Blog di

di Elisabetta Locatelli

Individualismo di rete, sembra un paradosso ma non lo è

Blog post del 11/06/2012

Le tecnologie digitali non stanno uccidendo la socialità e non sono sistemi che portano all’isolamento sociale. A questa conclusione sono giunti Lee Rainie e Berry Wellman nel volume “Networked: The New Social Operating System”, edito dalla MIT Press, che raccoglie una serie di ricerche svolte al Pew Internet Project e al NetLab dell’Università di Toronto. Piuttosto, argomentano i ricercatori nel post di presentazione del volume, le tecnologie digitali sono incorporate nella vita sociale degli individui e li aiutano a connettersi in rete oltre le logiche di gruppo e di socialità legata al territorio che si sperimentavano in passato.

Il concetto attorno a cui il volume ruota è proprio quello di “networked individualism”, ovvero il fatto che le tecnologie digitali ci legano sempre di più ad altri individui. “L’individualismo di rete”, se vogliamo tradurlo in italiano, è un vero e proprio “sistema operativo” che descrive le modalità in cui le persone si connettono, comunicano e scambiano informazioni. Esso coinvolge le persone singolarmente, insieme e per più attività contemporanee (il “multithreaded multitasking”). Ci consente, inoltre, di risolvere i problemi in modo nuovo e più efficiente, fa sperimentare un senso maggiore di libertà ma richiede anche nuove abilità (skill) sociali per muoversi al suo interno.

I risultati sono stati ottenuti dopo dodici anni di ricerca in cui l’obiettivo non era dimostrare che internet fosse positivo, ma studiare l’impatto di internet e delle tecnologie digitali nella società attraverso survey, come precisa Lee Rainie in un’intervista al WC3 Consortium. Se quindi fossero emersi dati opposti, la storia raccontata sarebbe stata un’altra. Queste ricerche continuative e sistematiche riguardano però solo il Nord America e sono quindi contestualizzate in un ambiente per molti versi differente dal nostro. Escludono direi, inoltre, i casi patologici che sono oggetto di altri tipi di indagini.

Sul blog dedicato al libro gli autori promettono di dare nei prossimi mesi alcune insight sulle loro scoperte e chiedono ai lettori di raccontare le proprie storie per avere spunti sul networked individualism ma anche sul suo “dark side” che spesso viene poco tematizzato.

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

L’autonoleggio Maggiore è stato comprato da Avis per 170 milioni di euro

La preoccupazione dei sindacati: «Continueremo a mobilitarci per la salvaguardia di tutti i 400 posti di lavoro»

Regionali, la Lega vota all’unanimità: Zaia è il candidato del Veneto

La resa dei conti nel quartier generale del Carroccio. Voto a favore anche diel sindaco di Verona, Flavio Tosi. Un bilancio della manifestazione di Roma

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Barbapapà, i veri ideologi del No-Tav

Una riflessione su un cartone animato terzomondista ed ecologista, dopo la morte del loro creatore
SHARE

Cosa succede se i film di Kubrick diventano videogiochi

Anche se trasposti in un formato diverso, riescono a mantenere i caratteri dell’originale
SHARE

Perché l’igiene corporale è diventata un dogma

Merito di pubblicità ossessive e della nuova urbanizzazione. Ora ci si lava sempre, forse troppo
SHARE

Le città divise: dove vanno turisti e residenti

Monumenti e piazze sono luoghi per chi visita. Chi vive in città, va altrove. La mappa lo dimostra
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica