Blog di

di Tommaso Ederoclite

Sulle unioni civili un ottimo De Magistris

Blog post del 13/02/2012

Già fu creato a Milano, ora anche a Napoli. E' il Registro per le unioni civili:

"E' compito delle istituzioni - ha dichiarato l'assessore Tommasielli - garantire alle persone i diritti civili e sociali senza discriminazioni di sorta anche nei confronti di coloro che affidano i propri progetti di vita di convivenza, come le unioni civili o le unioni di fatto, diverse dalla famiglia".

Soddisfazione dal PD provinciale che attraverso una nota di Francesco Nicodemo appoggia e rilancia: "Un passo importante per la città che ha ospitato due anni fa il gay pride nazionale. Resta il vulnus dell'assenza di una legge nazionale, che nei fatti rende debole questo registro come quello fatto nelle altre città. E su questo pare che Elsa Fornero abbia dimostrato una certa disponibiltà"

Proprio il giorno dopo la arzigogolata dichiarazione di Carlo Giovanardi: 

Due ragazze che si baciano alla stazione? A lei che effetto fa se uno fa pipì? Se lo fa in bagno va bene, ma se uno fa la pipì per strada davanti a lei, può darle fastidio. Ci sono infatti problemi di batteri, che richiedono una grande attenzione nel momento in cui si fanno certe pratiche. 

Strano paese dunque il nostro. Mentre un ex-ministro come Giovanardi si perde in boutade che si commentano da sole, a Napoli si compie un passo importante per quanto riguarda i diritti civili in Italia. Su questo tema l'amministrazione De Magistris si è dunque dimostrata all'altezza delle aspettative di chi lo ha sostenuto. Non sarà la rivoluzione, ma almeno si è dato l'avvio ad un nuovo processo di legittimazione verso le coppie di fatto.
Certo che se ad ogni dichiarazione dell'ex-ministro Carlo Giovanardi vi è una risposta come quella napoletana, beh, caro Giovanardi, dica la sua quotidianamente perché in Italia abbiamo davvero molto bisogno di gente come lei.

 

