Blog di

di Verso Nord

Chiudiamo il rubinetto ai partiti

Blog post del 13/04/2012

Adesso basta. Chiudiamo subito il rubinetto del finanziamento pubblico ai partiti. Di fronte all’ennesima prova di utilizzo privato di beni e fondi pubblici la gente onesta che paga le tasse e manda avanti questo Paese deve avere la forza di alzarsi in piedi e fermare i partiti.
Gli scandali in casa Lega confermano il degrado raggiunto dall'attuale sistema e dal suo ceto dirigente. Non solo il finanziamento pubblico ha assunto proporzioni imbarazzanti, ma la pervasività della classe politica ha raggiunto ogni ambito della società e dell'economia per conservare rendite di posizione. La miriade di enti, società partecipate e municipalizzate controllate da Comuni, Province e Regioni, sono in realtà postifici, ovvero luoghi utilizzati per garantire posti di lavoro al ceto politico. Gli scopi per cui questi enti e società vengono formalmente istituiti sono secondari. Non si spiega altrimenti la scelta degli enti pubblici di affidare direttamente la gestione dei servizi a tali società, anziché selezionare sul mercato attraverso gare pubbliche, i soggetti migliori (per qualità, esperienza, capacità professionale, prezzo).

La pantomima a cui si assiste in questi giorni è semplicemente ridicola. I dirigenti dei partiti che notte tempo (in genere in pieno agosto) si spartiscono un bottino da 5 a 10 volte le reali spese elettorali sostenute, ora si sbracciano e si sgolano per assicurare che bisogna “fare presto”, “fare subito” e riformare la legge sui partiti e il loro finanziamento.
Da destra a sinistra, questo ceto politico è squalificato. Per venti anni all’Italia sono state negate riforma serie ed efficaci in ciascuno dei campi strategici per il Paese: giustizia, istruzione, mercato del lavoro, fisco, assetto istituzionale. Gli italiani, mentre vedevano assottigliarsi sempre più l’occupazione e la capacità di reddito, hanno assistito inermi a migliaia di zuffe e litigi personali, leggi ad personam e provvedimenti tanto particolari e ristretti da avviare il Paese verso un irrimediabile declino.

Nessuno degli attuali leader politici è quindi legittimato a proporre una vera riforma del sistema partitico. Gli italiani semplicemente non ci credono. La frase che si sente più spesso nelle strade, nei colloqui informali e nei caffè è: “Questi devono andare a casa. Tutti”. Tuttavia, riformare i partiti e definire un sistema di finanziamento, possibilmente non pubblico, è vitale per qualsiasi democrazia. Quindi è urgente mettervi mano. Il governo, in particolare nella figura del presidente del consiglio, ha secondo noi l’autorevolezza e la forza per imporre, di questo si tratta, una riforma a un Parlamento delegittimato nel Paese, ma ancora troppo ancorato ai benefici di cui gode.

                                                                                                            Signor Rossi

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Boko Haram decapita due prigionieri e ne fa un video

Effetto emulazione: anche l’organizzazione terroristica nigeriana segue l’esempio dell’Is

Arrestato Helg presidente Camera commercio di Palermo per estorsione

Bloccato ieri mentre intascava una tangente di 100mila euro da un ristoratore, affittuario di uno spazio dell’aeroporto, si era rivolto a lui per una proroga

Smemoranda

I negativi di maicol&mirco

Maicol&Maicol

Alcol & amore: quanto serve bere al primo appuntamento?

Secondo uno studio britannico - e anche secondo il buonsenso - non molto. Qui ci sono i dati precisi
SHARE

Come preparare la buona birra di una volta

Una ricetta sumera di 5mila anni fa spiega come fare la birra più antica del mondo. Sa di sidro
SHARE

Il business controverso delle banconote per i film

Produrre soldi falsi per il cinema è redditizio, ma può creare problemi con la legge (davvero)
SHARE

Perché i bus in ritardo arrivano tutti insieme

È il fenomeno del "bus bunching": i mezzi arrivano in gruppo. Così un servizio diventa un problema
SHARE

PRESI DAL WEB

Come nasce un capolavoro: il backstage del video di Razzi

Immagini rubate mostrano Antonio Razzi, sul lungomare di Pescara, mentre canta e balla per il suo videoclip "Famme cantà"

La politica non basta più, e Antonio Razzi diventa cantante, con "Famme cantà"

Il brano è una sorta di auto-presa in giro del discusso e discutibile politico, che riprende sue frasi diventate tormentoni e le mette in musica