Blog di

di Tommaso Ederoclite

“Cari bravi ragazzi del Sud”: il ministro Barca scrive a un blog

Blog post del 27/03/2012

Certo, molto politici ed ex Ministri ormai ne fanno largo uso e consumo, ma il più delle volte sono blog personali, gestiti come siti "vetrina" dai diversi staff e aggiornati poco.
Altra cosa è invece quando un Ministro - come ha fatto stamattina Fabrizio Barca - scrive di suo pugno un post per un blog collettivo, Giualsud.it, dove chiede direttamente di partecipare al dibattito sulla "diversa narrazione collettiva" che i partecipanti al blog da qualche settimana propongono.
Il Ministro scrive: 

Se quei bravi ragazzi che hanno deciso di raccontare con occhi nuovi il Sud in questo blog collettivo lo faranno con questo orientamento avranno l’ascolto del governo nazionale e mio personale.

Sì, #queibraviragazzi, come recita l'hashtag su Twitter del gruppo di blogger, che avranno l'ascolto del governo nazionale e quello personale del Ministro.
In prima battuta, credo che in Italia un ministro/blogger in Italia non si sia ancora visto e che, in tutta sincerità, forse difficilmente ne vedremo altri.
Il Ministro nel post tiene a sottolineare l'uso della Rete:

Attraverso la Rete i vostri racconti possono orientare conoscenza e promuovere reti non liquide.
Ma c’è di più. Se, anche con questo strumento, il racconto diviene collettivo, se diventa “narrativa nazionale”, allora può aiutare ad aggredire l’ostacolo che lo stesso Cassano vede alla strategia del governo: “l’immagine, tutt’altro che disinteressata, che domina i media e il dibattito pubblico” per cui la trappola del Sud andrebbe alla fine imputata al suo “insuperabile deficit morale e culturale”.

Del resto il ministo Barca non è un neofita del ciberspazio. Il suo account su Twitter - pubblicato anche sulla scheda istituzionale del governo - conta oltre 5000 follower ed è lo stesso Ministro a gestirlo, partecipando attivamente a tutte le attività e le discussioni che gli vengono di minuto in minuto proposte.
Oltre ad un Ministro con il vizietto del tweet, ora Barca può essere annoverato come uno dei primi ministri/blogger che legge la Rete e, come nel caso di Giualsud.it, se trova un portale interessante e dal quale si possono far partire idee bottom-up, non esita a "postare" suoi contenuti e a mettersi in discussione.
Resta da chiedersi quale impatto avrà questo passaggio sul rapporto tra cittadini e istituzioni, e se la tanta chiacchierata democrazia elettronica non debba, in futuro, passare attarverso slanci digitali come quella dell'attuale Ministro per la Coesione territoriale.

Qui il sito: Giualsud.it

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Sospensione de Magistris a un passo: atti arrivati alla Prefettura di Napoli

Il ministro dell’Interno Alfano: Il prefetto procederà oggi agli adempimenti per legge

Piloti iracheni per sbaglio hanno lanciato aiuti umanitari all’ISIS

I rifornimenti erano destinati ai combattenti iracheni nella provincia di Anbar

Giappone, trovati altri corpi sul vulcano Ontake: 48 morti

Non è chiaro quanti escursionisti ci fossero sulla montagna al momento del risveglio

Gli occhi di Hitchcock, ovvero l’arte di creare paura

Le scene più celebri sono quelle in cui è lo sguardo dei protagonisti a dire tutto. Ecco come fa
SHARE

Le app per trovare casa? Sono uguali a Tinder

Non solo potenziali fidanzati/amanti: con lo smartphone si possono passare in rassegna anche le case
SHARE

Lo scioglimento dei ghiacci cambierà anche la gravità

Diminuendo la massa si modifica anche la gravità. Ma non è una cosa di cui preoccuparsi. Per ora
SHARE

Il futuro come se lo immagina Hollywood (non bello)

Un’infografica raccoglie i 25 film più belli ambientati nel mondo che sarà. Il 75% è una distopia
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il documento con cui Juncker ha commissariato Pierre Moscovici

Il francese, commissario agli Affari Interni non avrà margini di manovra sul controllo del deficit

“Il mio lavoro? Do la caccia ai troll che infestano i commenti”

Moderare i siti non è semplice. Ancora più difficile è capire quando un commento supera o meno il limite della decenza e della libertà di espressione

Manifesto contro la moda di cucinare a ogni costo

Non tutti sono capaci, non tutti hanno il talento di capire i gusti degli altri. Cucinare non è semplice, quando non è necessario lasciamolo fare a chi è bravo