Blog di

di Massimo Nunzi

I Jazz club di New York (Part II)

Blog post del 11/07/2011

I Jazz club di New York (part II)

Nel nostro viaggio nella Grande Mela , non potrà mancare una visita a quei jazz club più nascosti, meno noti.

Noi , da musicisti e attraverso le nostre "reti", ne conosciamo molti, anche  al di fuori delle consuete rotte turistiche.

Ringrazio la cantante Roberta Gambarini, che mi ha dato delle "dritte" significative...

Gambarini con Hank Jones

Io ve li consiglio perché da sempre, e il post precedente lo sottolinea molto, le linee del jazz moderno si sono dipanate nel mondo  proprio da questi locali: Non dovete rimanere  delusi dalla prima impressione.

Apparentemente,in alcuni casi,  sono dei clubbini neanche tanto belli ma  in realtà, sono le vere e proprie "palestre" dove i musicisti si tengono in allenamento prima dei grandi tour e delle performance discografiche.

Come le trattorie migliori, sono quelli meno "glamour" che offrono le sorprese più belle e buone.

Spesso, alcuni dischi storici che abbiamo, sono stati registrati proprio in questi luoghi.

Senza di essi, il jazz non esisterebbe.

In questi clubs , se avrete fortuna, potrete incontrare alcuni dei Keith Jarrett del futuro. In questi club, non sempre ma spesso, accade davvero qualcosa...Ripeto, la Fortuna può guidarvi...

"Zinc bar" (82 West 3rd Street (btw Thompson & Sullivan) Greenwich Village New York NY 10012 tel. 212-477-ZINC (9462) Open 7 days: 6pm-2:30am weeknights 6pm-3am weekends )

offre un ampio raggio di proposte e apre a linguaggi misti, dal jazz, declinato in molte forme, prettamente "moderne" alla commistione con la musicia etnica, brasiliana, indiana o portoghese...


Zinc bar

"Smoke" (Smoke Jazz & Supper Club-Lounge is located at 2751 Broadway between 105th and 106th Streets) presenta esclusivamente jazz e in questo locale , sono di casa artisti come Eric Alexander e George Coleman-

Il locale offre una Jam session settimanale e un programma variegato, prettamente modern mainstream/ Blue Note style... ci suona anche una big band, cosa rara di questi tempi.


Smoke


"Jazz standard" (Jazz Standard, downstairs Blue Smoke, upstairs 116 East 27th Street 212-576-2232) presenta una programmazione di jazz, sia mainstream che contemporaneo.



Freddy Cole suona un jazz molto spettacolare e nella tradizione e qui, la Mingus Big Band ha guadagnato la Grammy Nomination con un disco live.



Non potete mancare di visitare il "Village Vanguard" (178 7th Avenue South New York, NY 10014-2740, (212) 255-4037) , uno dei pochissimi locali storici rimasti in piedi, dove sono stati incisi dischi che hanno cambiato il corso della musica del 900.



Tutti i Maestri hanno suonato e registrato qui.. l'atmosfera del Club è quella di un Santuario magico.

Jazz, jazz, jazz e ancora jazz...di tutto, dal pianista Cedar Walton a The Bad Plus , con il tradizionale Live della big Band big band night (Vanguard BB,ex Thad Jones-Mel Lewis) ogni lunedi'.



-"Fat cat" (75 Christopher Street New York, NY 10014-4236, (212) 675-6056) :offre puro jazz modern mainstream e jam session ogni tanto.


Smalls

"Smalls" (183 West 10th street New York City, N.Y. 10014) molto jazz -Questo club è l'hangout dei musicisti after hours... qui si allenano i campioni, da Joshua Redman a Kurt Rosenwinkel.. un posto molto "per" musicisti..


i proprietari di Smalls


-"Iridium" (1650 Broadway (51st)
New York, NY 10019.For reservations (212) 582-2121.www.theiridium.com)
Ha una programmazione mista di jazz contemporaneo molto "spinto" verso il free ma anche rock "puro" e addirittura dei numeri di cabaret in certi orari.

-Cleopatra's needle (2485 BROADWAY/ 92 ST NYC 10025
(212) 769-6969)
: jazz, ma anche molte jam sessions estemporanee,
molto ma molto frequentato da cantanti che vogliono farsi notare.



Sono molti i bar e i localini dove si puo' trovare inaspettatamente un duo di grandi musicisti (tipo Jules o Le Cafe du Soleil sull'Upper West Side)...

in generale, i musicisti più attivi del pianeta abitano tutti a New York e quindi, anche se scendono a comprare le sigarette, magari due pezzi nel jazz club sotto casa se li fanno.

Spero che questa guida vi sia utile!

Enjoy the Big Apple!

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Serie A, il calendario della stagione 2015-2016

Si comincia subito con Fiorentina-Milan

Morto lo scrittore Sebastiano Vassalli

Vincitore di alcuni dei più importanti premi letterari, aveva 73 anni

Bari, esplode fabbrica di fuochi d’artificio: il bilancio delle vittime sale a 7

L’esplosione intorno alle 12.30 nello stabilimento della ditta Bruscella sulla provinciale 92 a Modugno

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Sette cose che non sappiamo sul cannibalismo

La parola deriva dal nome che gli spagnoli diedero agli abitanti dei Caraibi. Gli uomini sono poco inclini ma non troppo
La parola deriva dal nome che gli spagnoli diedero agli abitanti dei Caraibi. Gli uomini sono poco inclini ma non troppo

Perché il 2015 sarà l’anno più caldo da quando esistono i termometri

David McNew/Getty Images
Al secondo posto c’è il 2014, al terzo (a pari merito) il 2010 e il 2005. C’entra El Nino, ma anche e soprattutto il riscaldamento globale

Avete sempre usato il deodorante nel modo sbagliato

Un giornalista americano ha scoperto dopo 17 anni come si usano deodoranti e antitraspiranti. Ora deve convincere i suoi colleghi

Il campione francese di Scarabeo non conosce una parola di francese

Nigel Richards è il ''Tiger Woods dello Scarabeo". La sua è una memoria matematica, non linguistica, non conosce i significati delle parole

PRESI DAL WEB

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi