Blog di

di Marco Boscolo ed Elisabetta Tola

I risultati della ricerca fatta con soldi pubblici sono di tutti: parola di Research Council UK

Blog post del 24/07/2012

Il movimento The Cost of Knowledge voluto dal matematico britannico Tim Gowers ha visto la sottoscrizione di oltre 12 mila ricercatori di tutto il mondo. Il motivo della protesta? Il fatto che grossi editori come l'olandese Elsevier, padrone di numeri uno della pubblicazione scientifica come Cell e Lancet, facessero profitti sfruttando il lavoro - in molti casi - gratuito dei ricercatori: revisione di articoli, collaborazioni editoriali e altri servizi che vengono offerti gratuitamente. E se il ricercatore è uno stipendiato pubblico, quelle ore di lavoro sono sottratte al suo lavoro, quello finanziato con le tasse dei cittadini.

Ora il Reserch Council anglosassone, con un comunicato stampa del 16 luglio scorso, fa sapere che d'ora in avanti tutto quello che verrà prodotto nei laboratori foraggiati dal denaro pubblico dovrà essere accessibile on line gratuitamente a tutti i cittadini che vogliano farlo. Un passo avanti nell'era dell'Open Access che è già stato fatto da altre istituzioni, come per esempio i National Institutes of Health americani, il più grande elargitore di fondi per la ricerca al mondo: dopo un anno dalla pubblicazione un giornale scientifico scelto dal team di ricerca, i risultati devono essere resi disponibili gratuitamente a tutti.

Un colpo definitivo al ruolo di estremo potere che hanno editori grossi come Elsevier, Nature o Sage? Può darsi che abbia ragione l'Economist, che suggerisce ai suddetti editori di provare a innovare o sono destinati a soffrire di questa nuovo aria che tira. D'altra parte un progetto come la Public Library Of Science, una charity che pubblica sette giornali completamente ad accesso aperto, dimostra che è possibile avere servizi editoriali di qualità senza per forza ricorrere al modello editoriale classico.

Manca solo un tassello per un vero accesso aperto che consenta davvero di poter togliere qualsiasi intermediazione tra il ricercatore che svolge una ricerca, il pubblico e, soprattutto, tutti i colleghi che vogliano ripetere o controllare i risultati dell'esperimento. Si tratta della messa a disposizione dei dati grezzi. La loro revisione ha permesso di scoprire quando i dati sono stati "cucinati", come si dice in gergo: aggiustati in modo che si accordino al meglio con le conclusioni. Sarebbe un altro passo verso una vera era dell'accessibilità. Ci arriveremo in futuro. Ora ci accontenteremo che anche le ricerca finanziate dall'Italia e dai fondi europei vengano vincolate all'open access come quelle britanniche. (marco boscolo)

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Inter: Massimo Moratti lascia la carica di "presidente onorario"

Insieme con Moratti hanno rassegnato le dimissioni dalla carica di consigliere di amministrazione Angelomario Moratti, figlio di Massimo e Rinaldo Ghelfi

Tunisia, scontro tra terroristi e forze speciali a ovest di Tunisi

Ucciso un agente e diverse persone ferite. Presi in ostaggio due bambini

Spagna: la disoccupazione scende ai minimi dal 2011

I disoccupati spagnoli sono 5,428 milioni, in calo di 195.200 unità, mentre gli occupati sono 22,932 milioni, in calo di 44.200 unità

Sculpture by the Sea: l’arte in spiaggia a Sydney

Oltre 100 opere esposte lungo il litorale della città. La mostra outdoor che apre la primavera
SHARE

Ebola, i rischi per chi ama viaggiare

Chi gira per il mondo è spaventato, ma sbaglia: le probabilità del contagio sono molto basse
SHARE

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Pechino, Mr. Facebook sorprende tutti: intervento in mandarino

Mark Zuckerberg protagonista di un Domanda&Risposta in lingua all'Università Tsinghua a Pechino

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti