Blog di

di Ostinata Poesia

Sul caso ''Facebook Deactivation Agreement', i giornali e quella "dipendenza da FB" che non c'era

Blog post del 24/02/2013

Ricordate la storia del contratto stipulato tra un padre e una figlia di Boston, quello che stabiliva in 200 dollari il prezzo della disattivazione temporanea dell'account facebook della quattordicenne?

Ne avevo parlato anch'io, chiedendomi se per caso non stessi peccando nella semplificazione. Ebbene, c'è chi non solo ha semplificato, c'è chi ci ha costruito o copincollato su un senso scorretto. Molti siti di informazione hanno per lo più usato titoli del genere: "padre paga figlia facebook dipendente per tenerla lontana dal SN e aiutarla a disintossicarsi". Peccato che la versione "ufficiale" raccontasse una situazione differente: la ragazzina non era una drogata del social network. A suo dire starci su non le piaceva più di tanto, la prospettiva di farne a meno per cinque mesi non la metteva di certo in crisi.

Padre offre 200 dollari alla figlia per aiutarla a disintossicarsi da Facebook


Non avendo trovato un lavoro come babysitter le era venuta l'idea come via alternativa per racimolare qualche soldo. Suo babbo, Paul Baier, dapprincipio era perplesso e aveva persino rifiutato l'accordo: "come farai tu senza FB? Non rischi di rimanere fuori dal giro" , le aveva obiettato. "Vedo i miei compagni ogni giorno a scuola... e loro tra l'altro lo usano  soprattutto per distrarsi", gli aveva risposto la ragazzina. Rassicurato dalle sue parole, dopo due giorni Paul aveva accettato con serenità e le aveva proposto un regolare contratto per siglare l'accordo: il Facebook Deactivation Agreement....

 Non rischi di rimanere fuori dal giro" , le aveva obiettato. "Vedo i miei compagni ogni giorno a scuola... e loro tra l'altro lo usano  soprattutto per distrarsi", gli aveva risposto la ragazzina. Rassicurato dalle sue parole, dopo due giorni Paul aveva accettato con serenità ed orgoglio e le aveva proposto un regolare contratto, il Facebook Deactivation Agreement

Era scritto in una lunga intervista pubblicata il 7 febbraio, salvo eccezioni il giorno prima la data di diffusione della piccola notizia sui nostri social. Queste parole peraltro erano state riprese o rilasciate anche su altri siti. Peccato che in Italia le abbiano lette in pochi. Chissà, forse i primi articoli sull'argomento pubblicati a Boston, gli stessi cui la ragazza si riferisce con quei commenti riportati dal padre del tipo: "non comprendo perché questa cosa interessi così tanto, è come se pensassero che una teenager non può vivere senza facebook...", offrivano un punto di vista differentealtrimenti non si riescono a spiegare certe versiono spuntate da noi, quella di Repubblica, ad esempio:

la ragazza aveva preso una brutta piega.... secondo repubblica

Potreste obiettare che è probabile che Paul Baier non sia stato del tutto sincero con i giornalisti e che le cose siano andate in modo diverso da come le ha raccontate, ma questa è solo una supposizione. Non era facebook dipendente la ragazzetta. Lo hanno dato per scontato oppure se lo sono inventato.

duecento dollari per stare lontana da facebook su Ilportaforse

NB. Volevo togliermi questo sassolino dal mouse e dalla testa prima di salutarvi, sempre che le cose non prendano un'altra svolta, qui a linkiesta
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Egitto, ucciso il procuratore generale in un attentato al Cairo

Secondo il ministero dell'Interno, "bomba all'interno di una vettura e' esplosa al passaggio della vettura del procuratore"

L'Eurogruppo ha votato no alla proroga degli aiuti per la Grecia

no dell'Eurogruppo alla richiesta di Atene di una proroga degli aiuti per arrivare al referendum senza l'incubo della chiusura delle banche e del fallimento

Tsipras: «Un referendum il 5 luglio sul piano di salvataggio della Grecia»

Il premier greco: «Ci chiedono pesi insopportabili, decida il popolo sovrano». Le cancellerie europee irritate: «Alexis ha tradito tutti»

Smemoranda 

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Paura e arte: la cultura del tatuaggio nella mafia giapponese

In Occidente è una moda, in Giappone fino a poco tempo fa un marchio d’infamia: era il segno distintivo della Yakuza. E fa ancora paura

Il primo default della storia? Avvenne in Grecia, nel IV secolo

È il primo caso documentato in modo chiaro. Tredici città della Lega Delio-Attica non ripagarono i debiti, e provocarono diversi problemi

Guida alla fantascienza sovietica in tre film

Una filmografia che attraversa un secolo, portando nell’universo (e nelle sale cinematografiche) il sogno comunista. Ma senza riuscirci

Anche gli europei migrano: una mappa lo dimostra

Gli ex Stati sovietici si sono svuotati, e tutti sono andati a cercare fortuna verso ovest. I vecchi ricchi del nord si ritirano al mare, in Francia

PRESI DAL WEB

L’Economist: Renzi non sopravviverebbe alla Grexit, Italia a rischio contagio

Il settimanale aggiorna le previsioni: lo spread tornerà alto e farà saltare le misure di stimolo del 2016. A rischio il fragile equilibrio del governo Renzi

Una proposta per il dopo Expo 2015: un CyberParco per la Cyber Security

Nasce un comitato no profit per il destino delle aree dell'esposizione universale

Ballate e guardate l’alba: i compiti per le vacanze di un prof di Fermo

La lista dei compiti per le vacanze consegnata agli alunni dal professore Cesare Catà, insegnante al Liceo delle Scienze Umane "Don Bosco" di Fermo