Blog di

Paesaggi dello Stivale di Gianmaria Sforza

Giovani architetti stranieri: con studio all'estero costruiscono in Italia.

Blog post del 20/10/2011

Diciam la verità: questa cosa è davvero bizzarra, più di quella di qualche post fa. Adesso in Italia molti progetti son firmati da stranieri, e non tutti riescono bene... Questo diremmo che è un bell'esempio, e di certo c'è un trucco: come avere l'occasione di dedicarsi a un progetto così nobile, quasi un classico molto italiano, anche molto delicato? Non saremo noi a svelarlo, non è questo il nostro argomento.

Invece fatto sta che questo è un caso molto curioso e a suo modo esemplare per tanti motivi. Intanto si può dire che nessuna rivista italiana ha mai pubblicato questo progetto, inaugurato già da qualche anno, e quindi noi ci illudiamo così, documentandolo in questo piccolo blog, di fare un buon servizio a qualcuno. La coscienza almeno è tranquilla.

Strano però, perché ci sembra un esercizio della professione più che virtuoso, e poi un'occasione fortunata, quasi rara, così prossima al paesaggio, e ancora un'architettura garanzia perenne di una memoria importante, un'area archeologica simbolo di un territorio, insomma un'ottima cosa di cui dare notizia.

E allora cosa passerà mai per le teste distratte delle redazioni delle riviste specializzate? Forse una certa inerzia, tutta colpa di tutta questa comunicazione che confonde, che poi l'architettura se non ti sposti dalla scrivania mica la scopri... Finisci per pubblicare sempre le stesse cose degli altri, o prima o dopo.

È anche la prova esemplare di una collaborazione virtuosa fra professionisti, italiani e stranieri, forse proprio perché giovani, aperti e mobili in giro per l'Europa. C'è chi qui in Italia costruisce le condizioni migliori per un buon lavoro, tesse le indispensabili relazioni superando svariate difficoltà burocratiche e diffidenze di default, e poi ha anche l'intelligenza e modestia di chiamare qualcun altro, da fuori, a disegnare l'architettura, in effetti con una certa grazia di risultato.

Ecco di cosa si tratta, se non si fosse ancora capito dalle immagini: il progetto di una copertura stabile del sito archeologico del Santuario di Minerva, a Breno, in Val Camonica, firmato da María José Cuesta Rodríguez e Carlos Durán Alba (THE GLUB) e da Francesca Conti (Studio TeAM).

Copertura e scavi quasi non si toccano, il grande tetto vola al di sopra dell'area e si scompone per inseguire con la massima leggerezza il profilo della montagne. In fondo l'architettura, quando fa la sua apparizione, è buona (leggi bella), si capisce immediatamente, senza troppi ragionamenti.

Noi ci siamo stati quando ancora era in cantiere, vi assicuriamo che ne vale la pena e fa molto bene andarci in visita: allo spirito per amor di cultura e al fisico, per godere oltre al resto degli ultimi raggi di sole.

 


 

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Ven, 21/10/2011 - 21:20
Questo progetto è un orrore. L'impatto ambientale è fortissimo, "Schiaccia" letteralmente il sito romano. Copre la panoramica del territorio.
SHARE
Ritratto di Gianmaria Sforza
Sab, 22/10/2011 - 11:00
polisforza
<p>1.&nbsp;Le confessiamo che uno dei motivi per cui teniamo questo blog &egrave; quello di ricevere giudizi cos&igrave; definitivi da anonimi.</p> <p>2. Se ne conosce (cosa che dubitiamo), ci mandi esempi virtuosi di coperture di aree archeologiche in Italia (prima che crollino perch&egrave; mal o per nulla protette) e ne daremo volentieri notizia.</p> <p>3. Prima di giudicare, ci vada. Potrebbe essere l&#39;inizio di una buona educazione allo spazio. Farne esperienza, prima di giudicare da una immagine.</p>
SHARE
Ritratto di maria chiara
Ven, 13/04/2012 - 11:46
maria chiara
Bell'articolo. Il progetto non è male ma in effetti è un pochino pesante la scelta della soluzione strutturale soprattutto il rapporto tra lo spessore della copertura e la delicatezza delle strutture che protegge. Il tema è molto arduo e alla facoltà di architettura di Roma è trattato in modo approfondito. Esempi di coperture per siti archeologici (anche belli) in Italia e nel mondo ce ne sono parecchi il problema è che non esiste un specie di "summa" che possa dare delle indicazioni precise agli architetti che si apprestano a realizzare un progetto di questo genere. Questo è ciò che sto cercando di fare nel mio lavoro (da architetto specializzata nel restauro dei monumenti), fare dei corsi e creare un materiale capace di dare delle direzioni per la progettazione in contesti archeologici. Un intervento che mi piace molto, solo per darvi un consiglio, è quello di Cellini-Cipollone a San Paolo fuori le mura (a Roma), la copertura per la necropoli. Leggero, fine, un gesto per proteggere un mondo sotterraneo che agli occhi del turista sarebbe stato invisibile se non fosse stato per quel segno che ora ci permette di individuare l'area archeologica. Vi avrei allegato una foto... ma non trovo il modo di farlo! Coraggio architetti italiani e non!
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Agguato in Calabria: ucciso un imprenditore

Domenico Aiello, imprenditore edile di 58 anni, è stato freddato a colpi di pistola in pieno giorno

Dal 2012 triplicati i mini-job a ore

Nel 2014 la Cgia di Mestre prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro

Ballare coi computer

Lo spettacolo di danza Pixel di Adrien Mondot e Claire Bardainne
Una spettacolare performance di danza che mescola corpi veri e proiezioni digitali
SHARE

Il papà di tutti gli zombie: La notte dei morti viventi

Cervelli che ritornano? Ce ne sono parecchi nel capolavoro di Romero, ora di pubblico dominio
SHARE

Lo stile di cinque grandi registi in un video

Con solo immagini di stock, ricreare Wes Anderson, Malick, Fincher, Cuaron e Tarantino
SHARE

I miti sulle malattie invernali

Non è vero che l’alcol scalda e soprattutto non è vero che a uscire coi capelli bagnati ci si ammala
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Due poliziotti uccisi a New York: cosa sappiamo finora

Il sospettato, Ismail Brinsley, si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola

Jobs Act, verso un indennizzo di soli tre mesi per i nuovi assunti

Le anticipazioni del Corriere: tra i licenziamenti senza reintegro anche quelli per scarso rendimento. Non ci sarebbe copertura per l’Aspi per i collaboratori