Laddove il Pd decidesse di fare le primarie di partito -quelle di coalizione, come noto, non esistono in nessun Paese e peraltro non sono neanche tecnicamente delle elezioni primarie, ma non è questo il momento per spiegarlo...- la procedura per fare ciò la si ritrova all'interno dello Statuto del Partito Democratico.

Partiamo da un quadro chiaro di base: si intende primarie di partito quelle primarie per delineare la leadership di partito che, ai sensi dello Statuto del Pd e come avviene in tutti i grandi partiti che fanno le primarie di partito, è anche una candidatura automatica alla premiership del Paese. Dunque, parlare di primarie di partito vuol dire, sostanzialmente, parlare di un Congresso del partito per scegliere l’indirizzo politico, su piattaforme alternative incarnate da candidati-Segretario eletti direttamente e collegati a liste. Il tutto andrà a comporre l’Assemblea nazionale, cioè l'assise generale dei delegati di partito. La leadership di partito coincide, quindi, con la candidatura a premiership per il Paese, secondo lo schema della c.d. vocazione maggioritaria, che altro non è che l'obiettivo che deve spingere un partito a parlare a tutti gli elettori del Paese, cercando il loro consenso.

Quali procedure? L'articolo chiave è l'articolo 9 (ma salto alcune tecnicalità).

Cosa prevede?  Una procedura in due fasi, la prima riguarda gli iscritti al partito, la seconda tutti gli elettori.

La prima fase, che si conclude con lo svolgimento della Convenzione nazionale, le candidature a Segretario nazionale e le relative piattaforme politico-programmatiche sono sottoposte al vaglio degli iscritti. Possono essere candidati e sottoscrivere le candidature a Segretario nazionale e componente dell’Assemblea nazionale solo gli iscritti in regola con i requisiti di iscrizione presenti nella relativa Anagrafe alla data nella quale viene deliberata la convocazione delle elezioni. E per essere ammesse alla prima fase del procedimento elettorale, le candidature a Segretario devono essere sottoscritte da almeno il dieci per cento dei componenti dell’Assemblea nazionale uscente o da un numero di iscritti compreso tra millecinquecento e duemila, distribuiti in non meno di cinque regioni. Un regolamento ad hoc, peraltro, stabilisce di volta in volta tempi e modalità di svolgimento delle riunioni in vista della prima fase.

Chi vince la prima fase?

Risultano ammessi all’elezione del Segretario nazionale i tre candidati che abbiano ottenuto il consenso del maggior numero di iscritti purché abbiano ottenuto almeno il cinque per cento dei voti validamente espressi e, in ogni caso, quelli che abbiano ottenuto almeno il quindici per cento dei voti validamente espressi e la medesima percentuale in almeno cinque regioni o province autonome.

Poi c'è una seconda fase. Questa consiste nello svolgimento, appunto, delle elezioni primarie, aperte a tutti gli elettori, ossia tutte le persone che al momento del voto rientrino nei requisiti previsti (i classici) e devolvano un contributo di entità contenuta. Gli elettori sono sostanzialmente invitati a votare, nel menu di candidature già selezionate dagli iscritti, il candidato alla leadership, cioè alla premiership, che ritengono più idoneo, perché l'obiettivo della leadership del partito -lo ribadisco- è il governo del Paese non il governo del Partito, o meglio le due cose stanno insieme, altrimenti sarebbe una sovrastruttura ideologica, abbattuta dalla caduta del muro di Berlino. D'altronde a che serve un segretario di partito se non è il migliore candidato alla guida del Paese?

Chi vince, divenendo segretario e candidato premier per il Pd?

Vince, nel caso con un ballottaggio laddove non vi sia la maggioranza assoluta, il candidato-Segretario collegato al maggior numero di componenti l’Assemblea.

Ciò detto, non resta che capire se davvero l'attuale leadership Bersani accetterà la sfida di primarie interne. E partecipare, perché libertà, come diceva Gaber, è (innanzitutto) partecipazione.

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Mar, 05/06/2012 - 10:18
Ottimo articolo. Le primarie sono, ormai,uno strumento indispensabile. Se i partiti lo usano bene possono recuperare un pochino della credibilità perduta. Un gruppo di ricercatori litaliani le studia in maniera sistematica dal molti anni. Per informazioni si può vedere il sito www.candidateandleaderselection.eu
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mar, 05/06/2012 - 12:08
Funzionano così: tutti li cacciano e loro restano.
SHARE
Ritratto di Tommy
Mer, 06/06/2012 - 02:14
Tommy
Tutto corretto, però una piccola nota sull'ultima riga: le ultime primarie sono state nell'ottobre del 2009, e secondo lo Statuto il segretario rimane in carica 4 anni. Perché si dovrebbero fare prima di questa scadenza altre primarie?
SHARE
Ritratto di Mario
Gio, 07/06/2012 - 10:17
Mario
dallo statuto del PD: Qualora il Partito Democratico aderisca a primarie di coalizione per la carica di Presidente del Consiglio dei Ministri è ammessa, tra gli iscritti del Partito Democratico, la sola candidatura del Segretario nazionale.
SHARE
Ritratto di Francesco Clementi
Gio, 07/06/2012 - 19:23
Fclementi
Ringrazio per i commenti e provo a rispondere un po' a tutti in questo post; 1. è vero che non è automatico tenere le primarie di partito, cioè il Congresso, perché non sono passati i 4 anni previsti. Tuttavia, il Segretario Bersani è libero di ritenere opportuno un Congresso anticipato per motivi politici; 2. è vero che le primarie di coalizione prevedono automaticamente che il Segretario sia il candidato del Pd, senza primarie interne di partito; infatti in merito, non è chiaro a molti (in primis a me) cosa intenda il Segretario del Pd Bersani laddove ha dichiarato al tg1 di "primarie aperte". Ossia, si tratta di primarie di partito o di coalizione? Evidentemente la seconda ipotesi, rende qualsiasi candidato del Pd che decide di correre, a statuto vigente, un candidato contro il "suo" Segretario. E gli anatemi (oltre che i ricorsi, immagino, si sprecherebbero...). 3. Il sito www.candidateandleaderselection.eu è un ottimo sito e gruppo di ricerca. Nondimeno perché lo conosco bene in quanto, pur nelle dinamiche plurime di attività scientifiche, parte in qualità di giurista del "gruppo di lavoro" che opera su queste tematiche. 4. infine, grazie a tutti per aver deciso di contribuire con il vostro tempo a questa riflessione aperta. I commenti, comunque, sono sempre graditi, soprattutto se ragionati. F.C.
SHARE
Ritratto di cinzia opezzi
Mar, 26/06/2012 - 12:18
cinzia opezzi
una domanda: quali sono i requisiti "classici" per partecipare alle primarie in qualità di elettori? (cioè di non iscritti al partito) e si tengono in tutti i comuni, anche quelli piccoli?
SHARE
(In)Clementi
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

Guida (proprio per tutti) alla decorazione delle uova

Un rituale dei giorni della Pasqua, molto adatto per chi ha bambini o nostalgie artistiche
SHARE

Pasqua, la rara coincidenza tra cattolici e ortodossi

Immagine tratta da Flickr: di Tobias Lindman
Le Chiese seguono calendari e sistemi di calcolo diversi, ma quest’anno la data è la stessa
SHARE

L’uomo che dipinge nel cielo delle città

L’artista francese Thomas Lamadieu quando guarda in cielo vede cose che nemmeno ci immaginiamo
SHARE

Gli ingegnosi trucchi dei trafficanti di droga

Foto tratta da: Flickr, di JD Hancock
Politicamente scorretto, lo sappiamo. Ma nel crimine la creatività umana sa trovare grandi risultati
SHARE

5x1000

PRESI DAL WEB