Blog di

di Alessia Barbiero

 Amiche Nemiche: anche GCB entra nell'olimpo dei titoli tradotti con i piedi

Blog post del 25/07/2012

Da Otto sotto un tetto a Il trono di spade: l'elenco dei titoli di serie TV tradotti in italiano in modo assolutamente improprio è destinato ad allungarsi. A breve approderà anche da noi GCB, chicca televisiva (ahinoi di una sola stagione) della scorsa annata statunitense, che verrà presentato sulla TV del Bel Paese con il terribile titolo di Amiche Nemiche. Conquistando senza ombra di dubbio un posto nella top 3 dei titoli di serie TV peggio tradotti, insieme a E alla fine arriva mamma (How I Met Your Mother) e Terapia d'urto (Necessary Roughness).


La traduzione, figlia di un nazionalismo di cui - personalmente - non sento il bisogno, spesso diventa un vero e proprio stravolgimento del significato di una serie. GCB rappresenta le iniziali di Good Christian Bitches o Good Christian Belles, due titoli che perfettamente esprimono il cuore e l'anima di questo show, che ruota intorno a stronzette di prima categoria (Bitches), reginette di bellezza (Belles) e al tema chiave di questa serie, la religione (Good Christian).

A tutto questo si aggiunge il fatto che in molti casi la traduzione crea solo confusione. Esiste già, per esempio, una serie TV tedesca che da noi è stata chiamata Amiche Nemiche (le ipotesi sono due: o chi sceglie i titoli non controlla o la fantasia scarseggia). La stessa cosa accade per Terapia d'urto, titolo italiano per Necessary Roughness e sottotitolo esplicativo utilizzato per Nurse Jackie (da noi appunto conosciuta come Nurse Jackie - Terapia d'urto).

Mi chiedo, ma perché? Sul serio abbiamo così poca fiducia che gli italiani non sappiamo tradurre due parole in inglese? E, anche se fosse, non sarebbe una buona scusa per imparare qualche termine nuovo?

COMMENTI /

Ritratto di Bogdan
Mer, 25/07/2012 - 11:55
Bogdan
È un orrore! A parte la traduzione errata, si prende in giro lo spettatore che magari si guarda le serie in lingua originale ma comunque un minimo di inglese lo masticano tutti. Secondo me è una brutta moda nata coi film e le aberranti traduzioni italiane.
SHARE
Ritratto di TheSte
Mer, 25/07/2012 - 11:58
TheSte
Mmmmmm che odio! Poi già solo il fatto che su 'sto benedetto digitale terrestre non esista un canale in inglese, con magari addirittura la possibilità di mettere i sottotitoli (l'ho sparata troppo grossa), la dice lunga...
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mer, 25/07/2012 - 12:11
Anonimo
savegcb.com firmate la petizione per salvare lo show ..grazie mille :)
SHARE
Ritratto di massj
Mer, 25/07/2012 - 15:51
massj
Mi pare che la traduzione giusta quindi sia: Gnocche, Bigotte e Mignotte
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Il cannone che spara i salmoni oltre le dighe

I pesci le incontrano nel risalire la corrente dei fiumi. Un ostacolo spesso insormontabile. Finora
SHARE

L’app che ti permette di creare GIF da Youtube

Si chiama GIF Youtube e permette di lavorare sui video di Youtube. Noi l’abbiamo provata, su Youtube
SHARE

I lavori che in futuro lasceremo fare ai robot

L’automazione fa passi da gigante: le macchine rimpiazzeranno insegnanti, conducenti e attori?
SHARE

Il marxismo spiegato con Super Mario

Il plusvalore e l’alienazione raccontati in un simpatico video ispirato all’idraulico della Nintendo
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Perché ci sono aerei che sorvolano le zone di guerra

Le compagnie non hanno uno standard di rischio unico. Ognuna adotta una sua policy, e molte sono da rivedere

Sulla facebookizzazione di Twitter e la twitterizzazione di Facebook

I due social network sono nati per rispondere a dinamiche diverse della rete, ma con gli anni hanno cominciato a copiarsi sempre di più

Diagnosi fai da te: la donna che scoprì, da sola, l’origine delle sue malattie

Kim Goodsell aveva due rare malattie genetiche, ma i dottori non avevano tempo per spiegare il collegamento. Allora lei si è messa a studiare. E lo ha trovato