Blog di

di Elisabetta Locatelli

Individualismo di rete, sembra un paradosso ma non lo è

Blog post del 11/06/2012

Le tecnologie digitali non stanno uccidendo la socialità e non sono sistemi che portano all’isolamento sociale. A questa conclusione sono giunti Lee Rainie e Berry Wellman nel volume “Networked: The New Social Operating System”, edito dalla MIT Press, che raccoglie una serie di ricerche svolte al Pew Internet Project e al NetLab dell’Università di Toronto. Piuttosto, argomentano i ricercatori nel post di presentazione del volume, le tecnologie digitali sono incorporate nella vita sociale degli individui e li aiutano a connettersi in rete oltre le logiche di gruppo e di socialità legata al territorio che si sperimentavano in passato.

Il concetto attorno a cui il volume ruota è proprio quello di “networked individualism”, ovvero il fatto che le tecnologie digitali ci legano sempre di più ad altri individui. “L’individualismo di rete”, se vogliamo tradurlo in italiano, è un vero e proprio “sistema operativo” che descrive le modalità in cui le persone si connettono, comunicano e scambiano informazioni. Esso coinvolge le persone singolarmente, insieme e per più attività contemporanee (il “multithreaded multitasking”). Ci consente, inoltre, di risolvere i problemi in modo nuovo e più efficiente, fa sperimentare un senso maggiore di libertà ma richiede anche nuove abilità (skill) sociali per muoversi al suo interno.

I risultati sono stati ottenuti dopo dodici anni di ricerca in cui l’obiettivo non era dimostrare che internet fosse positivo, ma studiare l’impatto di internet e delle tecnologie digitali nella società attraverso survey, come precisa Lee Rainie in un’intervista al WC3 Consortium. Se quindi fossero emersi dati opposti, la storia raccontata sarebbe stata un’altra. Queste ricerche continuative e sistematiche riguardano però solo il Nord America e sono quindi contestualizzate in un ambiente per molti versi differente dal nostro. Escludono direi, inoltre, i casi patologici che sono oggetto di altri tipi di indagini.

Sul blog dedicato al libro gli autori promettono di dare nei prossimi mesi alcune insight sulle loro scoperte e chiedono ai lettori di raccontare le proprie storie per avere spunti sul networked individualism ma anche sul suo “dark side” che spesso viene poco tematizzato.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Minatori intrappolati in miniera in Nicaragua

Sono 24 i minatori intrappolati in una miniera a Bonanza, nel Nord del Nicaragua

Riparte oggi la serie A

Inizia alle 18.00 il campionato di serie A con Chievo-Juventus, alle 20.45 Roma-Fiorentina

Europa League, per Inter, Fiorentina, Napoli e Torino avversari abbordabili

Nerazzuri con Dnipro, St-Etienne e Qarabağ . Lasquadra di Benitez sfiderà Young Boys, Sparta Praga e Slovan Bratislava

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Quindici modi per sconfiggere il jet-lag

Un problema per chi viaggia in posti lontani. Si deve dormire, ma si può fare anche di più
SHARE

Consigli utili per smettere di rimandare sempre tutto

Procrastinare per molti è un vero e proprio modus vivendi, ecco come fare per smettere
SHARE

L’app che ti dice se sei dipendente dal tuo smartphone

Moment calcola tutto il tempo che passate interagendo con lo smartphone. Più di quanto credete
SHARE

Quattro cibi che mangiate in modo sbagliato

Il sushi, per esempio, non lo indovina nessuno. Stessa cosa per ramen e cibo indiano. Una guida
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

L’effetto di Internet sulla memoria

L’uso di internet e, in generale, delle tecnologie digitali avrebbe effetti positivi sulla memoria e sulle capacità cognitive

I giornali (di carta) che non stanno morendo

Uno sguardo alle altre società di New York City media, dove la pubblicità sulla stampa porta ancora entrate importanti e i lettori continuano ad abbonarsi

Ebola: il farmaco sperimentale Zmapp sugli animali è efficace al 100%

Gli unici dati degli studi clinici sul farmaco sperimentale ZMapp, dimostrano che è efficace al 100% in studi sulle scimmie già infettate