Blog di

di Luciano Trincia

Wilhelm Brasse, l’uomo che fotografò l’orrore

Blog post del 25/10/2012

Osservare l’orrore attraverso l’obiettivo di una macchina fotografica: questo il destino di Wilhelm Brasse, deportato numero 3444, l’uomo a cui i nazisti assegnarono il compito di fotografare gli internati di Auschwitz. Brasse è scomparso martedì 23 ottobre a Zywiec, nella Polonia meridionale, all’età di 95 anni. Era arrivato a Auschwitz il 31 agosto 1940, a 22 anni, insieme ad altri 400 prigionieri politici polacchi. Allora era un giovane fotografo alle prime armi, catturato dai tedeschi al confine con l’Ungheria nell’aprile precedente, mentre tentava di fuggire in Francia. Gli venne offerto di salvarsi, entrando nella Wehrmacht. Brasse rifiutò e salì sul treno per Auschwitz-Birkenau.



Parlava tedesco e dopo due settimane di quarantena e sei mesi di lavori forzati le SS lo assegnarono all’Erkennungsdienst, il servizio identificativo che produceva materiale fotografico per il campo. Istituito nel gennaio 1941 per ordine del comandante Rudolf Höss, questo ufficio fotografico era affidato al sergente Bernhard Walter, sotto il diretto controllo della Gestapo. Con la supervisione di Walter, Wilhelm Brasse ha scattato più di 40.000 fotografie, alcune delle quali sono sfuggite alla distruzione e sono ora esposte al Museo di Auschwitz. Profilo destro, con il poggiatesta ben spinto sopra la nuca. Scatto frontale, con il numero e la stella di Davide ben visibili sul petto. E infine, un mezzo profilo da sinistra, con un berretto o un copricapo. Per due anni e mezzo, Brasse ha trasferito su pellicola i volti di migliaia di donne, uomini e bambini che varcavano il cancello di ferro del campo, momentaneamente sfuggiti alla morte e avviati al lavoro nel lager.



 

Erano foto da utilizzare per rintracciare i detenuti in caso di fuga, prima che nel luglio 1943 il Reichssicherheitshauptamt di Berlino inviasse a tutti i campi l’ordine di limitare i ritratti ai soli prigionieri di nazionalità tedesca, introducendo per tutti gli altri deportati dei lager nazisti il numero di matricola tatuato sull’avanbraccio sinistro. Ma a Brasse non furono ordinati solo i ritratti all’interno dello studio fotografico del campo. Quando Eduard Wirths e Josef Mengele, i medici di Auschwitz-Birkenau, iniziarono i loro esperimenti pseudo-scientifici sui prigionieri, Brasse fu condotto con la sua macchina fotografica nel laboratorio medico, osservatore impotente chiamato a documentare visivamente quella follia.


In un’intervista concessa a “The Guardian” nel gennaio 2005, Brasse ricorda l’orrore di quel laboratorio, la disperazione di quelle giovani donne sottoposte a sterilizzazione forzata e a altri tremendi esperimenti ginecologici, donne ignare del terribile trattamento a cui erano sottoposte. “In un paio di occasioni fui chiamato a scattare fotografie a colori di questi esperimenti, ma per la stampa la pellicola fu inviata a un laboratorio di Berlino. Mi dissero che si trattava di una ricerca sul cancro all’utero, ma con quelle foto avrebbero potuto farci qualsiasi cosa”.


Nell’intervista di Janina Struk, Brasse rievoca anche la prima esecuzione di massa nella camera a gas di Auschwitz con il Zyklon-B. Era il settembre 1941 e in quella occasione fu lo stesso responsabile dell’ufficio fotografico a eseguire le riprese dei 600 prigionieri sovietici e dei 250 deportati polacchi che furono i primi a entrare nella camera a gas. Bernhard Walter, dopo aver personalmente girato il film, con le orrende esecuzioni capitali nel cortile del Blocco 11, chiamò Brasse a visionare la pellicola. “Non ho mai dimenticato, e probabilmente non dimenticherò mai le scene di quel film”, ricorda Brasse nell’intervista.


Per lungo tempo, dopo la liberazione, non è più riuscito a poggiare l’occhio dietro un obiettivo, Wilhelm Brasse. Lo ha fatto nel 2005 per il documentario “Il ritrattista” della regista polacca Irek Dobrowolski, durante il quale “il fotografo di Auschwitz” ha aperto la porta al flusso dei ricordi e ha narrato pubblicamente gli orrori osservati attraverso la sua macchina fotografica.

 



 

 

COMMENTI /

Ritratto di Fabrizio Sibilla
Gio, 25/10/2012 - 10:09
fabriziosibilla
bella storia, nn la sapevo, grazie per qs post Casa mia é circondata di stolpersteinen* (tra cui quella di anne frank), ma anche qs é un bel modo di nn far dimenticare http://www.stolpersteine.com/
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

La Camera boccia l’emendamento della Lega sulle toghe

Riguardava la responsabilità civile dei magistrati

Kiev chiede altri 2 miliardi di prestiti all’Europa

Gazprom vuole da Kiev il pagamento del debito di 3,1 mld di dollari per riprendere a rifornirla di gas

Sblocca Italia "in salita" alla Camera

Domani sara' all' esame dell'aula di Montecitorio. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo,ma l'appuntamento potrebbe anche saltare

Paura in miniatura: il film horror più corto di sempre

Si intitola “Tuck Me In”, racconta la storia di un padre e di un figlio, e dura meno di un minuto
SHARE

Andare in vacanza a vedere le bombe

Le immagini di Lipsky disturbano: verrà un tempo in cui la calamità sarà solo un fatto estetico?
SHARE

Il metodo per mantenere a lungo l’attenzione necessaria

Spesso ci si distrae quando meno sarebbe opportuno, per mancanza di energia. Ecco un trucco
SHARE

Aziona anche tu la macchina della nostalgia

Basta un clic e ci si ritrova nel passato, a inseguire i ricordi e risentire antiche emozioni
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Il progetto di Putin di spartirsi l’Ucraina con la Polonia

Fece la proposta nel 2008: “L’Ucraina”, diceva, “è un Paese artificiale”

Come le scuse in pubblico diventano uno strumento di potere e privilegio

Non è più una difficoltà da superare, sempre di più le pubbliche scuse sono la strategia di difesa di ricchi e potenti

L’arbitro Rocchi “confessa”: “Juve-Roma? Sul rigore di Maicon ho sbagliato

“Dispiace che la mia prestazione non sia stata ottimale, da questo punto di vista potevo fare meglio“