Blog di

di Alessandra di Canossa

Facebook, (mezzo) decalogo delle cose da non scrivere

Blog post del 2/04/2012

Credo che a parte rari esempi di persone non avvezze alla tecnologia socialnetworkiana, abbiamo quasi tutti un profilo su Facebook. Un grande mezzo di comunicazione e interscambio – dico io – un mezzo per far sapere a tutti quello che facciamo sempre e comunque – sembra essere l’interpretazione di molti!

Lungi da me la lamentela o il giudizio nei confronti di quello che scrivono gli altri...in fondo la bacheca è tua e te la gestisci tu! Ma, caspita, ogni tanto ci sono delle notizie veramente interessanti, del tipo:

  • In preda ad una lancinante influenza intestinale dalle conseguenze volgari – ma perché, da quando in qua l’influenza intestinale è stata mai educata o elegante? Adesso chiamo la Parodi e le chiedo di pubblicare il “bon-ton dell'intestino”
     
  • Sono dal dentista, sono dal medico – e chissenefrega??? Ogni ulteriore commento pare superfluo.
     
  • Sto facendo la spesa – ma dico, se stai facendo la spesa, una mano sarà sul carrello, un’altra mano starà tentando di prendere e pesare le verdure, il tutto mentre stai dando una culata alla signora di fianco che ti sta fregando l’ultimo pacco di insalata (andate all’Esselunga sabato all’1...vedere per credere!) e tu che fai? Come la dea Kali, cacci fuori un terzo braccio e hai l’irrefrenabile voglia di annunciarci le tue ultime mirabolanti avventure!
     
  • Ore 20.00 – Sono a CasaAh sì? Veramenteee? Grazie di avercelo annunciato perché pensavo che invece di essere a casa a Milano, fossi a fare rafting sul Colorado con Fiammetta Cicogna!
     
  • Giornata di cambiamenti/Novità in arrivo e affini – mettiamoci d’accordo, se hai l’irrefrenabile voglia di annunciarci delle novità come sembra, diccele, altrimenti (forse) riusciremo a sopravvivere ugualmente!

Tu sei lì, che stai facendo l’ennesimo report da 5 ore con la testa praticamente dentro lo schermo del computer e stai porconando in turco-kazaco perché, ovviamente, i conti non tornano. Decidi quindi di fare un giretto veloce su Facebook per “alleggerire” la tensione muscolare alla braccia e far riposare un attimo la preziosa materia grigia, e trovi una bacheca piena zeppa di commenti così e allora… con mestizia e scoramento, decidi che forse l’excel non era poi così male, almeno lui non posta commenti!

 

COMMENTI /

Ritratto di carlomaria
Lun, 02/04/2012 - 19:09
carlomaria
Alessandro, guarda li' per terra... ti e' caduto il visto di soggiorno! Ecco, bravo chinati e raccoglilo. No, no, no... stai fermo dove sei. Sei pronto!? Si parteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee per la Corea del Nord! E già che ci sono poi ti faccio fare anche quella del Sud (all inclusive).
SHARE
Ritratto di carlomaria
Lun, 02/04/2012 - 15:39
carlomaria
Che manierine il signorino Alessandro! Non preoccuparti assolutamente del file di soggiorno. Io la Corea del Nord te la faccio girare a calci nel sedere (ovviamente metaforici) con grandissimo piacere. Buonviaggio carlomaria
SHARE
Ritratto di Fabrizio Goria
Lun, 02/04/2012 - 16:07
fgoria
Alessandra, brava. La tua leggerezza è l’ideale, ogni tanto. E non ti curar di chi non ha ancora capito che questo è un blog dentro Linkiesta e non Linkiesta. Allo stesso modo, lascia perdere chi invoca la North Korea. È palese che non ha idea di cosa si tratti. Well done. FG
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Cosa postare e cosa no: guida per non rovinarsi la vita

Usare i social network non è facile come sembra: l’idea di essere tra amici è solo un inganno
SHARE

I Lego rifanno la scena migliore di Ritorno al Futuro

Un fulmine deve colpire la torre dell’orologio della città e spedire Marty McFly nel futuro
SHARE

Alcol & amore: quanto serve bere al primo appuntamento?

Secondo uno studio britannico - e anche secondo il buonsenso - non molto. Qui ci sono i dati precisi
SHARE

Come preparare la buona birra di una volta

Una ricetta sumera di 5mila anni fa spiega come fare la birra più antica del mondo. Sa di sidro
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica