Blog di

di Leonard Berberi

In Israele scoppia lo scandalo intercettazioni illegali

Blog post del 1/10/2011

Piccolo o grande fratello, si vedrà. Resta il fatto che in Israele è scoppiato da qualche giorno il problema intercettazioni. Stavolta, a differenza nostra, non c’entrano né le Procure e nemmeno premier ricattati. Stavolta è tutta colpa della tecnologia. E di clienti – mogli e mariti, soprattutto – che per rispondere alla loro gelosia prendono strade al limite della legge. In tutto questo c’è un giallo vero e proprio: a un certo punto è stato tirato in ballo anche il gabinetto del primo ministro.

E allora. Si è saputo che centinaia di telefonini di cittadini israeliani potrebbero essere in questo momento spiati potenzialmente da chiunque. Quasi tre settimane fa la polizia ha arrestato 22 persone sospettate di aver prodotto, venduto e utilizzato un software in grado di spiare gli smartphone

La notizia, tenuta nascosta per qualche giorno, è piombata nelle redazioni dei giornali da una fonte interna alla polizia. Ad allarmare gli utenti di telefonia è stato il fatto che il dispositivo incriminato, SpyPhone, si poteva comprare tranquillamente via web. Il software costa da un minimo di 315 euro a un massimo di 600 e l’azienda produttrice promette «risultati altamente professionali». Tra le opzioni dell'utente c’è pure quella di ricevere via e-mail una copia di tutti i messaggi inviati e ricevuti da un determinato apparecchio, oltre alla lista delle chiamate.

Le indagini però hanno iniziato a prendere una piega diversa dopo un paio di giorni. Quando uno degli accusati ha raccontato che l'ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu avrebbe ricevuto e installato SpyPhone per poter ascoltare le conversazioni dei cittadini. La polizia non ha né confermato, né smentito. Mentre dal gabinetto del premier è arrivata una smentita.

Israele non è però nuova a questo tipo di scandali. Tra vittime e mandanti, decine di compagnie erano state coinvolte sei anni fa in una vicenda di spionaggio industriale gestito da investigatori privati che si erano infiltrati nei telefonini della concorrenza dei propri clienti. L’anno successivo, nel 2006, scoppiò un nuovo scandalo quando venne fuori che il telefono del capo di gabinetto dell'allora primo ministro, Ehud Olmert, veniva tenuto sotto controllo.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Champions: girone impossibile per la Roma, per la Juve ostacolo Atletico Madrid

Ai giallorossi toccano Bayern Monaco, Manchester City e Cska Mosca. Per la Juve anche Olimpiacos e Malmoe

Telefonata di Renzi a Putin: "Intollerabile" ingresso di truppe russe in Ucraina

La chiamata in qualità di presidente di turno dell'Unione Europea

Vivendi: esclusiva a Telefonica per Gvt. Non bastano i 7 mld offerti da Telecom

La guerra per il controllo della telefonia Brasiliana. Gli spagnoli hanno rialzato la loro proposta iniziale a 7,45 miliardi di euro

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Quattro cibi che mangiate in modo sbagliato

Il sushi, per esempio, non lo indovina nessuno. Stessa cosa per ramen e cibo indiano. Una guida
SHARE
Convinzioni diffuse

L’atlante degli stereotipi in Europa

Cosa pensano gli Europei dell’Europa? Queste venti mappe mostrano tutti i pregiudizi più radicati
SHARE

Cinque regole di etichetta per i viaggiatori in aereo

La classe economica è più stretta e scomoda: non peggioriamo il volo con brutti comportamenti
SHARE

La tavola periodica dello storytelling

Tutti i trucchi e le componenti della narrazione raccolti insieme e spiegati voce per voce
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Batistuta shock: "Chiesi di tagliarmi le gambe, urinavo nel letto"

Il dramma del bomber argentino ex Fiorentina, Roma e Inter: "Non riuscivo più ad alzarmi dal letto, vidi Pistorius e pensai che qu

Cosa succede se si rimane svegli troppo a lungo

C’è chi si domanda cosa potrebbe accadere rimanendo svegli troppo a lungo. E, come era da attendersi, non ci sono buone notizie

Addio alla pellicola: cosa succederà ai film quando Hollywood diventerà digitale

In un video l’intervista a due proiezionisti nel loro ultimo giorno di lavoro