COMMENTI /

Ritratto di Coccobello
Lun, 13/02/2012 - 17:58
Coccobello
Uh che strano, un articolo che non è contro De Magistris su Linkiesta
SHARE
Ritratto di Miss Fra
Lun, 13/02/2012 - 18:42
Miss Fra
qui a Padova è possibile già dal 2006, ma in mancanza di una legislazione nazionale resta qualcosa di importanza prevalente simbolica...comunque complimenti a De Magistris, bravo!
SHARE
Ritratto di Anonimo
Lun, 13/02/2012 - 21:34
Che bisogno ne hanno due etero di questa roba? nessuno. Perché allora nascondersi? Ditelo che è per i gay! Sarebbe sbagliato comunque - a mio parere - ma almeno sareste meno ipocriti.
SHARE
Ritratto di 4Real
Lun, 13/02/2012 - 23:42
4Real
Mi associo in tutto e per tutto al post. Ottimo De Magistris! Il registro comunale delle unioni civili è cosa ottima e direi sacrosanta, che solo per il fatto di esistere già dà maggiore dignità e serenità a una marea di fidanzati conviventi, di sesso diverso o dello stesso sesso - senza discriminazioni. Sono contento che, oltre ad applicare in modo buono la legge nazionale sulla famiglia anagrafica, Napoli conferisca questo riconoscimento comunale ai conviventi. Comunque, visto il riferimento a Milano e alcuni commenti, segnalo che a quanto so a Milano qualsiasi ipotesi di registro deve ancora essere approvata (purtroppo)... idem a Padova, dato che nel 2006 è stata approvata una mozione che non istituiva alcun Registro ma riguardava l'applicazione delle norme nazionali in merito alla famiglia anagrafica, cioè gli articoli 4 e 33 del d.p.r. 223 del 1989. Forza Napoli... è un grande giorno per la città.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mar, 14/02/2012 - 09:24
Lo stato è il grande discriminatore e finanziatore della mafia (ma questo argomento esula dall'articolo). Tale discriminazione avviene tramite la tassazione, dove soldi vengono tolti a una determinata categoria di individui per essere arbitrariamente distribuiti a un'altra, o ancor peggio, non si tassa immediatamente la popolazione perchè impopolare, ma si emettono delle obbligazioni (si crea debito), cioè si impegna il salario delle generazioni future. Senza tassazione gli individui sarebbero liberi di disporre del frutto del proprio lavoro e di associarsi nel modo che ritengono più idoneo. Lo stato non dovrebbe neanche certificare i matrimoni civili. Lasciamo la questione nell'ambito religioso. Chiunque dovrebbe essere libero di poter stipulare un contratto con chiccessia definendone i termini. Se comprendiamo che è lo stato a creare disuguaglianze di ogni genere con la tassazione e la iper-regolazione, allora tanti divisioni, tante battaglie ideologiche cesserebbero di esistere e vivremmo in una società finalmente libera.
SHARE
Ritratto di francesco sica
Mar, 14/02/2012 - 09:24
francesco sica
Lo stato è il grande discriminatore e finanziatore della mafia (ma questo argomento esula dall'articolo). Tale discriminazione avviene tramite la tassazione, dove soldi vengono tolti a una determinata categoria di individui per essere arbitrariamente distribuiti a un'altra, o ancor peggio, non si tassa immediatamente la popolazione perchè impopolare, ma si emettono delle obbligazioni (si crea debito), cioè si impegna il salario delle generazioni future. Senza tassazione gli individui sarebbero liberi di disporre del frutto del proprio lavoro e di associarsi nel modo che ritengono più idoneo. Lo stato non dovrebbe neanche certificare i matrimoni civili. Lasciamo la questione nell'ambito religioso. Chiunque dovrebbe essere libero di poter stipulare un contratto con chiccessia definendone i termini. Se comprendiamo che è lo stato a creare disuguaglianze di ogni genere con la tassazione e la iper-regolazione, allora tanti divisioni, tante battaglie ideologiche cesserebbero di esistere e vivremmo in una società finalmente libera.
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Reyhaneh Jabbari è stata impiccata in Iran

Nel 2009 la donna era stata condannata per l'uccisione, avvenuta nel 2007, di un uomo che la voleva violentare, un ex dipendente dell'Intelligence iraniana.

Niente evasione fiscale per Dolce e Gabbana, la Cassazione li assolve

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale che sarebbe stata realizzata, secondo l'inchiesta, con una 'estero-vestizione'

Attacco a un checkpoint egiziano nel nord del Sinai: almeno 25 morti e 26 feriti

Almeno 25 persone sono rimaste uccise, e 26 ferite, in un attacco al checkpoint presidiato dall'esercito egiziano a Karm al-Qawadeis, nel Sinai del nord

Quanto è peggiorato il vostro udito?

Un video che è, al tempo stesso, un test per l’udito: ascoltate i segnali fin dove li percepite
SHARE

Lo strano percorso: come viaggiano i dati in rete

Dal pc fino a un altro pc, passando per router e server: il giro del mondo dei dati in Internet
SHARE

Il primo tweet della Regina d’Inghilterra

Elisabetta II, all’età di 88 anni, ha twittato, con tanto di firma. È la prima volta che succede
SHARE

Come diventare un drago a usare Google

Tutti sanno servirsi del motore di ricerca, ma pochi sono in grado di farlo alla grande. Qui si può
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi che ha cambiato Papa Francesco

La cura per le persone prima della dottrina e dei dogmi, la storia della sua vita e il momento in cui tutto è cambiato. Perché doveva cambiare

Storia di una fine: il giornale (greco) per i greci di Istanbul sta per morire

L’agonia di Apoyevmatini, una volta organo influente della comunità dei greci di Turchia, ora stampato per solo 600 famiglie è il residuo di un mondo scomparso

Tutti si sono dimenticati di Joseph Kony e del suo Lord's Resistance Army

Ci fu un tempo in cui il tema dominò i media. Ora, dopo la guerra civile in Sud Sudan, l’ebola e le atrocità di Boko Haram se lo sono scordato tutti