Blog di

di Leonard Berberi

Tra turchi e israeliani spunta un'altra sfida. Stavolta sull'erba

Blog post del 15/09/2011

E alla fine piombò una partita di calcio. In piena crisi diplomatica. E tra due Paesi ormai ex amici. Stasera alle otto (le 19 in Italia) andrà in scena Besiktas – Maccabi Tel Aviv. Turchia contro Israele. A pochi giorni dalla rottura diplomatica, dall’assalto all’ambasciata al Cairo, dalla visita del premier di Ankara alla capitale egiziana e dalle parole minacciose pronunciate di fronte alla Lega Araba.

È in questo scenario che, sul campo dello «İnönü Stadyumu» di Istanbul (nella foto sopra, come si presentava a due minuti dal fischio iniziale), ci sarà la sfida di Europa League. Non una sfida qualsiasi, ormai. Se è vero che per garantire la sicurezza – soprattutto dei tifosi dello Stato ebraico – sono stati mobilitati 1.500 poliziotti, 800 agenti delle forze speciali, mentre migliaia di soldati sono in pre-allerta.

Dicono i giornali turchi che per calmare le acque i simpatizzanti (150 circa) del Maccabi Tel Aviv si presenteranno sugli spalti con ramoscelli d'ulivo e con 100 chili di caramelle per dare un messaggio ai turchi: «Superiamo la crisi parlando dolcemente». Chissà se, vero o meno che sia, il gesto poi servirà a portare distensione tra due Paesi che, fino a ieri, andavano d’amore e d’accordo.

Le frizioni, diplomatiche, sono ormai note. I turchi se la son presa per le mancate scuse israeliane per l'uccisione di suoi attivisti filopalestinesi nell'arrembaggio dell'anno scorso alla flottiglia della Mavi Marmara. Così hanno cacciato l’ambasciatore dello Stato ebraico. Ankara, poi, ha chiesto la revoca del blocco israeliano contro la Striscia di Gaza, che però è governata dal movimento radicale Hamas, che Israele considera terrorista. E come se non bastasse, il premier Erdogan ha avvertito Israele che se continua così «minaccia la sua esistenza nell’area».

È così che la sfida, nemmeno a farla apposta, non poteva capitare in un momento peggiore. Tanto da far scrivere al giornale turco Hurriyet frasi come «Speriamo che i giocatori e tifosi israeliani se ne vadano come sono arrivati», cioè sani e salvi. La squadra telavivina è arrivata ieri. Scortata fino al midollo fino all’albergo e su una strada che – dall’aeroporto all’hotel – è stata chiusa al traffico.

«È solo una partita di calcio», ha cercato di sdrammatizzare un giocatore israeliano ai microfoni della tv turca Ntv (sopra le prime fasi dell'incontro). Fatto sta che le autorità locali hanno proibito di introdurre allo stadio bandiere palestinesi e striscioni provocatori. Nella speranza che stasera parli il linguaggio del calcio. Non quello della politica. E nemmeno quello della violenza.

[aggiornamento ore 20.50: il Besiktas ha vinto per 5 a 1. Non ci sono stati incidenti, ma i giocatori durante l'ingresso sul campo sono stati protetti dai poliziotti in assetto antisommossa]

COMMENTI /

Ritratto di Leonard Berberi
Sab, 17/09/2011 - 12:40
LBerberi
<p>S&igrave;, possiamo aggiungere questa informazione, Borghesino. Anzi: dobbiamo aggiungerla!</p>
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Fifa, Sepp Blatter confermato presidente

il suo sfidante, il principe Ali bin al-Hussein, si è ritirato prima della seconda tornata

Ucciso con un colpo di pistola a Formia l’avvocato Mario Piccolino, 71 anni

Era noto per le sue battaglie contro l’illegalità

Antimafia, svelata la lista degli impresentabili. C’è anche De Luca

Tra i nomi c’è anche Alessandrina Lonardo, moglie di Clemente Mastella

Buone maniere, gli errori che non sapete di fare

Un elenco che vuole essere anche una guida: per uno stile e una raffinatezza che quest’epoca cafona sembra aver dimenticato

Il Ttip? È già roba vecchia: molto meglio il Tfta

L’accordo commerciale tra i Paesi africani apre alla più grande area di libero scambio del mondo, in termini di persone

Cosa fare se restate chiusi fuori da una stanza senza vestiti

Una situazione spiacevole, per fortuna molto rara, ma che non tutti sono pronti ad affrontare con lo spirito giusto

Big Data alla Mecca: presto il braccialetto elettronico per pellegrini

Lo strumento raccoglierà molte informazioni utili per statistiche e per regolare il traffico. In cambio, una serie di servizi per la preghiera

PRESI DAL WEB

Cristiano Ronaldo ha donato 7 milioni di euro ai bambini del Nepal?

La notizia è stata riportata dal magazine francese So Foot, ma non ci sono ancora conferme da Save The Children

Migranti, la svolta dell'Ue: "Tutti gli Stati membri obbligati ad accoglierli”

Su la Repubblica la bozza della nuova Agenda della Commissione: via libera all'affondamento dei barconi e aiuti ai paesi di origine