Blog di

di Marcello D’Arco

Polonia - Grecia: 1-1

Blog post del 9/06/2012

Polonia - Grecia: 1 -1

Immagine tratta dal sito whoscored.com

La Polonia inizia i "suoi" Europei con un buon piglio. Obraniak parte come numero 10 per poi allargarsi, cercando di innescare e dare supporto alle sovrapposizioni sugli esterni. La fascia destra, come era prevedibile, sembra la più pericolosa grazie al duo giallo-nero formato da Jakub Blaszczykowski e dal terzino Lukasz Piszczek. E' proprio dal piede del primo che, infatti, parte il cross per la testa del terzo giocatore proveniente dalla Ruhrgebiet: l'attaccante Robert Lewandowski.

Il copione inizialmente sembra essere rispettato: la Grecia nonostante il suo modulo difensivo con 7 giocatori fissi a difesa dell'area, e con l'intera squadra che si dispone partendo da dietro la linea del pallone, non sembra riuscire a replicare la grintosa e tenace squadra che mise a nudo le difficoltà delle squadre più blasonate incendo l'Europeo nel 2004. In più il tentativo di proporre una squadra più offensiva rispetto alla formazione del 2004, (schierando contemporaneamente tre giocarori offensivi come Samaras, Gekas e il neo acquisto del Parma Sotiris Ninis) non sortisce effetti. Ninis, giovane classe '90 che ha militato l'ultima stagione nel Panathinaikos, avrebbe dovuto rappresentare il giocatore in grado di dare qualità in avanti, provando a saltare l'uomo, ma alla fine risulterà il peggiore dei suoi.

 La partita si trascina senza esaltare, anzi mostrando ottime dosi solo di mediocrità, fino alla fine del primo tempo, prima del quale però si registra un'ottima occasione capitata a Perquis, che forse poteva chiudere la gara, ma soprattutto l'evento che cambia l'orientamento della partita: l'espulsione del difensore greco Sokratis Papastathopoulos.

Nel secondo tempo, infatti, la Grecia in 10 sembra risistemarsi ( Zeman docet ). Prima di tutto le linee si fanno più compatte e ordinate, facilitando le coperture dei terzini sugli esterni polacchi, dei quali a conti fatti avranno la meglio. Infatti, saranno 14  alla fine i palloni recuperati da Torosidis e Holebas ( rispettivamente terzino destro e sinistro della Grecia), che costringeranno sempre di più la Polonia, obbiettivamente poco reattiva, a giocare per vie centrali, impostando con la coppia di centrocampo formata da Murawski-Polanski( non certamente tecnicamente dotati), o con i lanci lunghi dei due difensori centrali.

Il vero punto di svolta per gli ellenici si manifesta in avanti. Samaras assume un ruolo alla Ibrahimovic (scusate la bestemmia, si tratta solo di una tenue analogia tattica), partendo da riferimento centrale per poi lasciare spazio libero agli inserimenti. Come insegna Guardiola, il centravanti bianco-azzurro diventa quindi lo spazio libero dietro i difensori polacchi che, poco lucidi, si lasciano scappare in due occasioni decisive il neoentrato ( al posto di Ninis ) Dimitrios Salpingidis, che prima segna e poi si procura un rigore con espulsione del portiere Wojciech Szczesny. 

Fortunatamente c'è anche spazio per quelle cose "che fanno bene al calcio". A freddo, il secondo portiere polacco  Przemyslaw Tyton, si dispone sulla riga di porta e decide di prendersi la gloria della serata salvando la rete dal rigore di Giorgios Karagounis, e soprattutto salvando la sua nazionale da una sconfitta che avrebbe seriamente pregiudicato la qualificazione del turno.

La Grecia non è morta e lotterà fino al '90 contro tutti, se riuscisse a quadrare il cerchio in avanti anche in 11 uomini, può sicuramente farcela. La Polonia deve svegliarsi, non è una squadra che può permettersi di sprecare occasioni, neanche giocando in casa ( grosso malus quando la tensione si fa sentire) e nel girone più abbordabile. Probabilmente la preparazione pre-torneo è stata troppo blanda ( nelle ultime due settimane ha giocato solo con Slovacchia e Andorra ) ma adesso bisogna fare sul serio. 

 

 

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Luxottica annuncia l’implementazione di una nuova governance

È durata due ore la riunione dei vertici del colosso degli occhiali: il manager saluta, al suo posto struttura con due ad e deleghe operative a Del Veccchio

Rasmussen: Nato pronta a difendere gli alleati da ogni attacco

"Svilupperemo una forza d’elitre che avrà una maggiore prontezza di reazione e che potrà schierarsi anche con un preavviso molto breve”

Onu: Iraq, più di mille uccisi in agosto

Il Consiglio per i diritti umani dell' Onu ha intanto valutato l'invio di una missione di emergenza nel Paese

Bachelor of Arts in Lingua, letteratura e civiltà italiana

Cinque consigli per la felicità a poco prezzo

Sono cosucce che cambiano tutto: suggerimenti da seguire ogni volta che avete una giornata no
SHARE

Caffeina ed energia: cosa si scatena nel cervello

Adesso che l'avete bevuta, vi facciamo vedere cosa succede tra i vostri neuroni (e non vi piacerà)
SHARE

Gli snack più antichi del mondo che ancora mangiamo

Dai pop corn fino ai salatini. Li mangiamo da sempre, ma sappiamo da dove vengono?
SHARE

Suggerimenti per costruire una memoria potentissima

Per molti la memoria è un problema, ma seguendo questi consigli potrete allenarla a dovere
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il reportage al tempo del marketing: il giornalismo di viaggio genera turismo

Sull’ascesa e il declino della narrativa di viaggio, che si è trasformata in narrativa di turismo: racconti nati per fare restyling e non informazione

La nuova macchina da soldi di Hollywood? Si chiama Youtube

Una volta le grandi aziende cinematografiche facevano causa al sito. Adesso, invece, ci scommettono sopra

Imparare una lingua? Significa imparare a recitare una nuova identità

Storia del difficile apprendimento del francese da parte di un madrelingua inglese: i progressi linguistici sono solo il segno dell'ingresso in un nuovo mondo