Blog di

di Ostinata Poesia

Fuoco su Parma, tra Pizzarotti, la stampa e l'inceneritore

Blog post del 6/03/2013

Un giorno, nella peggiore delle ipotesi, nipoti dei parmigiani, dei cittadini, dei politici, dei giornalisti esaltati alla notizia della prevista riaccensione dell'Inceneritore di Parma,  potrebbero pagare il peso del gaudio da stadio che scorreva domenica scorsa in commenti, titoli, articoli, toni.

Immagini dall'incontro a Parma sull'inceneritore, 22 settembre, foto di talentosprecato su instagram

La sensazione è che all'opinione pubblica non interessino i danni che potrebbe causare la messa in funzione ad Ugozzolo di quello che forse impropriamente è anche detto termovalizzatore. La notizia del via all'accensione è stata piuttosto un ghiotto, motivato, ennesimo pretesto per dare addosso al sindaco Pizzarotti e offrirsi a conferma della teoria che in tanti, tra stampa ed appassionati o improvvisati politologi, portano avanti da tempo, quella secondo la quale il M5S non concretizza le proprie promesse. La questione non era di particolare interesse per i giornalisti nemmeno il 22 settembre, giorno del "Dies Iren - La fine degli inceneritori". Una massa di cronisti tale da sembrare un raduno, stava rintanata dietro il palco sul quale tecnici, medici ed esperti si esprimevano sul tema rivolgendosi a un piazzale che, se fosse davvero stato questo il "cavallo di battaglia" ad aver portato il grillino alla vittoria, sarebbe stato più pieno. Non che fosse vuoto, però...

Beppe Grillo a Parma

Era un sabato pomeriggio soleggiato e Piazzale della Pace è uno dei posti più frequentati i sabati pomeriggio soleggiati. Non come ci si sarebbe potuto aspettare quel giorno. Tanti soldi per muovere troupe, telecamere e microfoni e per formare nel tempo giornalisti accorsi da ogni dove per riuscire poi a raccontare quasi solo questo: che la piazza non era affollata, non piena del tutto, che Grillo, dunque, aveva fatto flop. Così egli stesso aveva previsto ai microfoni...


Guardate il video, se non l'avete già fatto. È del reporter ufficiale di Grillo in quell'occasione, si chiama Nik il Nero ed è un camionista agguerrito militante del movimento 5 stelle. Provate a vedere le cose dal "suo" punto di vista, anzi, dal "loro", che in questa specifica occasione coincide col mio rispetto a quella giornata  Schiacciate play, dopo qualche minuto potreste esservi chiaro che quel 22 settembre la polemica con la stampa del "comico" era rivolta non tanto ai giornalisti italiani, "pagati  euro dieci a pezzo" (o non pagati affatto) quanto ai loro editori, quelli che fanno tesoro dei fondi stanziati generosamente dallo Stato in loro favore..  Poi arriverà conferma dagli inviati che sì, erano lì soprattutto per il garante del movimento 5 stelle, mica per l'inceneritore, per sapere di Favia, del movimento....Certo, come spiega una ragazza, nessuno può imporre loro le domande da fare, giustamente, nessuno quindi li obbligava ad interessarsi al "termovalizzatore"; ma poi...Poi se quelle domande, quelle fatte e quelle taciute, si fanno testo di critica di fionda, qualche volta gonfia di retorica e sberleffi, quella dai titoloni che alle volte sanno di demagogia, quella che conquista facili apprezzamenti, ma poco si presta a far chiarezza sul mondo, poi non è tanto edificante, per tutti. È solo un mio punto di vista, abbastanza campato in aria, lo stesso per il quale vi chiedo di riflettere su questo: è giusto che spetti solo a chi va a sedersi nelle stanze del potere promuovere e tutelare il benessere di una collettività? Non è forse ogni vittoria come ogni sconfitta di una comunità merito e demerito di ciascuno dei componenti della comunità stessa e di quanti le si fanno intorno o le entrano dentro, anche solo istantaneamente? Se tutta la stampa lì presente avesse ascoltato quanti si alternavano sul palco e avesse maggiormente approfondito, smentito oppure avvalorato quelle parole... E se la gente-che poi è anche tempo di cityzenjournalism-avesse fatto lo stesso? Se ci fosse stata la gente di Parma, tutta. A sensibilizzarsi, incuriosirsi, pensare in prospettiva. E perché non c'era?...Qualcuno se l'è chiesto?

