondisco quelli che più mi interessano, vado in aula, partecipo alle discussioni tra consiglieri e partecipo a tutte le votazioni come tutti gli altri, loro invece vogliono far credere che passi il mio tempo a mettermi il burrocacao».

In effetti, le attività della Minetti in Consiglio sono varie e tutte a tema politico…

Complimenti a Chi perché le donne sentivano la mancanza di una loro simile che sia un esempio per tutte e perché gli uomini sentivano la mancanza di un bel servizio fotografico della Minetti, sempre che ci fosse ancora qualcosa da scoprire.

E complimenti alla Minetti, perchè sta sfruttando il momento e perchè il suo quarto d'ora di celebrità sta durando molto di più di 15 minuti.

… Chissà se le tasche degli italiani apprezzeranno davvero l'intenzione tutta personale di dimettersi della Minetti?

 

 

COMMENTI /

Ritratto di Andrea Mariuzzo
Mar, 24/07/2012 - 20:50
Amariuzzo
in ogni caso, non ha la carica che ha solo per colpa sua. occorre sempre spiegare perché le dimissioni sono diventate necessarie solo da un certo punto in poi
SHARE
Ritratto di sandro
Mer, 25/07/2012 - 10:31
sandro
ma queste tipe fanno benissimo, non fanno un cavolo tutto il giorno si divertono, spendono e spandono, tanto c'è chi compra i giornali di merda come CHI,quelli che hanno votato Berlusconi ,queste hanno capito tutto..purtroppo.......
SHARE
Ritratto di sandro
Mer, 25/07/2012 - 10:34
sandro
queste tipe hanno capito tutto, non fanno un cavolo tutto il giorno si divertono spendono e spandono, tanto ci stanno quelli che continuano a comprare i giornali di merda come CHI, che hanno votato Berlusconi, hanno capito tutto loro...purtroppo.........
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Israele, almeno 4 morti in un attacco di colpi di mortaio da Gaza

Diversi i feriti. I colpi sono caduti nella zona di Eshkol

Africa, epidemia di Ebola: la Liberia chiude le frontiere

In quarantena le comunità colpite dall’epidemia

Calcio, lettera della Fifa: “la Figc indaghi sulle parole di Tavecchio”

La Federcalcio internazionale chiede "di adottare le misure appropriate per indagare e decidere sulla questione e riferire successivamente alla Fifa"

Un video che mostra se viene prima l’uovo o la gallina

Un corto romantico che racconta la storia di un maiale che ama le uova ma si innamora di una gallina
SHARE

Ecco le parole da non scrivere mai in una lettera

Per non annoiare chi vi legge, o rischiare di non essere chiari meglio cercare soluzioni alternative
SHARE

Capitali europee rappresentate con il cibo

L’idea di due fotografi che utilizzano il cibo per esprimere e condividere la loro creatività
SHARE
La macchina della verità

I siti per scoprire se questo articolo è stato copiato

Getty Images
Cinque programmi per trovare chi plagia: basta inserire un testo e iniziare la ricerca dei furbetti
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

A governare meglio un Paese sono le persone con esperienza e le donne

Oltre l'80% degli americani ritiene che gli Stati Uniti sarebbero governati meglio da persone con esperienza sul lavoro o da donne

Le persone mattiniere sono più propense a mentire durante il pomeriggio

E lo fanno soprattutto nei confronti dei loro capi. Chi dorme poco di notte invece, potrebbe essere meno etico la mattina. La siesta pomeridiana è la soluzione

Così le società segrete riescono a sfuggire a Internet

Viaggio all’interno del processo di reclutamento dei leggendari club della New York University