Blog di

di Verso Nord

Chiudiamo il rubinetto ai partiti

Blog post del 13/04/2012

Adesso basta. Chiudiamo subito il rubinetto del finanziamento pubblico ai partiti. Di fronte all’ennesima prova di utilizzo privato di beni e fondi pubblici la gente onesta che paga le tasse e manda avanti questo Paese deve avere la forza di alzarsi in piedi e fermare i partiti.
Gli scandali in casa Lega confermano il degrado raggiunto dall'attuale sistema e dal suo ceto dirigente. Non solo il finanziamento pubblico ha assunto proporzioni imbarazzanti, ma la pervasività della classe politica ha raggiunto ogni ambito della società e dell'economia per conservare rendite di posizione. La miriade di enti, società partecipate e municipalizzate controllate da Comuni, Province e Regioni, sono in realtà postifici, ovvero luoghi utilizzati per garantire posti di lavoro al ceto politico. Gli scopi per cui questi enti e società vengono formalmente istituiti sono secondari. Non si spiega altrimenti la scelta degli enti pubblici di affidare direttamente la gestione dei servizi a tali società, anziché selezionare sul mercato attraverso gare pubbliche, i soggetti migliori (per qualità, esperienza, capacità professionale, prezzo).

La pantomima a cui si assiste in questi giorni è semplicemente ridicola. I dirigenti dei partiti che notte tempo (in genere in pieno agosto) si spartiscono un bottino da 5 a 10 volte le reali spese elettorali sostenute, ora si sbracciano e si sgolano per assicurare che bisogna “fare presto”, “fare subito” e riformare la legge sui partiti e il loro finanziamento.
Da destra a sinistra, questo ceto politico è squalificato. Per venti anni all’Italia sono state negate riforma serie ed efficaci in ciascuno dei campi strategici per il Paese: giustizia, istruzione, mercato del lavoro, fisco, assetto istituzionale. Gli italiani, mentre vedevano assottigliarsi sempre più l’occupazione e la capacità di reddito, hanno assistito inermi a migliaia di zuffe e litigi personali, leggi ad personam e provvedimenti tanto particolari e ristretti da avviare il Paese verso un irrimediabile declino.

Nessuno degli attuali leader politici è quindi legittimato a proporre una vera riforma del sistema partitico. Gli italiani semplicemente non ci credono. La frase che si sente più spesso nelle strade, nei colloqui informali e nei caffè è: “Questi devono andare a casa. Tutti”. Tuttavia, riformare i partiti e definire un sistema di finanziamento, possibilmente non pubblico, è vitale per qualsiasi democrazia. Quindi è urgente mettervi mano. Il governo, in particolare nella figura del presidente del consiglio, ha secondo noi l’autorevolezza e la forza per imporre, di questo si tratta, una riforma a un Parlamento delegittimato nel Paese, ma ancora troppo ancorato ai benefici di cui gode.

                                                                                                            Signor Rossi

RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Usa, arrestato Michael Phelps per guida in stato di ebbrezza

Lo conferma la polizia stradale del Maryland

Afghanistan, firmato l’accordo di sicurezza con gli Usa

Gli Usa potranno mantenere ancora per un decennio loro militari con funzioni di formazione e assistenza

Ucraina, Ue conferma le sanzioni alla Russia

"Mentre ci sono stati sviluppi politici incoraggianti attorno all'accordo di Minsk. "restano ancora da applicare correttamente alcuni punti essenziali"

Lo scioglimento dei ghiacci cambierà anche la gravità

Diminuendo la massa si modifica anche la gravità. Ma non è una cosa di cui preoccuparsi. Per ora
SHARE

Il futuro come se lo immagina Hollywood (non bello)

Un’infografica raccoglie i 25 film più belli ambientati nel mondo che sarà. Il 75% è una distopia
SHARE

La vita di una donna racchiusa in pochi passi

Un video la racconta come un cammino: mostra il corpo che cambia e i compagni di viaggio
SHARE

Ortaggi e verdure: guida per riconoscere i migliori

Per capire se sono freschi non basta il colpo d’occhio: serve un’expertise che molti non hanno più
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

Come Sam Simon, co-autore dei Simpson, si prepara a morire

Gli è stato diagnosticato il cancro due anni fa: pochi mesi per vivere. Simon è ancora vivo e spende tutti i soldi guadagnati in beneficenza

Vassilis Paleokostas, il delinquente imprendibile che diventa eroe nazionale

Rapinatore di banche, latitante, fugge due volte di galera in elicottero, dona i suoi soldi alle persone che incontra

Una vita in cammino: la donna che ha percorso 15mila chilometri in tre anni

Dalla Siberia al Deserto di Gobi, per spazi immensi e desolati. La storia strana di una donna quarantenne, svizzera, e con un’idea di divertimento originale