Quanto all'inceneritore, vi sarà noto che Iren, la ditta costruttrice dell'impianto, aveva rassicurato i cittadini sulle emissioni, promettendo che la qualità dell'aria sarà costantemente monitorata e tenuta sottocontrollo attraverso quattro centraline. Il 14 febbraio, però, si era dimesso un ingegnere componente della Commissione tecnico amministrativa del Paip. Si chiama Michele Trancossi e, con una lettera a carattere privato diffusa non si sa come dal GCR, Comitato Corretta Gestione Rifiuti di Parma, aveva denunciato una "situazione pesante in cui oggi l'impianto è stato portato dalla smania di farlo partire, senza prestare attenzione all'impianto prescrittivo", ossia al progetto approvato che era stato approvato nel 2008. "Il risultato - spiegava - è che l'impianto è stato finito, Iren chiede di accenderlo, ma molte prescrizioni risultano ad oggi inattese".

 

L'ingegnere poteva figurarsi agli occhi di molti come un eroe, colui che avrebbe potuto aiutare Pizzarotti ma, soprattutto, i parmigiani contrari all'inceneritore, a spegnerlo per sempre. E invece no. Avevamo frainteso, sembra ora quasi essersi smentito nel chiarire la sua posizione. Dicendosi indignato nei confronti del GCR che aveva pubblicato la lettera, in un comunicato stampa precisa di essesi dimesso per ragioni legate all’impegno lavorativo in Università di Modena e Reggio Emilia e fornisce una  versione delle sue motivazioni un po' diversa. Come è mio stile-scrive alla Gazzetta di Parma-ho cercato di tracciare un bilancio critico con intento costruttivo e di chiarezza. Presento una personale analisi delle prescrizioni all’impianto per alcuni aspetti critica rispetto a quella scaturita nella seduta numero 18 della commissione, ad uso interno della commissione. Tale analisi ha il solo significato di promemoria, di quanto resti da fare prima di passare all’effettivo esercizio dell’impianto. Focalizzo infine l’attenzione sulle prescrizioni, dedicando attenzione ben maggiore, rispetto a quella dedicata in commissione, alla questione tariffe che ritenevo che dovesse essere chiarita. Mi fanno quindi piacere le recenti dichiarazioni di del Presidente Bernazzoli e Castellani, che ricordano che si applicano quelle del 2008.

La speranza che si palesava in alcuni commenti in rete, che le dimissioni dell'ingegnere aprissero uno spiraglio per la battaglia di Pizzarotti pare svanire...mentre  i cittadini, beh, non sono tutti convinti che rifiuti zero e no-inceneritore siano un vantaggio per la  città. Valga per i diffidenti al cosiddetto:"nuovo" l'opinione di alcuni anziani di Parma, espressione di una visione  pragmatica: "l'inceneritore va acceso, perché è stato quasi del tutto completato, perché è costato dei soldi e per tenerlo spento i cittadini parmigiani dovrebbero pagare tasse più alte. E tanta gente perderebbe il lavoro".

Ascoltate cliccando sui link

Parma. Inceneritore. "Accenderlo per non spendere altri soldi"...

L'inceneritore? Tenerlo aperto per non creare nuovi disoccupati

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

cancro cancelliamolo

BREAKING NEWS

Tremonti-Finmeccanica, il Senato: «All’epoca dei fatti non era ministro»

Palazzo Madama rigetta la tesi del reato ministeriale ipotizzata dalla Procura di Milano: «Siamo incompetenti sul caso». La palla torna a Palazzo di Giustizia

Istat: tasso di disoccupazione fermo al 12,4%

Calano gli occupati. Disoccupazione giovanile scende solo dello 0,1% fermandosi a quota 41,5%

Egitto, ucciso il procuratore generale in un attentato al Cairo

Secondo il ministero dell'Interno, "bomba all'interno di una vettura e' esplosa al passaggio della vettura del procuratore"

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

La storia tragica dell’uomo che non volle salutare Hitler

Accadde in occasione dell’inaugurazione di una nave. A tenere le braccia conserte fu August Landmesser, e aveva i suoi buoni motivi

Non solo riconoscimento facciale: Facebook saprà chi siete anche di spalle

Il nuovo algoritmo, ancora in fase sperimentale, ha dato risultati convincenti. Su 40mila immagini, ha azzeccato l’83%. Privacy a rischio?

Quanto beve quell’ubriacone di James Bond

L’agente segreto ama le donne e l’avventura. Ma, a quanto si scopre, ha anche un altro vizio: alzare il gomito. Roba da rehab

Secondo la scienza, sarà possibile vivere fino a mille anni

I risultati della ricerca sono promettenti, le scoperte sono incoraggianti. Resta da capire chi pagherà pensioni così lunghe

PRESI DAL WEB

Varoufakis: «Votate No, con l’accordo nessuna possibilità di ripresa»

L’intervista all’australiana LNL ABC Radio National: «I ministri europei negano la democrazia», «le proposte sono state fatte apposta per essere rifiutate»

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale