Blog di

di Alessandra di Canossa

Facebook, (mezzo) decalogo delle cose da non scrivere

Blog post del 2/04/2012

Credo che a parte rari esempi di persone non avvezze alla tecnologia socialnetworkiana, abbiamo quasi tutti un profilo su Facebook. Un grande mezzo di comunicazione e interscambio – dico io – un mezzo per far sapere a tutti quello che facciamo sempre e comunque – sembra essere l’interpretazione di molti!

Lungi da me la lamentela o il giudizio nei confronti di quello che scrivono gli altri...in fondo la bacheca è tua e te la gestisci tu! Ma, caspita, ogni tanto ci sono delle notizie veramente interessanti, del tipo:

  • In preda ad una lancinante influenza intestinale dalle conseguenze volgari – ma perché, da quando in qua l’influenza intestinale è stata mai educata o elegante? Adesso chiamo la Parodi e le chiedo di pubblicare il “bon-ton dell'intestino”
     
  • Sono dal dentista, sono dal medico – e chissenefrega??? Ogni ulteriore commento pare superfluo.
     
  • Sto facendo la spesa – ma dico, se stai facendo la spesa, una mano sarà sul carrello, un’altra mano starà tentando di prendere e pesare le verdure, il tutto mentre stai dando una culata alla signora di fianco che ti sta fregando l’ultimo pacco di insalata (andate all’Esselunga sabato all’1...vedere per credere!) e tu che fai? Come la dea Kali, cacci fuori un terzo braccio e hai l’irrefrenabile voglia di annunciarci le tue ultime mirabolanti avventure!
     
  • Ore 20.00 – Sono a CasaAh sì? Veramenteee? Grazie di avercelo annunciato perché pensavo che invece di essere a casa a Milano, fossi a fare rafting sul Colorado con Fiammetta Cicogna!
     
  • Giornata di cambiamenti/Novità in arrivo e affini – mettiamoci d’accordo, se hai l’irrefrenabile voglia di annunciarci delle novità come sembra, diccele, altrimenti (forse) riusciremo a sopravvivere ugualmente!

Tu sei lì, che stai facendo l’ennesimo report da 5 ore con la testa praticamente dentro lo schermo del computer e stai porconando in turco-kazaco perché, ovviamente, i conti non tornano. Decidi quindi di fare un giretto veloce su Facebook per “alleggerire” la tensione muscolare alla braccia e far riposare un attimo la preziosa materia grigia, e trovi una bacheca piena zeppa di commenti così e allora… con mestizia e scoramento, decidi che forse l’excel non era poi così male, almeno lui non posta commenti!

 

COMMENTI /

Ritratto di carlomaria
Lun, 02/04/2012 - 19:09
carlomaria
Alessandro, guarda li' per terra... ti e' caduto il visto di soggiorno! Ecco, bravo chinati e raccoglilo. No, no, no... stai fermo dove sei. Sei pronto!? Si parteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee per la Corea del Nord! E già che ci sono poi ti faccio fare anche quella del Sud (all inclusive).
SHARE
Ritratto di carlomaria
Lun, 02/04/2012 - 15:39
carlomaria
Che manierine il signorino Alessandro! Non preoccuparti assolutamente del file di soggiorno. Io la Corea del Nord te la faccio girare a calci nel sedere (ovviamente metaforici) con grandissimo piacere. Buonviaggio carlomaria
SHARE
Ritratto di Fabrizio Goria
Lun, 02/04/2012 - 16:07
fgoria
Alessandra, brava. La tua leggerezza è l’ideale, ogni tanto. E non ti curar di chi non ha ancora capito che questo è un blog dentro Linkiesta e non Linkiesta. Allo stesso modo, lascia perdere chi invoca la North Korea. È palese che non ha idea di cosa si tratti. Well done. FG
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&mirco negativi scarabocchi smemoranda

Il rimedio degli antichi egizi per curare l’hangover

Ritrovato tra i papiri di Ossirinco, è basato su un utilizzo bizzarro delle foglie di Danae racemosa

Come scrivere bene, spiegato in breve

I consigli di David Ogilvy ai suoi dipendenti: un decalogo incentrato sulla chiarezza e sulla brevità

Il fascino discreto dell’intestino

Un libro dalla Germania rompe l’ultimo tabù: insegna quanto è bello l’intestino e vende milioni di copie

Liberland, il Paese dove non si pagano le tasse

Fondato da un liberale ceco, è una striscia di terra tra Croazia e Bosnia.

PRESI DAL WEB

Nobraino sulla strage dei migranti: “Acque pescose questa estate”

Il passo falso della band riminese costa caro: banditi dal Controfestival del Primo Maggio, rischiano tutta la carriera. La battuta ha fatto infuriare i fan