Blog di

di Elisabetta Locatelli

Individualismo di rete, sembra un paradosso ma non lo è

Blog post del 11/06/2012

Le tecnologie digitali non stanno uccidendo la socialità e non sono sistemi che portano all’isolamento sociale. A questa conclusione sono giunti Lee Rainie e Berry Wellman nel volume “Networked: The New Social Operating System”, edito dalla MIT Press, che raccoglie una serie di ricerche svolte al Pew Internet Project e al NetLab dell’Università di Toronto. Piuttosto, argomentano i ricercatori nel post di presentazione del volume, le tecnologie digitali sono incorporate nella vita sociale degli individui e li aiutano a connettersi in rete oltre le logiche di gruppo e di socialità legata al territorio che si sperimentavano in passato.

Il concetto attorno a cui il volume ruota è proprio quello di “networked individualism”, ovvero il fatto che le tecnologie digitali ci legano sempre di più ad altri individui. “L’individualismo di rete”, se vogliamo tradurlo in italiano, è un vero e proprio “sistema operativo” che descrive le modalità in cui le persone si connettono, comunicano e scambiano informazioni. Esso coinvolge le persone singolarmente, insieme e per più attività contemporanee (il “multithreaded multitasking”). Ci consente, inoltre, di risolvere i problemi in modo nuovo e più efficiente, fa sperimentare un senso maggiore di libertà ma richiede anche nuove abilità (skill) sociali per muoversi al suo interno.

I risultati sono stati ottenuti dopo dodici anni di ricerca in cui l’obiettivo non era dimostrare che internet fosse positivo, ma studiare l’impatto di internet e delle tecnologie digitali nella società attraverso survey, come precisa Lee Rainie in un’intervista al WC3 Consortium. Se quindi fossero emersi dati opposti, la storia raccontata sarebbe stata un’altra. Queste ricerche continuative e sistematiche riguardano però solo il Nord America e sono quindi contestualizzate in un ambiente per molti versi differente dal nostro. Escludono direi, inoltre, i casi patologici che sono oggetto di altri tipi di indagini.

Sul blog dedicato al libro gli autori promettono di dare nei prossimi mesi alcune insight sulle loro scoperte e chiedono ai lettori di raccontare le proprie storie per avere spunti sul networked individualism ma anche sul suo “dark side” che spesso viene poco tematizzato.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precipita jet della famiglia bin Landen, morte la sorella e la matrigna

Era decollato dall'aeroporto di Malpensa. È caduto al suolo in Inghilterra

Istat: -22mila occupati a giugno. La disoccupazione sale al 12,7%

Nei dodici mesi le persone con un lavoro sono diminuite di 40mila unità, i disoccupati sono aumentati di 85mila

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol & Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Camminare sull'acqua? No, grazie, ci vado in moto

Ci è riuscito il motociclista australiano Robbie Maddison che si è tolto lo sfizio di sfrecciare sulle onde più belle del mondo, a Tahiti

Metodo scientifico per la vacanza perfetta

Cinque consigli per trarre il massimo possibile dai giorni di ferie, e farlo durare anche quando si torna

Quando le pubblicità vantavano le qualità delle droghe pesanti

Cocaina, eroina, morfina. Tutte sostanze oggi illegali, cento anni fa erano vendute come componenti di prodotti tonificanti

Scene di vita giapponese come le ricordano i giapponesi

Immagini animate in gif, pixelate, a forma di manga. Ma dentro, tra piogge e metropolitane, si sente il soffio della nostalgia

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»