Blog di

di Massimo Nunzi

I Jazz club di New York (Part II)

Blog post del 11/07/2011

I Jazz club di New York (part II)

Nel nostro viaggio nella Grande Mela , non potrà mancare una visita a quei jazz club più nascosti, meno noti.

Noi , da musicisti e attraverso le nostre "reti", ne conosciamo molti, anche  al di fuori delle consuete rotte turistiche.

Ringrazio la cantante Roberta Gambarini, che mi ha dato delle "dritte" significative...

Gambarini con Hank Jones

Io ve li consiglio perché da sempre, e il post precedente lo sottolinea molto, le linee del jazz moderno si sono dipanate nel mondo  proprio da questi locali: Non dovete rimanere  delusi dalla prima impressione.

Apparentemente,in alcuni casi,  sono dei clubbini neanche tanto belli ma  in realtà, sono le vere e proprie "palestre" dove i musicisti si tengono in allenamento prima dei grandi tour e delle performance discografiche.

Come le trattorie migliori, sono quelli meno "glamour" che offrono le sorprese più belle e buone.

Spesso, alcuni dischi storici che abbiamo, sono stati registrati proprio in questi luoghi.

Senza di essi, il jazz non esisterebbe.

In questi clubs , se avrete fortuna, potrete incontrare alcuni dei Keith Jarrett del futuro. In questi club, non sempre ma spesso, accade davvero qualcosa...Ripeto, la Fortuna può guidarvi...

"Zinc bar" (82 West 3rd Street (btw Thompson & Sullivan) Greenwich Village New York NY 10012 tel. 212-477-ZINC (9462) Open 7 days: 6pm-2:30am weeknights 6pm-3am weekends )

offre un ampio raggio di proposte e apre a linguaggi misti, dal jazz, declinato in molte forme, prettamente "moderne" alla commistione con la musicia etnica, brasiliana, indiana o portoghese...


Zinc bar

"Smoke" (Smoke Jazz & Supper Club-Lounge is located at 2751 Broadway between 105th and 106th Streets) presenta esclusivamente jazz e in questo locale , sono di casa artisti come Eric Alexander e George Coleman-

Il locale offre una Jam session settimanale e un programma variegato, prettamente modern mainstream/ Blue Note style... ci suona anche una big band, cosa rara di questi tempi.


Smoke


"Jazz standard" (Jazz Standard, downstairs Blue Smoke, upstairs 116 East 27th Street 212-576-2232) presenta una programmazione di jazz, sia mainstream che contemporaneo.



Freddy Cole suona un jazz molto spettacolare e nella tradizione e qui, la Mingus Big Band ha guadagnato la Grammy Nomination con un disco live.



Non potete mancare di visitare il "Village Vanguard" (178 7th Avenue South New York, NY 10014-2740, (212) 255-4037) , uno dei pochissimi locali storici rimasti in piedi, dove sono stati incisi dischi che hanno cambiato il corso della musica del 900.



Tutti i Maestri hanno suonato e registrato qui.. l'atmosfera del Club è quella di un Santuario magico.

Jazz, jazz, jazz e ancora jazz...di tutto, dal pianista Cedar Walton a The Bad Plus , con il tradizionale Live della big Band big band night (Vanguard BB,ex Thad Jones-Mel Lewis) ogni lunedi'.



-"Fat cat" (75 Christopher Street New York, NY 10014-4236, (212) 675-6056) :offre puro jazz modern mainstream e jam session ogni tanto.


Smalls

"Smalls" (183 West 10th street New York City, N.Y. 10014) molto jazz -Questo club è l'hangout dei musicisti after hours... qui si allenano i campioni, da Joshua Redman a Kurt Rosenwinkel.. un posto molto "per" musicisti..


i proprietari di Smalls


-"Iridium" (1650 Broadway (51st)
New York, NY 10019.For reservations (212) 582-2121.www.theiridium.com)
Ha una programmazione mista di jazz contemporaneo molto "spinto" verso il free ma anche rock "puro" e addirittura dei numeri di cabaret in certi orari.

-Cleopatra's needle (2485 BROADWAY/ 92 ST NYC 10025
(212) 769-6969)
: jazz, ma anche molte jam sessions estemporanee,
molto ma molto frequentato da cantanti che vogliono farsi notare.



Sono molti i bar e i localini dove si puo' trovare inaspettatamente un duo di grandi musicisti (tipo Jules o Le Cafe du Soleil sull'Upper West Side)...

in generale, i musicisti più attivi del pianeta abitano tutti a New York e quindi, anche se scendono a comprare le sigarette, magari due pezzi nel jazz club sotto casa se li fanno.

Spero che questa guida vi sia utile!

Enjoy the Big Apple!

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti