Blog di

di Tommaso Ederoclite

Le offese, l'augurio della mia morte e l'effetto Giorgio Bocca

Blog post del 27/12/2011

La sera di Natale, subito dopo la morte di Giorgio Bocca, ho scritto un post sulla scomparsa del noto giornalista: "Se Giorgio Bocca era antimeridionalista lo sono anche io". In meno di due ore sono arrivati molti commenti, li ho approvati quasi tutti, altri li ho dovuti eliminare per via del linguaggio e delle offese personali del tutto gratuite e fuori luogo. Mi hanno dato del nazista, fascista, antimeridionale, razzista e qualcuno mi ha anche augurato di morire, il tutto ampiamente documentato nei commenti che si possono ancora leggere e dei quali farò tesoro. 
Solitamente non mi piace scrivere post "seriali" o riprendere vecchie polemiche ma, al di là del cordoglio morale per Bocca, dal post sono uscite diverse verità e alcuni curiosi fenomeni che ormai caratterizzano non solo il dibattito in Rete - e in particolare sui SN - ma anche il linguaggio politico nelle sue caratteristiche generali.  
Al di là delle argomentazioni usate, come ad esempio che la Camorra nel meridione è stata innestata da Garibaldi, o che secondo Bocca il meridione è antropologicamente criminale per colpa dei Borbone, ciò che più mi ha incuriosito è stata la facilità attraverso la quale si giudicano le opinioni, le idee di chi - come me - ha provocatoriamente difeso il pensiero di Bocca. Il quale, come è noto, ha espresso con acume e freddezza le proprie perplessità su un sistema culturale, sociale e politico - come quello del meridione d'Italia - precario, decomposto, destabilizzato e fortemente in crisi da oltre mezzo secolo. E lo ha fatto senza grossi giri di parole e con lo sguardo di chi va al di là delle sovrastrutture culturali, ideologiche, territoriali o normative.
Il modo in cui molti lettori si sono affrettati a darmi del razzista e a donarmi la tessera della Lega Nord mi fanno riflettere su quanto la sfera pubblica, e di conseguenza i processi di formazione delle opinioni, siano ormai irrimediabilmente mutati nelle loro caratteristiche peggiori. 
Populismo, qualunquismo, infondatezza delle informazioni, autoreferenzialità, difesa del territorio - che ricordano molto da vicino alcune teoria dello spazio vitale - sono alcuni piccoli aspetti emersi dal linguaggio usato sul caso Bocca, e non solo su questo blog.
La morte di Bocca, a partire dal mio piccolissimo spazio, ha evidenziato un dato che da circa vent'anni aleggia sulle nostre teste, e che ha forzatamente portato l'Italia su un pericoloso crinale culturale ed intellettuale: in difesa della propria idea e della propria opinione si augura la morte (anche fisica) di quella altrui.

Da domani questo piccolo lemma lo definirò Effetto Giorgio Bocca.

COMMENTI /

Ritratto di Tommaso Ederoclite
Mar, 27/12/2011 - 21:51
TEderoclite
<p>Se pu&ograve; legga questa bellissima conversazione tra Rossi Doria e Bocca circa le sue idee &quot;lombrosiane&quot; (termine che davvero non comprendo per via dei notevoli accenti culturali ai quali Bocca faceva riferimento) e prendiamo esempio su come si debba discutere di temi particolarmente sensibili come quello del sistema meridione:</p> <p>http://temi.repubblica.it/micromega-online/bocca-rossi-doria-napoli-fra-degrado-e-riscatto/</p> <p>Saluti e grazie per le sue note che ho registrato come opinioni delle quali - ovviamente - si deve tener conto e accogliere sempre...sempre.</p>
SHARE
Ritratto di Tommaso Ederoclite
Mer, 28/12/2011 - 01:28
TEderoclite
Mi dispiace per lei, nato e vivo a Napoli e non me ne andró mai via da qua. Lei forse non ccomprende quanto mi costa scrivere certe cose.
SHARE
Ritratto di Luciano Gamarro
Mer, 28/12/2011 - 00:49
garrucchio
Caro Ederoclite, poiché è da vent'anni (come giustamente osserva) che accade, e certo non nei confronti di Bocca che al riguardo partecipa al fenomeno da principiante che non potrà più fare carriera, riterrei significativamente più opportuno definire il lemma in questione - non fosse altro che per il riconoscimento di un elemento "quantitativo" che davvero non ha paragoni - l'Effetto Berlusconi.
SHARE
Ritratto di Tommaso Ederoclite
Mer, 28/12/2011 - 01:27
TEderoclite
Perfettamente d'accordo con lei. Il punto é proprio nel berlusconismo...caro garrucchio lei ha colto nel segno.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Precipita jet della famiglia bin Landen, morte la sorella e la matrigna

Era decollato dall'aeroporto di Malpensa. È caduto al suolo in Inghilterra

Istat: -22mila occupati a giugno. La disoccupazione sale al 12,7%

Nei dodici mesi le persone con un lavoro sono diminuite di 40mila unità, i disoccupati sono aumentati di 85mila

Smemoranda 

I negativi di maicol&amp;mirco

Maicol &amp; Mirco, filosofia, scarabocchi, fumetto, negativi, smemoranda

Quando le pubblicità vantavano le qualità delle droghe pesanti

Cocaina, eroina, morfina. Tutte sostanze oggi illegali, cento anni fa erano vendute come componenti di prodotti tonificanti

Scene di vita giapponese come le ricordano i giapponesi

Immagini animate in gif, pixelate, a forma di manga. Ma dentro, tra piogge e metropolitane, si sente il soffio della nostalgia

I libri che la gente smarrisce sugli aerei

Letti al volo, e poi dimenticati. Il momento della discesa rischia di farli dimenticare sul sedile. Forse perché non sono davvero imperdibili

L’Isis produce una serie tv animata e prende in giro Obama

Nel primo episodio si assiste alla decapitazione del presidente Usa. Nel secondo lo si vede alle prese con gli account Twitter degli attivisti

PRESI DAL WEB

L’endorsement di Putin a Blatter: "Meriterebbe il premio Nobel"

Il presidente russo elogia il capo della Fifa (dimissionario, ma non dimissionato). "Sarebbe stato corrotto? Non ci credo", dice Putin

Il video dell’evasione del narcotrafficante messicano El Chapo

Un tunnel scavato sottoterra dotato di elettricità e bombole di ossigeno

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»