Blog di

di Tommaso Ederoclite

Ecco la strategia mediatica del centro-destra: "è stata la culona"

Blog post del 31/12/2011

Nemmeno due mesi e la strategia mediatica del centro destra comincia ad essere più chiara. Dalla televisione ai social media, passando per le campagne giornalistiche modello "E' stata la culona", l'ex Presidente del Consiglio e la "potenza di fuoco" Pdl/Mediaset (cit. Sartori) cominciano a lanciare i primi flame e a costruire il sentiero comunicazionale per la prossima campagna elettorale.
Un modello che ha dei tratti inediti perché "sotto traccia" e quindi insuale rispetto al modello della permanent campaign (campagna permanente) al quale eravamo abituati. Inedito anche perché attua quello che in psicologia sociale è chiamato "modello euristico sistematico" (Chaiken 1980) dove la persuasione avviene attraverso la costruzione e l'accettazione cognitiva di opinioni forti e rappresentative.
Quindi Il trucco c'è ma non si vede. Ma c'è chi la sa lungua e ha già cominciato a fare le pulci alla strategia tuttora ancora in via di implementazione.
Primo fra tutti Dino Amenduni, che con un articolo dal suo blog lancia i primi segnali:

"Parlando a un pubblico, per il gruppo Pdl-Mediaset è del tutto naturale innervare la strategia di conquista del web non con i politici del Pdl, che non avrebbero alcuna speranza di conquistare consenso se non dopo un lavoro lunghissimo, fatto di mesi di relazione puntuale e quotidiana con i cittadini, ma piuttosto con le stelle della televisione, che godono già di un loro ‘pubblico’ (rieccoci) di riferimento e non hanno dunque bisogno di lavorare sulla propria credibilità". (Qui il pezzo)

Un po' come la pubblicità del dentifricio che mette sempre il dentista in camice per dare autorità al proprio messaggio, anche se in questo caso l'autorità è conferita allo star system televisivo italiano.
Ma andiamo oltre. Stamattina mi è capitato di leggere lo storify di Arianna Ciccone, fondatrice dell'International Journalism Festival è cuore del movimento ValigiaBlu, dove viene storicizzato l'arzigogolato giro di walzer delle notizie (e non) che ieri ha preso il sopravvento sull'agenda politico-mediatica italiana: la telefonata che la Cancelliera tedesca Angela Merkel avrebbe fatto al Presidente della Repubblica Napolitano circa le dimissioni di Silvio Berlusconi.
Momenti da incorniciare e da aggiungere, senza grosse titubanze, al processo di costruzione del consenso che sta caratterizzando la riorganizzazione della strategia elettorale e mediatica del Pdl.
La strategia qua è più semplice perché parte da un'ipotesi per poi diventare corollario: prendo un articolo di un noto giornale dotato di credibilità internazionale (il Wall Street Journal), intepreto il contenuto dell'articolo (il WSJ non parla apertamente di richiesta di dimissioni), occupo lo spazio informazionale dei media italiani (basta rileggere le prime pagine di tutti i quotidiani di oggi) e chiudo con il corollario "E' stata la culona", ovvero è colpa della Merkel, e non delle condizioni economiche e sociali in cui versa il paese, se Berlusconi è stato costretto alle dimissioni.
In questo caso però credo che la manomissione e il dirottamento del processo di formazione dell'opinione sull'evento Merkel sia avvenuto nelle sue fasi conclusive e quindi "a valle", quando era chiaro che si poteva strumentalizzare e minare la credibilità della Cancelliera tedesca spostando la memoria storica della dimissioni di Berlusconi su altri elementi che non riguardassero la crisi economica e il cattivo operato del suo governo.
Un po' come il prestidigitatore che durante il trucco parla con il pubblico oppure sposta l'attenzione su altri elementi della scena.
In entrambi i casi si riprendono dunque le vecchie narrazioni, e si ripropone una costruzione del consenso attraverso un abbassamento della elaborazione cognitiva dei messaggi e una abbreviazione delle euristiche, ovvero le "scorciatoie di percorso" che, in questo caso, focalizzano l'attenzione sulle opinioni di autorità cognitive e su percorsi brevi di intepretazione piuttosto che sulle issues politiche e sociali.

Il Pdl scende dunque in campagna elettorale più o meno in punta di piedi, e lo fa con gli strumenti a loro più congeniali, media e news management e un marketing politico più elaborato e longue durée (di lunga durata). Del resto, il silenzio politico e mediatico del Pdl che ha fatto da sfondo ai primi mesi del governo Monti cominciava a diventare assordante.
Potremmo infine affermare, un po' ironicamente, che il titolo de Il Giornale "E' stata la culona" abbia finalmente aperto i giochi di un Pdl ferito gravemente mediaticamente e politicamente. 
Prepariamoci ad un 2012 per nulla noioso.

p.s. dimenticavo...auguri di buon anno

COMMENTI /

Ritratto di Francesco Sturlese
Sab, 31/12/2011 - 14:28
Francesco Sturlese
certo che il "centro-destra" avrebbe potuto orchestrare meglio questa sua "strategia mediatica", considerando che il suo stesso leader ha prontamente smentito la notizia in questione...
SHARE
Ritratto di Tommaso Ederoclite
Sab, 31/12/2011 - 14:50
TEderoclite
Si, smentendo l'ingerenza tedesca ha salvaguardato i rapporti con al Germania. Ma la prima pagina del giornale e il TT culona sono ormai intensive. Il cavaliere non é nuovo alle smentite. Tutto giá pericolosamente visto.
SHARE
Ritratto di Sancho
Sab, 31/12/2011 - 15:11
Sancho
"Tutto giá pericolosamente visto", ma che non sortirà più nessuno effetto.
SHARE
Ritratto di robert4
Sab, 31/12/2011 - 15:41
robert4
ma un giornale può permettersi un titolo del genere senza finire col perdere credibilità? insomma se l obiettivo è quello di conquistare consensi puntando sulla credibilità strumentalizzare un mezzo e superare i confini leciti entro i quali si può muovere non porta più che altro al contrario? parto dal presupposto che il giornalismo abbia un'etica e che se non la rispetti diventi semplice strumento di propaganda. insomma se questa è la strategia penso che oltre al pdl a navigare in cattive acque si ritroverà presto anche il giornale.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Sab, 31/12/2011 - 16:22
http://gioschiavinato.blogspot.com/2011/12/ho-scritto-al-bundestag.html
SHARE
Ritratto di tonie
Sab, 31/12/2011 - 17:59
tonie
danno sempre prova del loro esprit de finesse, visto che la cifra del precedente governo è stata la volgarità insieme ad una grande incompetenza. si respira sentendo un primo ministro che non attacca i giudici , la stampa, l'opposizione, tutti comunisti. non sono montiana ad ogni costo, ma vivaddio che abbiamo a rappresentarci un signore dai modi eleganti, competente, che parla un italiano non da slogan plubblicitario, oltre alle lingue straniere; uno che ha dedicato la vita agli studi non alle escort.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Dom, 01/01/2012 - 19:44
La bozza della prima pagina de Il Giornale prima della stampa definitiva. http://inpastoalsilvio.wordpress.com/2011/12/31/e-proprio-vero-che-nella-vita-bisogna-avere-culo/
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Quindici peshmerga curdi uccisi da un kamikaze dell’Isis vicino a Mosul

È accaduto nei presi della diga di Mosul, riconquistata dai miliziani curdi lo scorso 7 agosto

Pistorius condannato a cinque anni di carcere

L'atleta paralimpico è stato condannato dal tribunale di Pretoria per l'uccisione della fidanzata

Un terzo degli ospedali nella lista degli sprechi. Persi 4 miliardi all’anno

In Valle d’Aosta, Toscana e Trentino le performance migliori. Male Campania, Calabria, Puglia e, a sorpresa, l’Alto Adige

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE

Aziona anche tu la macchina della nostalgia

Basta un clic e ci si ritrova nel passato, a inseguire i ricordi e risentire antiche emozioni
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“