Blog di

di Luca Pautasso

Marò: un anno di inerzia, silenzi e gaffe internazionali

Blog post del 15/02/2013

Esattamente un anno fa i due fucilieri di Marina del Battaglione San Marco, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, venivano sequestrati dalle autorità indiane, su mandato del tribunale del Kerala, con l'accusa di aver ucciso a colpi di fucile due pescatori dal ponte della petroliera italiana Enrica Lexie, sulla quale erano imbarcati con il compito di fare da scorta antipirateria. Nell'anniversario del loro imprigionamento pesa il silenzio assordante tanto dei media quanto della politica, entrambi impegnati a raccontare la campagna elettorale e, nei ritagli di tempo, il Festival di San Remo.

Solo l'opinione pubblica dibatte ancora, tra colpevolisti e innocentisti, accomunati unicamente dalla condivisa sensazione che da parte delle autorità italiane sulla vicenda sia stato fatto troppo poco, e per giunta male. 

Eppure, nonostante la sicumera degli opinionisti di una parte e dell'altra, di domande senza risposta ne restano molte. Troppe, per affidarsi acriticamente alle ricostruzioni diffuse finora dalle autorità indiane, e spesso prese per buone sentra tanti complimenti. Troppe anche per sbilanciarsi a priori in condanne o assoluzioni in mancanza di una seria inchiesta giudiziaria. Anche perché sulle spalle dei pescatori uccisi e dei loro presunti assassini si gioca una delicatissima partita diplomatica che va ben oltre la sparatoria del 15 febbraio 2012. A cominciare dagli appalti multimilionari in ballo tra le aziende italiane e nel settore della difesa e della cantieristica e il governo indiano.

Una situazione peraltro aggravata dai recenti sviluppi dell'ultimo affaire Finmeccanica, sulla quale indagano i magistrati del Tribunale di Busto Arsizio, con l'accusa per i vertici del colosso italiano della difesa di aver allungato ai referenti indiani mazzette per oltre 50 milioni di euro al fine di mandare in porto senza intoppi la vendita di uno stock di elicotteri militari che ne valeva 500mila. Commessa ghiotta, e già prontamente cancellata in toto dalle autorità di Nuova Delhi. 

Per finire con le pesanti implicazioni politiche per un paese come l’India, in cui una parte consistente dell’opinione pubblica considera qualunque tipo di concessione all’Italia un regalo a Sonia Gandhi, presidente del Partito del Congresso Indiano, accusata dagli avversari di “favoritismi” verso il suo paese d’origine.

Su tutto questo pesa in primis il nodo della giurisdizione. A chi compete giudicare i fucilieri Massimiliano Latorre e Salvatore Girone? Il comandante della petroliera Enrica Lexie, l’equipaggio e lo stesso armatore hanno sempre sostenuto che al momento dei fatti la nave si trovava in acque internazionali, ad oltre 30 miglia dalle coste del Kerala. Per le autorità dello stato indiano, invece, questa si trovava invece nella cosiddetta “zona contigua”, all’interno della quale lo stato ha ancora diritto di far valere la propria giurisdizione. In ogni caso, l’India non ha titolo per trattenere i due militari italiani: secondo la convenzione di Montego Bay del 1982, infatti, «uno stato non può fermare o abbordare navi battenti bandiera straniera». Inoltre, in forza del Codice Militare di Pace e della legge 131/11, i due marò del San Marco sono a tutti gli effetti organi dello stato italiano, e pertanto intoccabili dalla giurisdizione straniera.

Il 18 gennaio scorso la Corte Suprema dell’India ha riconosciuto le motivazioni del ricorso del governo italiano contro la detenzione due marò, che hanno potuto così lasciare lo Stato del Kerala e recarsi nella capitale. L’Alta Corte ha riconosciuto che i fatti sono avvenuti in acque internazionali, e che la giurisdizione non competeva dunque alla magistratura locale del Kerala, dando ragione alle tesi della difesa. Il pronunciamento della Corte Suprema, però, non pone ancora la parola fine alla vicenda. Così come non l'ha posta il breve "permesso premio" di 15 giorni dei quali sono stati "omaggiati" Latorre e Girone per trascorrere in famiglia le ultime festività natalizie.

Ma non basta: come riportato dal giornalista Fausto Biloslavo, la stessa cattura della petroliera italiana e dei militari imbarcati sarebbe frutto di un tranello. S.P.S. Basra, comandante della Guardia Costiera dell’India occidentale, si è pubblicamente vantato di aver attuato «una tattica ingegnosa», per attirare la Enrica Lexie nel porto di Kochi: «Eravamo nel buio più completo riguardo a chi avesse potuto sparare ai pescatori. Grazie ai sistemi radar abbiamo localizzato quattro navi che si trovavano in un raggio fra 40 e 60 miglia nautiche dal luogo dell’incidente», ha spiegato l’alto ufficiale. Gli indiani, riporta Biloslavo, avrebbero dapprima chiesto via radio se qualcuno «avesse respinto per caso un attacco dei pirati», domanda alla quale solo gli italiani hanno rispondono positivamente. «Quello che Basra non dice - spiega il giornalista - è l’inganno comunicato via radio: “Tornate in porto per riconoscere i pirati”».

Enormi contraddizioni emergono poi dalla ricostruzione dei fatti. Come raccontato proprio su Linkiesta dal professor Arduino Paniccia, professore di Studi Strategici all’Università di Trieste, «i verbali della polizia e della Guardia Costiera di Kochi riportano che il peschereccio St. Antony con le due vittime a bordo è rientrato in porto alle 18:20. A quell’ora il sole a Kochi era ancora abbastanza alto, essendo tramontato alle 19:47. Dunque, secondo le autorità il mesto ritorno del peschereccio sarebbe avvenuto alla luce del sole. Peccato che i filmati delle televisioni locali che registravano l’evento siano stati girati alle 22:30, in piena notte, come attestato dagli stessi reporter indiani e riscontrabile su YouTube».

Grosse inconguenze anche sul numerodi colpi sparati. Per l’India, sul peschereccio (poi affondato in un incidente poco chiaro nelle settimane successive alla sparatoria, rendendo quindi impossibile ogni successivo rilievo) si sarebbero trovati i fori di 16 proiettili, oltre ai quattro che hanno ucciso i due pescatori, su un totale di oltre 60 colpi che sarebbero stati sparati dai militari italiani. Latorre e Girone, però, hanno esploso complessivamente 20 colpi a scopo di avvertimento, in aria e in acqua, a distanze di 500, 300 e 100 metri, così come prevede il protocollo di ingaggio in caso di sospetto attacco pirata. Il numero dei colpi esplosi è confermato dalle registrazioni di bordo e dalle successive verifiche sul munizionamento. E risulta alquanto improbabile che due militari d’esperienza perfettamente addestrati possano aver colpito accidentalmente il natante sospetto con tutti e 20 i colpi esplosi in aria e in acqua.

Le autorità indiane, inoltre, si sono rifiutate di mostrare i corpi pescatori, poi cremati dopo breve tempo in ossequio alle usanze locali. Dubbi anche sugli esiti dell’autopsia commissionata dal tribunale, che riporta il rinvenimento di un proiettile di un calibro riferibile al 7,62 x 54, di fabbricazione sovietica, totalmente diverso dunque dal 5,56 x 45 adottato dalle forze armate della Nato, Italia compresa. Eppure, la perizia conclusiva depositata in tribunale fa inspiegabilmente riferimento al nuovissimo fucile d’assalto Arx 160, in dotazione sperimentale alle forze speciali italiane, ma non ai fucilieri del San Marco, armati invece con i più vecchi Ar 70/90. Curioso anche il fatto che ai maggiori dell’Arma dei Carabinieri Paolo Fratini e Luca Flebus, periti balistici di parte italiana, sia stato concesso di assistere solo ai test di tiro sulle armi prelevate a bordo dell’Enrica Lexie.

Dieci indizi non fanno una prova, ma l’atteggiamento delle autorità indiane dovrebbe far sorgere più di un dubbio circa l’effettiva buona fede. E imporre una linea più ferma di quella adottata finora, che ha fruttato solo dilazioni e figuracce.

Invece a sfavore dei due marò ha giocato anche l’atteggiamento remissivo della diplomazia italiana, che nell’intento di mostrarsi collaborativa nei confronti delle autorità del Kerala ha finito per rivelarsi autolesionista. Come nel caso dei 10 milioni di rupie versati alle famiglie dei pescatori uccisi: «Un atto di generosità», come ha spiegato il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, interpretato però dai media indiani come una palese ammissione di colpa. O come per il “riscatto” di 30 milioni di rupie per il rientro in patria della Enrica Lexie. Un errore anche non presentare una controperizia, avallando pedissequamente quella dell’accusa, forse nel goffo tentativo di apparire concilianti e affrettare così lo scioglimento del nodo giurisdizionale. Senza contare l’autogol diplomatico di affidare la trattativa al sottosegretario di stato Staffan De Mistura, considerato dall’India un “amico del Pakistan”, acerrimo rivale di Nuova Delhi. Gravissimo, poi, non aver esercitato poi la giusta pressione in sede europea, alle Nazioni Unite, o con gli Stati Uniti, usando la leva politica della partecipazione alle missioni internazionali per richiedere un supporto fattivo contro le palesi violazioni del Diritto Internazionale da parte indiana. Proverbiale in proposito la gaffe della baronessa Catherine Ashton, capo della diplomazia di Bruxelles, talmente disinformata sui fatti da definire i due marò «contractors».

Così, a dispetto della contraddittorietà dell’impianto accusatorio, la traballante tesi indiana continua ad essere l’unica contemplata tanto dalla diplomazia quanto dai media. Sempre che se ne parli ancora, ovviamente.

Anche se qualcuno, come il giornalista Biloslavo, ha provato a percorrere la pista cingalese. Dal 1980 ad oggi, infatti, sono stati 530 i pescatori indiani uccisi dalla marina dello Sri Lanka in una guerra mai dichiarata per il controllo delle zone di pesca, tra odio etnico, interessi economici, ragioni strategiche e realpolitik. E l’insistenza indiana nel dissimulare questa crisi perseguendo i due marò anche a fronte dell’inconsistenza delle accuse, avrebbe dovuto per lo meno suscitare qualche perplessità. 

Argomenti: 
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Ottawa, spari vicino al Parlamento: ferito un soldato

Un uomo ha aperto il fuoco davanti al Monumento ai Caduti. La sparatoria è continuata nel Parlamento

Il Parlamento Europeo approva la Commissione Juncker

Strasburgo approva con 423 sì, 209 no e 67 astenuti

Morto Ben Bradlee, il direttore che segnò la storia con il caso Watergate

Si è spento nella sua casa di Washington, aveva 93 anni. Spinse i cronisti Bob Woodward e Carl Bernstein a seguire la vicenda

Il primo film per i diritti dei gay è del 1919

"Diverso dagli altri" è stato distrutto dai nazisti. Resta solo l’estratto di un documentario
SHARE

Quanto è cambiata la frutta da quando l’uomo la coltiva

L’anguria era più piccola di una prugna, il mais lungo un dito. Gli organismi sono stati modificati
SHARE

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il grande panico per Ebola: siamo sicuri che il rischio non sia sopravvalutato?

L’hanno addirittura definita "l’emergenza sanitaria dei tempi moderni"

Il sogno di Nietzsche si avvera: gli uomini super-intellgenti stanno arrivando

L’ingegneria genetica permetterà di creare gli esseri umani più inteliigenti che siano mai esistiti

Perché crediamo di capire i sentimenti dalle espressioni e sbagliamo

Nuovi studi dimostrano che la capacità di intuire i pensieri e le emozioni del prossimo dal suo sguardo sono molto più limitate di quanto si pensi