Blog di

di Marco Boscolo ed Elisabetta Tola

Elsevier: si allarga il numero di pubblicazioni open. Ma è una goccia nel mare (di profitti)

Blog post del 28/03/2012

La protesta contro il gigante delle pubblicazioni scientifiche Elsevier non accenna a diminuire. Da quando il matematico inglese Tim Gowers ha lanciato la proposta di boicottare l'editore olandese per i prezzi ingiustificatamente alti, sono quasi novemila i ricercatori di tutto il mondo che hanno firmato la petizione online. Per una panoramica sulle motivazioni della protesta, che qualcuno ha associato al movimento Occupy, vi rimandiamo al nostro post precedente.

Elsevier nel frattempo non è stata con le mani in mano ma ha rilanciato la sua iniziativa Open Access (che, a onore del vero, non è una conseguenza della protesta). Per farlo ha aggiunto gli archivi di alcuni journals al suo archivio aperto (va da sè, sempre dopo diversi mesi dalla pubblicazione) e ha aggiunto anche 13 journals a quello che chiama "open access portfolio". Non si può certo parlare di grande apertura, visto che le pubblicazioni indicizzate dal sito di Elsevier sono più di 2600.

In più, sulla stessa pagina dell'Open Access Initiative l'editore olandese pone qualche limite a quei ricercatori a cui le istituzioni di ricerca per cui lavorano chiedono di depositare anche in un archivio aperto i propri risultati, oltre che sulle pagine delle riviste scientifiche. Sul sito si legge che in questo caso "Elsevier richiede un accordo anticipato con l'organizzazione per assicurarsi che le politiche di pubblicazione dei manoscritti non minino la sostenibilità della rivista". Per un editore che, come abbiamo riportato a febbraio, nel 2010 ha avuto un profitto di 724 milioni di sterline sembra una richiesta che sa tanto di ingordigia, tanto più se, seguendo il ragionamento di Gowers, pensiamo che moltissime di quelle ricerche sono effettuate da ricercatori che non vedono il becco di un quattrino da Elsevier per la fatica fatta per pubblicare.

Anche vantarsi che per gli accordi intercorsi tra i National Institutes of Health americani (che sono finanziati con danaro pubblico e vincolano alla pubblicazione su piattaforme aperte) Elsevier ha depositato gratuitamente "più di 80.000 manoscritti" appare per lo meno inelegante.

Sembra assistere alle mosse di marketing di un'industria che ha cominciato a capire che il modello editoriale che propone sta cominciando a mostrare la corda e tenta di prolungare il più possibile la propria sopravvivenza mascherando la propria natura con qualche piccola operazione di maquillage. (marco boscolo)

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti

Perché crediamo di capire i sentimenti dalle espressioni e sbagliamo

Nuovi studi dimostrano che la capacità di intuire i pensieri e le emozioni del prossimo dal suo sguardo sono molto più limitate di quanto si pensi