Blog di

di Ostinata Poesia

Sul caso ''Facebook Deactivation Agreement', i giornali e quella "dipendenza da FB" che non c'era

Blog post del 24/02/2013

Ricordate la storia del contratto stipulato tra un padre e una figlia di Boston, quello che stabiliva in 200 dollari il prezzo della disattivazione temporanea dell'account facebook della quattordicenne?

Ne avevo parlato anch'io, chiedendomi se per caso non stessi peccando nella semplificazione. Ebbene, c'è chi non solo ha semplificato, c'è chi ci ha costruito o copincollato su un senso scorretto. Molti siti di informazione hanno per lo più usato titoli del genere: "padre paga figlia facebook dipendente per tenerla lontana dal SN e aiutarla a disintossicarsi". Peccato che la versione "ufficiale" raccontasse una situazione differente: la ragazzina non era una drogata del social network. A suo dire starci su non le piaceva più di tanto, la prospettiva di farne a meno per cinque mesi non la metteva di certo in crisi.

Padre offre 200 dollari alla figlia per aiutarla a disintossicarsi da Facebook


Non avendo trovato un lavoro come babysitter le era venuta l'idea come via alternativa per racimolare qualche soldo. Suo babbo, Paul Baier, dapprincipio era perplesso e aveva persino rifiutato l'accordo: "come farai tu senza FB? Non rischi di rimanere fuori dal giro" , le aveva obiettato. "Vedo i miei compagni ogni giorno a scuola... e loro tra l'altro lo usano  soprattutto per distrarsi", gli aveva risposto la ragazzina. Rassicurato dalle sue parole, dopo due giorni Paul aveva accettato con serenità e le aveva proposto un regolare contratto per siglare l'accordo: il Facebook Deactivation Agreement....

 Non rischi di rimanere fuori dal giro" , le aveva obiettato. "Vedo i miei compagni ogni giorno a scuola... e loro tra l'altro lo usano  soprattutto per distrarsi", gli aveva risposto la ragazzina. Rassicurato dalle sue parole, dopo due giorni Paul aveva accettato con serenità ed orgoglio e le aveva proposto un regolare contratto, il Facebook Deactivation Agreement

Era scritto in una lunga intervista pubblicata il 7 febbraio, salvo eccezioni il giorno prima la data di diffusione della piccola notizia sui nostri social. Queste parole peraltro erano state riprese o rilasciate anche su altri siti. Peccato che in Italia le abbiano lette in pochi. Chissà, forse i primi articoli sull'argomento pubblicati a Boston, gli stessi cui la ragazza si riferisce con quei commenti riportati dal padre del tipo: "non comprendo perché questa cosa interessi così tanto, è come se pensassero che una teenager non può vivere senza facebook...", offrivano un punto di vista differentealtrimenti non si riescono a spiegare certe versiono spuntate da noi, quella di Repubblica, ad esempio:

la ragazza aveva preso una brutta piega.... secondo repubblica

Potreste obiettare che è probabile che Paul Baier non sia stato del tutto sincero con i giornalisti e che le cose siano andate in modo diverso da come le ha raccontate, ma questa è solo una supposizione. Non era facebook dipendente la ragazzetta. Lo hanno dato per scontato oppure se lo sono inventato.

duecento dollari per stare lontana da facebook su Ilportaforse

NB. Volevo togliermi questo sassolino dal mouse e dalla testa prima di salutarvi, sempre che le cose non prendano un'altra svolta, qui a linkiesta
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Voto di scambio in Sicilia 2012, arresti

Ai domiciliari anche due 'deputati' dell' Ars tuttora in carica

Il “Made in” non passa, vince la Germania

Fuori onda del sottosegretario Carlo Calenda al ministro Maurizio Martina: “Anche se Renzi ha chiamato la Merkel la legge sul Made in” non passerà

Ocse: Italia penultima per occupazione giovanile

Ultimi per competenze in lettura e matematica, un giovane su tre non usa competenze sul lavoro

Più bikini per tutti: storia dei costumi da bagno dal 1890

Insieme ai costumi da bagno cambiano anche i costumi della società. Un video fa un riepilogo della prima categoria

Cosa succederebbe se la Terra smettesse di ruotare

La frenata del mondo avrebbe conseguenze catastrofiche. E non solo quella di veder volare via i vostri colleghi

Le donne saudite possono guidare. Ma solo in un videogame

Cavalcano motociclette rombanti in un’Arabia Saudita post-atomica per sconfiggere il male. Ma potrebbero cambiare il mondo

Il test di Bechdel, il filtro femminista al cinema mainstream

Sono tre semplici criteri, nati da un fumetto, per misurare il sessismo nei film. E molti non lo superano

PRESI DAL WEB

Cristiano Ronaldo ha donato 7 milioni di euro ai bambini del Nepal?

La notizia è stata riportata dal magazine francese So Foot, ma non ci sono ancora conferme da Save The Children

Migranti, la svolta dell'Ue: "Tutti gli Stati membri obbligati ad accoglierli”

Su la Repubblica la bozza della nuova Agenda della Commissione: via libera all'affondamento dei barconi e aiuti ai paesi di origine