Blog di

di Tommaso Ederoclite

“Cari bravi ragazzi del Sud”: il ministro Barca scrive a un blog

Blog post del 27/03/2012

Certo, molto politici ed ex Ministri ormai ne fanno largo uso e consumo, ma il più delle volte sono blog personali, gestiti come siti "vetrina" dai diversi staff e aggiornati poco.
Altra cosa è invece quando un Ministro - come ha fatto stamattina Fabrizio Barca - scrive di suo pugno un post per un blog collettivo, Giualsud.it, dove chiede direttamente di partecipare al dibattito sulla "diversa narrazione collettiva" che i partecipanti al blog da qualche settimana propongono.
Il Ministro scrive: 

Se quei bravi ragazzi che hanno deciso di raccontare con occhi nuovi il Sud in questo blog collettivo lo faranno con questo orientamento avranno l’ascolto del governo nazionale e mio personale.

Sì, #queibraviragazzi, come recita l'hashtag su Twitter del gruppo di blogger, che avranno l'ascolto del governo nazionale e quello personale del Ministro.
In prima battuta, credo che in Italia un ministro/blogger in Italia non si sia ancora visto e che, in tutta sincerità, forse difficilmente ne vedremo altri.
Il Ministro nel post tiene a sottolineare l'uso della Rete:

Attraverso la Rete i vostri racconti possono orientare conoscenza e promuovere reti non liquide.
Ma c’è di più. Se, anche con questo strumento, il racconto diviene collettivo, se diventa “narrativa nazionale”, allora può aiutare ad aggredire l’ostacolo che lo stesso Cassano vede alla strategia del governo: “l’immagine, tutt’altro che disinteressata, che domina i media e il dibattito pubblico” per cui la trappola del Sud andrebbe alla fine imputata al suo “insuperabile deficit morale e culturale”.

Del resto il ministo Barca non è un neofita del ciberspazio. Il suo account su Twitter - pubblicato anche sulla scheda istituzionale del governo - conta oltre 5000 follower ed è lo stesso Ministro a gestirlo, partecipando attivamente a tutte le attività e le discussioni che gli vengono di minuto in minuto proposte.
Oltre ad un Ministro con il vizietto del tweet, ora Barca può essere annoverato come uno dei primi ministri/blogger che legge la Rete e, come nel caso di Giualsud.it, se trova un portale interessante e dal quale si possono far partire idee bottom-up, non esita a "postare" suoi contenuti e a mettersi in discussione.
Resta da chiedersi quale impatto avrà questo passaggio sul rapporto tra cittadini e istituzioni, e se la tanta chiacchierata democrazia elettronica non debba, in futuro, passare attarverso slanci digitali come quella dell'attuale Ministro per la Coesione territoriale.

Qui il sito: Giualsud.it

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Aereo atterra senza carrello, voli bloccati a Linate

Illesi i passeggeri che erano a bordo. Al momento il velivolo è ancora sulla pista

"Indipendenti greci" ha accettato di sostenere il governo Tsipras

Il partito di destra Indipendenti Greci ha accettato di partecipare alla coalizione di governo guidata da Syriza

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

tanti-figli

L’origine del mondo spiegata con X-Files

Ancora alla ricerca di una teoria in grado di raccontare come è nato l’universo
Gillian Anderson racconta i vari modi con cui l’umanità ha ricostruito l’inizio della storia
SHARE

Cosa mangiate quando mangiate le patatine fritte

Un filmato mostra il processo produttivo delle patatine del McDonalds. Ci sono almeno 19 ingredienti
SHARE

Ansia e confusione, il punto di vista del soldato

Il punto di vista di un soldato durante un attacco militare
Il corto si chiama Confusion through Sand e mostra l’azione concitata di un attacco militare
SHARE

Le 36 domande per smettere di essere innamorati

Non sempre chiedere cose avvicina le persone. Anzi, spesso sapere di più può far finire la relazione
Bello l’amore, finché dura. Per evitare che finisca presto, mai (e poi mai) fare queste domande
SHARE

PRESI DAL WEB

Studente turco espulso dall’Italia: "La soluzione è il paganesimo"

"Sono pronto a farmi esplodere davanti alle ambasciate". Per questi messaggi è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di procurato allarme

State of the Union: le parole usate dai presidenti americani nella storia

"Freedom" è recente, mentre "indiani" è scomparso. "Donne" si usa da pochi anni, e "Cina" ricorre a fasi alterne