Blog di

di Ostinata Poesia

Sul caso ''Facebook Deactivation Agreement', i giornali e quella "dipendenza da FB" che non c'era

Blog post del 24/02/2013

Ricordate la storia del contratto stipulato tra un padre e una figlia di Boston, quello che stabiliva in 200 dollari il prezzo della disattivazione temporanea dell'account facebook della quattordicenne?

Ne avevo parlato anch'io, chiedendomi se per caso non stessi peccando nella semplificazione. Ebbene, c'è chi non solo ha semplificato, c'è chi ci ha costruito o copincollato su un senso scorretto. Molti siti di informazione hanno per lo più usato titoli del genere: "padre paga figlia facebook dipendente per tenerla lontana dal SN e aiutarla a disintossicarsi". Peccato che la versione "ufficiale" raccontasse una situazione differente: la ragazzina non era una drogata del social network. A suo dire starci su non le piaceva più di tanto, la prospettiva di farne a meno per cinque mesi non la metteva di certo in crisi.

Padre offre 200 dollari alla figlia per aiutarla a disintossicarsi da Facebook


Non avendo trovato un lavoro come babysitter le era venuta l'idea come via alternativa per racimolare qualche soldo. Suo babbo, Paul Baier, dapprincipio era perplesso e aveva persino rifiutato l'accordo: "come farai tu senza FB? Non rischi di rimanere fuori dal giro" , le aveva obiettato. "Vedo i miei compagni ogni giorno a scuola... e loro tra l'altro lo usano  soprattutto per distrarsi", gli aveva risposto la ragazzina. Rassicurato dalle sue parole, dopo due giorni Paul aveva accettato con serenità e le aveva proposto un regolare contratto per siglare l'accordo: il Facebook Deactivation Agreement....

 Non rischi di rimanere fuori dal giro" , le aveva obiettato. "Vedo i miei compagni ogni giorno a scuola... e loro tra l'altro lo usano  soprattutto per distrarsi", gli aveva risposto la ragazzina. Rassicurato dalle sue parole, dopo due giorni Paul aveva accettato con serenità ed orgoglio e le aveva proposto un regolare contratto, il Facebook Deactivation Agreement

Era scritto in una lunga intervista pubblicata il 7 febbraio, salvo eccezioni il giorno prima la data di diffusione della piccola notizia sui nostri social. Queste parole peraltro erano state riprese o rilasciate anche su altri siti. Peccato che in Italia le abbiano lette in pochi. Chissà, forse i primi articoli sull'argomento pubblicati a Boston, gli stessi cui la ragazza si riferisce con quei commenti riportati dal padre del tipo: "non comprendo perché questa cosa interessi così tanto, è come se pensassero che una teenager non può vivere senza facebook...", offrivano un punto di vista differentealtrimenti non si riescono a spiegare certe versiono spuntate da noi, quella di Repubblica, ad esempio:

la ragazza aveva preso una brutta piega.... secondo repubblica

Potreste obiettare che è probabile che Paul Baier non sia stato del tutto sincero con i giornalisti e che le cose siano andate in modo diverso da come le ha raccontate, ma questa è solo una supposizione. Non era facebook dipendente la ragazzetta. Lo hanno dato per scontato oppure se lo sono inventato.

duecento dollari per stare lontana da facebook su Ilportaforse

NB. Volevo togliermi questo sassolino dal mouse e dalla testa prima di salutarvi, sempre che le cose non prendano un'altra svolta, qui a linkiesta
 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Burkina Faso, assaltata la sede della tv di Stato a Ouagadougou

Saccheggiato anche il palazzo del Parlamento. Si protesta contro la riforma costituzionale che permette al Presidente di prolungare suo mandato

Tar, de Magistris torna in carica

Giudici amministrativi, atti alla Corte Costituzionale

La teoria dell’evoluzione, spiegata in modo chiaro

Per chi crede di averla capita bene e per chi ha bisogno di sciogliere alcuni dubbi al riguardo
SHARE

Vivere d’aria: come respirano gli animali

L’ossigeno serve a tutti, ma i modi in cui ce lo si procura variano di specie in specie
SHARE

Tattiche per non far invecchiare né cervello né idee

Quattro consigli per sfuggire al veleno della routine
SHARE

Imparare la filosofia dell’Oriente e vivere meglio

A scuola si insegna solo la tradizione occidentale. Urge rimediare subito, con un’infografica
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Lavoro e famiglia: nemmeno in Norvegia le donne riescono ad avere tutto

Nonostante le politiche illuminate su figli e carriera, introvabili altrove, le donne faticano ad andare avanti e crearsi una carriera

Un weekend con il Dalai Lama e la sua patria portatile

Incontrare una delle personalità più importanti del pianeta e capire, alla fine, i motivi della sua popolarità