Blog di

di Marco Boscolo ed Elisabetta Tola

I ricchi sono più disonesti, ora c’è la prova scientifica

Blog post del 2/03/2012

Sentiamo spesso dipingere l'Italia come il paese delle corporazioni, delle lobby e dei privilegiati che hanno successo a discapito di una maggioranza che invece subisce l'immobilismo che questo sistema genera. Contro quelle che oramai vanno sotto il termine di "caste" è montata la rabbia di una parte della popolazione. Quella, per fare un esempio, che ha applaudito ai blitz della finanza nelle località turistiche per i portafogli più gonfi, quasi si trattasse di una vendetta di chi si sente onesto lavoratore spremuto da un fisco sempre più esigente contro quelli che avendo più di altri deve averlo ottenuto in maniera poco onesta. Una semplificazione da bar tra buoni e cattivi, me ne rendo conto, ma la scienza potrebbe aiutarci a fare luce su questo intricato rapporto tra etica e ricchezza.

Secondo uno studio condotto da un team di psicologi americani e pubblicato recentemente sugli autorevolissimi Proceedings of the National Academy of Sciences, infatti, i ricchi sarebbero più inclini a comportarsi in modo disonesto. Per esempio, negli esperimenti condotti da Paul Piff all'Università della California a Berkeley, i soggetti delle classi sociali più elevate si sono dimostrati più inclini a imbrogliare per ottenere un premio a un gioco.

Ma la cosa più incredibile è che quando alcuni soggetti meno abbienti sono stati convinti di appartenere a una classe sociale più elevata, anche loro hanno cominciato a sviluppare un comportamento più disonesto di quanto non facessero prima. E non si è trattato di una serie di esperimenti svolti esclusivamente all'interno di laboratori universitari. I ricercatori hanno portato i soggetti anche in contesti reali per verificare il loro comportamento. Risultato? Chi guidava auto di lusso non ha rispettato le strisce pedonali tre volte di più di chi era dietro al volante di utilitarie o auto dall'aspetto più dimesso.

Insomma, come suggeriscono gli psicologi americani, "i privilegi favoriscono la disonestà". Certo, bisogna rifuggire dal determinismo che è sotteso a esperimenti come questo, soprattutto se tentano di misurare cose che non sono tanto misurabili e che, soprattutto, non si possono mettere facilmente in una graduatoria di importanza.

Di sicuro, però, come per i luoghi comuni, anche questi esperimenti un fondo di verità lo conterranno. E allora, rimanendo nel contesto della discussione da bar - quale si addice anche a un blog come questo - la ricerca degli psicologi americani fornisce la dimostrazione scientifica che la rabbia contro le caste e gli evasori di Cortina o Capri è fondata. (marco boscolo)

COMMENTI /

Ritratto di Cpt Obvious
Ven, 02/03/2012 - 21:43
Cpt Obvious
quoto
SHARE
Ritratto di Stefano Brenna
Sab, 03/03/2012 - 00:28
Stefano Brenna
I privilegi favoriscono la disonestà , intesa come non rispetto delle regole, perché prima di ogni altra cosa le regole servono ( o dovrebbero servire) soprattutto a tutelare i deboli, e fondamentalmente così sono percepite. Il forte pensa a volte di poterne fare a meno. "La legge è uguale per tutti", cosa vi fa venire in mente?
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Agguato in Calabria: ucciso un imprenditore

Domenico Aiello, imprenditore edile di 58 anni, è stato freddato a colpi di pistola in pieno giorno

Dal 2012 triplicati i mini-job a ore

Nel 2014 la Cgia di Mestre prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro

Pugilato, Muhammad Alì in ospedale per polmonite

Il 3 volte campione mondiale dei pesi massimi da anni combatte contro il morbo di Parkinson

Il papà di tutti gli zombie: La notte dei morti viventi

Cervelli che ritornano? Ce ne sono parecchi nel capolavoro di Romero, ora di pubblico dominio
SHARE

Lo stile di cinque grandi registi in un video

Con solo immagini di stock, ricreare Wes Anderson, Malick, Fincher, Cuaron e Tarantino
SHARE

I miti sulle malattie invernali

Non è vero che l’alcol scalda e soprattutto non è vero che a uscire coi capelli bagnati ci si ammala
SHARE

L’altra volta che Hollywood ha ucciso Kim Jong

Kim Jong-Il ucciso in Team America
In “Team America” gli autori di South Park avevano già ammazzato un leader nordcoreano: Kim Jong-Il
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Due poliziotti uccisi a New York: cosa sappiamo finora

Il sospettato, Ismail Brinsley, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori