Nel folle tentativo di realizzare una classifica fra i batteristi jazz italiani,
Roberto Gatto sarebbe di certo quello più titolato a reclamare il primo posto.
E' tale e tanta la qualità delle sue collaborazioni che sento che tutti,
musicisti e pubblico, voterebbero lui.
Nei Poll delle riviste specializzate è in permanenza al primo posto.
Non ha molto senso fare classifiche e io le ho sempre detestate.
Ma Roberto ha davvero quel qualcosa di diverso, quel quid in più
per figurare nei "Top Ranks" internazionali della batteria moderna.

 

Per esperienza posso affermare che il musicista in questione,
con il quale ho realizzato un mio disco, e numerosi concerti,
è a suo agio sia con la Big Band che con il piccolo gruppo.

 

 

In particolare ricordo che Chet Baker, con cui facemmo alcuni concerti insieme,
uno anche per la RAI, lo adorava e la cosa, che in sé non pare particolarmente strana,
lo diventa quando si scopre che il trombettista era noto
per aver cacciato nomi ben più altisonanti direttamente durante il concerto.
L'incredibile talento di Gatto consiste nella misura e nel controllo assoluto delle dinamiche.


Non suona mai forte e sviluppa trame ritmiche di grandissimo pregio,
contribuendo alla sostanza musicale del brano
senza mai traboccare dal suo ruolo che rimane spesso quello del "time keeper".

 

Ora che è nella piena maturità, Roberto fa i conti con il suo passato
e ritrova le origini stesse del suo stile che, nel tempo,
ha sviluppato caratteristiche originalissime.
E dedica ben due dischi proprio a Shelly Manne,
batterista attivo in studio e dal vivo dagli anni 40 agli anni 80, sulla West Coast.


Manne è un genio dimenticato e bene fa Roberto
a strutturare un percorso musicale di grande pregio, proprio in suo omaggio.
Lo fa con un quintetto che vede nelle sue fila alcuni "campioni" del jazz italiano
fra cui spiccano Max Ionata al tenore e Marco Tamburini alla tromba, con un roccioso
Luca Mannutza al piano e la cavata possente di Giuseppe Bassi.

 

Dopo tanta esperienza come sideman, da quando è leader Roberto ha iniziato
a comporre temi freschi e veloci, spesso colmi di ironia e guizzi di rimando
alle colonne sonore dei film degli anni 60 ed in particolare ispirati a Trovajoli e Piccioni.
Con il primo ha realizzato una riscrittura di "Rugantino" in chiave jazz.




Nel sentito omaggio al suo mentore, Gatto alterna brani conosciuti
a "standards" molto "battuti" dal batterista californiano.
Sarà con me in radio a "Jazz a Nota Libera" mercoledi 18 maggio
dalle 22 alle 24 a suonare dal vivo e a presentare "Remembering Shelly #1 e#2",
sulle frequenze di "Teleradiostereo" in streaming su www.teleradiostereo.it o,
per chi vive nel centro Italia, su 92,7 in Fm.
 

La fanfara frenetica
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Apple, risultati superiori alle aspettative: utili per 10 miliardi nel trimestre

Ricavi per 45 miliardi di dollari. Annunciato un buy-back per 30 miliardi di dollari. Il titolo vola

Facebook, volano i ricavi: oltre 2,5 miliardi nel secondo trimestre

A spingere i ricavi del social network è la pubblicità sul mobile. Ma il direttore finanziario lascia

Ucraina, strappata alle forze filorusse la città di Sviatogorsk

L’annuncio del ministero degli Interni di Kiev: I reparti speciali di Kiev riconquistano la cittadina perché al confine tra Donetsk, Lugansk e Kharkiv

Cinque cose che forse non sapevate su Shakespeare

Nel giorno del suo compleanno che, e questa è la prima cosa, coincide con quello della sua morte
SHARE

L’arte sottile dei saluti e delle strette di mano

In ogni Paese ci sono codici di saluto diversi: meglio impararli prima di andarci con questo video
SHARE

Lo splendore della risonanza magnetica sulla verdura

Un utilizzo artistico di uno strumento medico rivela mondi impensabili per cose di tutti i giorni
SHARE

Ecco come nascondere app e cartelle su iPhone

Con pochi semplici passi si può scegliere di rendere invisibili le app con contenuti privati
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB

Da stasera Silvio non potrà più uscire di casa senza questo foglio

arà la sua ‘bussola’, gli indicherà cosa può fare e cosa no, chi può vedere e chi no, a che ora deve andare a coricarsi

Arriva l’alcol in bustina: basta aggiungere un po’ d’acqua ed ecco una vodka

Per quelli che non hanno il tempo di sedersi al tavolino del bar, ecco la soluzione. Un bicchiere d’acqua e una bustina e il gioco è fatto. Ma sarà buono?

Perché il cibo sano ha un gusto peggiore di qualsiasi altro cibo

Esistono trucchi alimentari per ingannare il nostro cervello. E molti ristoranti li utilizzano per confonderci quando si tratta di mangiare sano