Blog di

di Ostinata Poesia

Sul caso ''Facebook Deactivation Agreement', i giornali e quella "dipendenza da FB" che non c'era

Blog post del 24/02/2013

Ricordate la storia del contratto stipulato tra un padre e una figlia di Boston, quello che stabiliva in 200 dollari il prezzo della disattivazione temporanea dell'account facebook della quattordicenne?

Ne avevo parlato anch'io, chiedendomi se per caso non stessi peccando nella semplificazione. Ebbene, c'è chi non solo ha semplificato, c'è chi ci ha costruito o copincollato su un senso scorretto. Molti siti di informazione hanno per lo più usato titoli del genere: "padre paga figlia facebook dipendente per tenerla lontana dal SN e aiutarla a disintossicarsi". Peccato che la versione "ufficiale" raccontasse una situazione differente: la ragazzina non era una drogata del social network. A suo dire starci su non le piaceva più di tanto, la prospettiva di farne a meno per cinque mesi non la metteva di certo in crisi.

Padre offre 200 dollari alla figlia per aiutarla a disintossicarsi da Facebook


Non avendo trovato un lavoro come babysitter le era venuta l'idea come via alternativa per racimolare qualche soldo. Suo babbo, Paul Baier, dapprincipio era perplesso e aveva persino rifiutato l'accordo: "come farai tu senza FB? Non rischi di rimanere fuori dal giro" , le aveva obiettato. "Vedo i miei compagni ogni giorno a scuola... e loro tra l'altro lo usano  soprattutto per distrarsi", gli aveva risposto la ragazzina. Rassicurato dalle sue parole, dopo due giorni Paul aveva accettato con serenità e le aveva proposto un regolare contratto per siglare l'accordo: il Facebook Deactivation Agreement....

 Non rischi di rimanere fuori dal giro" , le aveva obiettato. "Vedo i miei compagni ogni giorno a scuola... e loro tra l'altro lo usano  soprattutto per distrarsi", gli aveva risposto la ragazzina. Rassicurato dalle sue parole, dopo due giorni Paul aveva accettato con serenità ed orgoglio e le aveva proposto un regolare contratto, il Facebook Deactivation Agreement

Era scritto in una lunga intervista pubblicata il 7 febbraio, salvo eccezioni il giorno prima la data di diffusione della piccola notizia sui nostri social. Queste parole peraltro erano state riprese o rilasciate anche su altri siti. Peccato che in Italia le abbiano lette in pochi. Chissà, forse i primi articoli sull'argomento pubblicati a Boston, gli stessi cui la ragazza si riferisce con quei commenti riportati dal padre del tipo: "non comprendo perché questa cosa interessi così tanto, è come se pensassero che una teenager non può vivere senza facebook...", offrivano un punto di vista differentealtrimenti non si riescono a spiegare certe versiono spuntate da noi, quella di Repubblica, ad esempio:

la ragazza aveva preso una brutta piega.... secondo repubblica

Potreste obiettare che è probabile che Paul Baier non sia stato del tutto sincero con i giornalisti e che le cose siano andate in modo diverso da come le ha raccontate, ma questa è solo una supposizione. Non era facebook dipendente la ragazzetta. Lo hanno dato per scontato oppure se lo sono inventato.

duecento dollari per stare lontana da facebook su Ilportaforse

NB. Volevo togliermi questo sassolino dal mouse e dalla testa prima di salutarvi, sempre che le cose non prendano un'altra svolta, qui a linkiesta
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Tumori al seno, italiani scoprono la molecola responsabile delle metastasi

Un passo avanti importante per capire i meccanismi con il quale il cancro si diffonde nell'organismo

Merkel: “Siamo di fronte a uno scontro tra Russia e Ucraina”

Lavrov: Mosca non vuole la guerra. Ma Kiev denuncia: truppe russe a Donetsk e a Lugansk

Scambi di accuse, bugie e depistaggi: le carte segrete sulla strage di Ustica

Desecretati gli appunti, le informative e i carteggi riservati della Farnesina. Così è stata nascosta la verità

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Il video che mostra come un autistico vede il mondo

Un disturbo molto conosciuto ma poco studiato: un mix tra animazioni e video racconta come si vive
SHARE

Cinque consigli per la felicità a poco prezzo

Sono cosucce che cambiano tutto: suggerimenti da seguire ogni volta che avete una giornata no
SHARE

Caffeina ed energia: cosa si scatena nel cervello

Adesso che l'avete bevuta, vi facciamo vedere cosa succede tra i vostri neuroni (e non vi piacerà)
SHARE

Gli snack più antichi del mondo che ancora mangiamo

Dai pop corn fino ai salatini. Li mangiamo da sempre, ma sappiamo da dove vengono?
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Tutta la verità su Hello Kitty

Un ironico articolo spiega le motivazioni secondo cui il personaggio di Hello Kitty non rappresenterebbe un gatto. Nel caso a qualcuno interessasse

La storia del ragazzo con metà cervello

I genitori del piccolo Williams hanno deciso di accettare una delle procedure più radicali della neurochirurgia per salvargli lavita