Blog di

di Tommaso Ederoclite

“Cari bravi ragazzi del Sud”: il ministro Barca scrive a un blog

Blog post del 27/03/2012

Certo, molto politici ed ex Ministri ormai ne fanno largo uso e consumo, ma il più delle volte sono blog personali, gestiti come siti "vetrina" dai diversi staff e aggiornati poco.
Altra cosa è invece quando un Ministro - come ha fatto stamattina Fabrizio Barca - scrive di suo pugno un post per un blog collettivo, Giualsud.it, dove chiede direttamente di partecipare al dibattito sulla "diversa narrazione collettiva" che i partecipanti al blog da qualche settimana propongono.
Il Ministro scrive: 

Se quei bravi ragazzi che hanno deciso di raccontare con occhi nuovi il Sud in questo blog collettivo lo faranno con questo orientamento avranno l’ascolto del governo nazionale e mio personale.

Sì, #queibraviragazzi, come recita l'hashtag su Twitter del gruppo di blogger, che avranno l'ascolto del governo nazionale e quello personale del Ministro.
In prima battuta, credo che in Italia un ministro/blogger in Italia non si sia ancora visto e che, in tutta sincerità, forse difficilmente ne vedremo altri.
Il Ministro nel post tiene a sottolineare l'uso della Rete:

Attraverso la Rete i vostri racconti possono orientare conoscenza e promuovere reti non liquide.
Ma c’è di più. Se, anche con questo strumento, il racconto diviene collettivo, se diventa “narrativa nazionale”, allora può aiutare ad aggredire l’ostacolo che lo stesso Cassano vede alla strategia del governo: “l’immagine, tutt’altro che disinteressata, che domina i media e il dibattito pubblico” per cui la trappola del Sud andrebbe alla fine imputata al suo “insuperabile deficit morale e culturale”.

Del resto il ministo Barca non è un neofita del ciberspazio. Il suo account su Twitter - pubblicato anche sulla scheda istituzionale del governo - conta oltre 5000 follower ed è lo stesso Ministro a gestirlo, partecipando attivamente a tutte le attività e le discussioni che gli vengono di minuto in minuto proposte.
Oltre ad un Ministro con il vizietto del tweet, ora Barca può essere annoverato come uno dei primi ministri/blogger che legge la Rete e, come nel caso di Giualsud.it, se trova un portale interessante e dal quale si possono far partire idee bottom-up, non esita a "postare" suoi contenuti e a mettersi in discussione.
Resta da chiedersi quale impatto avrà questo passaggio sul rapporto tra cittadini e istituzioni, e se la tanta chiacchierata democrazia elettronica non debba, in futuro, passare attarverso slanci digitali come quella dell'attuale Ministro per la Coesione territoriale.

Qui il sito: Giualsud.it

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Istat: tasso di disoccupazione fermo al 12,4%

Calano gli occupati. Disoccupazione giovanile scende solo dello 0,1% fermandosi a quota 41,5%

Egitto, ucciso il procuratore generale in un attentato al Cairo

Secondo il ministero dell'Interno, "bomba all'interno di una vettura e' esplosa al passaggio della vettura del procuratore"

L'Eurogruppo ha votato no alla proroga degli aiuti per la Grecia

no dell'Eurogruppo alla richiesta di Atene di una proroga degli aiuti per arrivare al referendum senza l'incubo della chiusura delle banche e del fallimento

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

La risposta russa alle bandiere arcobaleno di Facebook

Per celebrare la Corte Suprema e le unioni gay, i profili di Facebook si sono tinti di vari colori. In Russia hanno preferito la bandiera nazionale

Oggi è il giorno più lungo (di un secondo)

Per bilanciare il ritardo della rotazione terrestre rispetto agli orologi atomici, è stato inserito un secondo in più, nell’ultimo minuto del giorno

Paura e arte: la cultura del tatuaggio nella mafia giapponese

In Occidente è una moda, in Giappone fino a poco tempo fa un marchio d’infamia: era il segno distintivo della Yakuza. E fa ancora paura

Il primo default della storia? Avvenne in Grecia, nel IV secolo

È il primo caso documentato in modo chiaro. Tredici città della Lega Delio-Attica non ripagarono i debiti, e provocarono diversi problemi

PRESI DAL WEB

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale

Ballate e guardate l’alba: i compiti per le vacanze di un prof di Fermo

La lista dei compiti per le vacanze consegnata agli alunni dal professore Cesare Catà, insegnante al Liceo delle Scienze Umane "Don Bosco" di Fermo