Blog di

di Leonard Berberi

Se gli ebrei ultraortodossi ora chiedono anche i voli “kosher”

Blog post del 4/03/2012

Dio o la vita terrena? La religione o la salvezza? Le leggi divine o quelle di questo mondo? Ogni volo, «quando ci sono loro, è un bel dilemma». Se è vero che, come ha raccontato la tv israeliana Channel 2, non tutte le tratte aeree che portano al “Ben Gurion” di Tel Aviv rispettano le regole imposte dalla Iata, l’ente internazionale dell’aviazione.

I fatti. Molti passeggeri denunciano che su alcuni voli della “El Al”, la compagnia di Stato israeliana, le richieste dei clienti haredim (ultraortodossi) stanno diventando un problema. Perché oltre a chiedere lo spegnimento dei monitor dove vengono fatti vedere la posizione esatta del velivolo o i film, i timorati di Dio pretenderebbero anche lo spegnimento di tutti i segnali delle uscite d’emergenza. Glielo imporrebbe la religione. Pare che quest’ultima richiesta sia stata soddisfatta in modo fin troppo zelante in un volo dal Belgio verso Israele. E così è scattata la contestazione di molti passeggeri.

Possibile che sui voli di una grande compagnia si venga meno alle regole di base per viaggiare sicuri? «Il personale ci ha detto che questo succede ogni tanto», ha raccontato a Channel 2 un passeggero. E loro, le hostess, che fanno? «Cambiano il posto ai clienti: gli ultraortodossi che non vogliono dispositivi accesi da una parte, i “laici” dall’altra. «Certo, bisognerebbe dire agli haredim che, a voler essere proprio osservanti, dovrebbero far spegnere anche i motori e le centraline del velivolo», hanno ironizzato in molti.

Questo è soltanto l’ultimo caso in ordine di tempo. Perché, hanno raccontato altri passeggeri, in un volo Bruxelles-Tel Aviv gli ultrareligiosi «hanno tirato fuori dei cartoncini e li hanno incastrati tra i sedili, così da restare separati da chi avevano vicino, soprattutto se si trattava del gentil sesso». «La cosa più grave», hanno continuano i testimoni, «è che gli assistenti della compagnia non hanno detto proprio nulla. Da quando le donne sono trattati come clienti di serie B?».

E così, dopo i bus segregazionisti e le vie con i marciapiedi separati per uomini e donne (nel quartiere Mea Shearim di Gerusalemme così come a Beit Shemesh), arriveranno i voli “kosher”? Si vedrà. Intanto la Iata ha deciso di vederci chiaro. E la compagnia “El Al” s’è limitata a dire che «si è trattato di un evento insolito e per nulla conforme alle procedure di servizio dei voli dell’azienda». «Vorremmo sottolineare che la sicurezza non è stata compromessa e che l’incidente sarà posto sotto indagine».

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Mer, 03/04/2013 - 13:02
Anonimo
faccio la spola tra Roma e Tel Aviv e non mi è mai capitato nulla del genere. Di solito i haredim si fanno i fatti loro.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

I naufraghi superstiti: "Barcone strapieno, ne sono annegati 180"

I racconti degli orrori a bordo: alcuni sarebbero stati uccisi sull'imbarcazione con coltelli e bastoni

Gaza, nuovi raid aerei in mattinata: 7 morti

Diplomazia al lavoro: oggi al Cairo vertice tra Kerry, Ban Ki Moon e al Sisi

Aereo abbattuto, ribelli consegnano le scatole nere agli esperti malesi

Ok al cessate il fuoco nella zona della tragedia. Obama: Putin ha la responsabilità

Russia, la patria dei record

Curiosità, fatti, cose incredibili sul Paese più grande del mondo, che pensa e vive in grande
SHARE

Il videogioco che ti trasforma in una capra

Goat Simulator: una giornata un po’ stramba nei panni di una capra in mezzo alla città
SHARE

Le regole da seguire per evitare incidenti in bici

La strada è di tutti, anche delle persone imprudenti e senza rispetto. Ecco come premunirsi
SHARE

Quindici modi per sconfiggere il jet-lag

Un problema per chi viaggia in posti lontani. Si deve dormire, ma si può fare anche di più
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il ciclista predestinato: scampa ai due disastri aerei della Malaysia Airlines

Il 29enne Maarten de Jonge doveva salire sia sul volo scomparso sull'Oceano Indiano sia su quello abbattuto sopra l'Ucraina

Un video animato spiega come si effettua il fracking

Si tratta della cosiddetta "fratturazione idraulica" ovvero quando si utilizza la pressione di un fluido per creare fratture nel sottosuolo

Se anche le donne leggono i libri comici

Lo stereotipo secondo cui solo gli uomini leggono libri comici e di supereroi è falso