Blog di

di Daniela Palma e Guido Iodice

Aumentare i salari minimi non provoca disoccupazione. Evidenze empiriche dagli Stati Uniti

Blog post del 26/06/2012

 

Premessa teorica

La teoria neoclassica dell'occupazione, di cui abbiamo già accennato in passato, sostiene che il livello di occupazione dipenda dall'equilibrio tra domanda e offerta di lavoro in base al suo "prezzo": il salario (in termini reali, cioè in rapporto con il livello dei prezzi). La teoria sostiene che esiste quindi un salario di equilibrio al quale si può realizzare la piena occupazione. Versioni più moderne affermano che in realtà la piena occupazione può non essere raggiunta poiché esiste un livello di disoccupazione "naturale". Cercando di forzare il superamento di questo livello (chiamato NAIRU, Non-Accelerating Inflation Rate of Unemployment, sviluppato da Milton Friedman per spiegare la stagflazione) con politiche pubbliche di piena occupazione, si otterrebbe una forte inflazione e poi il ritorno verso il tasso di equilibrio "naturale".

I neoclassici tuttavia sostengono anche che, nella situazione reale di non concorrenza perfetta sul mercato del lavoro, una serie di imperfezioni possano minare il raggiungimento dell'equilibrio ottimale. Tra queste, un eccessivo potere dei sindacati che realizzi un innalzamento dei salari, o, il che è equivalente, un salario minimo stabilito dallo stato, una misura che esiste in quasi tutti i paesi industriali tranne Germania e Italia, dove la determinazione del salario minimo è demandata alla contrattazione tra sindacati e imprese, tenendo però così fuori molti dei lavoratori con contratti atipici. L'innalzamento del salario minimo porterebbe quindi all'aumento della disoccupazione, tanto più in un periodo di crisi economica. Al contrario, il salario minimo in tali casi andrebbe ridotto, per permettere al mercato del lavoro di trovare un equilibrio migliore, o eventualmente eliminato del tutto.

E', in effetti, ciò che in Europa la Trojka (FMI, UE, BCE) ha chiesto e ottenuto dalla Grecia e in parte dalla Spagna. E' quindi interessante sottoporre a verifica questa asserzione.

 

Evidenze empiriche dagli USA

La tabella che presentiamo qui[1] riguarda gli Stati Uniti e riassume i risultati di diversi studi[2]. A parte pochi casi, riporta dati che vanno dal 2009 al 2011, ovvero durante il timido recupero dell'economia americana, quindi in una situazione di crisi ancora ben presente. Fatto notevole, tutti gli stati considerati avevano alti tassi di disoccupazione superiore all'8%, quindi superiore al tasso di disoccupazione naturale che le stime più "pessimistiche" collocano al 7% per gli USA (quelle più ottimistiche ma meno recenti parlano del 5%).

La prima colonna riporta lo stato considerato, la seconda il momento in cui il salario minimo legale è stato incrementato, la terza il dato di disoccupazione precedente, la quarta colonna l'incremento del salario minimo e infine la quinta e ultima riporta la differenza tra la crescita dell'occupazione nel singolo stato e quella media degli Stati Uniti nell'anno successivo alla decisione di aumento del salario minimo. In diversi casi si tratta di incrementi notevoli, anche superiori al 10%.

Se fosse vera la teoria dell'occupazione neoclassica, il risultato atteso dovrebbe essere il seguente: la maggioranza degli stati dovrebbe riportare una diminuzione dell'occupazione, almeno relativamente alla media nazionale. Inoltre tale diminuzione dovrebbe essere maggiore laddove l'incremento del salario minimo è stato più elevato.

Ma il risultato empirico racconta un'altra storia: 21 casi su 35 vedono l'occupazione aumentare oltre la media nazionale. Inoltre sembra esservi una correlazione positiva tra l'aumento del salario minimo e l'occupazione. Per verificarlo abbiamo raccolto i dati in questo grafico, limitandoci ai casi tra il 2009 e 2011 per omogeneità di analisi.

Un ulteriore e interessante test è il seguente. Si consideri il fatto che l'incremento del salario minimo nominale, ove sia inferiore all'inflazione, risulti comunque una diminuzione del salario minimo reale (ovviamente meno pronunciata rispetto a nessun aumento nominale). Il salario reale è la grandezza che in effetti viene considerata nella teoria neoclassica. Pertanto si potrebbe obiettare che l'incremento dei salari minimi nominali può essere accompagnato da un aumento consistente dell'inflazione, che ridurrebbe il salario minimo reale, o lo farebbe aumentare in modo meno pronunciato rispetto a quello nominale.

Non disponendo del tasso di inflazione per singolo stato, considereremo il tasso di disoccupazione nazionale e, per rafforzare il test, considereremo il picco nel periodo tra il 2009 e il 2012, che è pari al 3,9% raggiunto nell'ottobre 2011. In questo modo, con un ragionevole margine di certezza, abbiamo preso in considerazione tutti e soli i casi in cui non solo il salario minimo nominale è aumentato, ma anche quello reale.

Si nota la "sensibilità" alla variazione del salario minimo è diminuita, così come l'indice di correlazione (r quadro). Tuttavia essa è ancora positiva. Ma la cosa più interessante da notare è che solo 3 casi su 13 (nel grafico alcuni punti sono sovrapposti) vedono una crescita dell'occupazione negativa rispetto alla media nazionale. Nel 77% dei casi l'occupazione è aumentata più della media nazionale. Per di più due casi negativi sono lo stesso stato (il Nevada) considerato nel 2009 e nel 2010, il che potrebbe indicare una particolare situazione locale.

 

Conclusioni

La teoria neoclassica dell'occupazione riceve una parziale smentita dai dati illustrati in questo articolo. In particolare viene smentito uno dei comuni corollari che l'accompagnano, ovvero che i salari minimi costituiscono un impedimento al riequilibrio del mercato del lavoro, con particolare riferimento a una fase di crisi economica.

I dati al contrario mostrano una correlazione positiva tra aumento del salario minimo nominale o reale e l'aumento dell'occupazione proprio negli stati a maggiore tasso di disoccupazione. Dato notevole è che nei casi di aumento del salario minimo oltre il livello di inflazione, uno stato con una elevata disoccupazione ha il 77% di possibilità di accrescere l'occupazione più della media nazionale.

 

Note:

[1] Tratta da: http://www.americanprogressaction.org/issues/2012/06/minimum_wage.html

[2] Studi riassunti nella tabella:

  • Arindrajit Dube, T. William Lester, and Michael Reich, “Minimum Wage Effects Across State Borders: Estimates Using Contiguous Counties,” The Review of Economics and Statistics 92 (4) (2010): 945 – 964.
  • Arindrajit Dube, T. William Lester, and Michael Reich, “Do Frictions in the Labor Market? Accessions, Separations and Minimum Wage Effects.” Working Paper 5811 (IZA Discussion Paper Series, 2011).
  • David Card and Alan B. Krueger, “Minimum Wages and Employment: A Case Study of the Fast-Food Industry in New Jersey and Pennsylvania: Reply,” American Economic Review 90 (5) (2000): 1397-1420.
  • Lawrence F. Katz and Alan B. Krueger, “The Effect of the Minimum Wage on the Fast-Food Industry,” Industrial and Labor Relations Review 46 (1) (1992): 6-21.
  • Sylvia A. Allegretto, Arindrajit Dube, and Michael Reich, “Do Minimum Wages Really Reduce Teen Employment? Accounting for Heterogeneity and Selectivity in State Panel Data,” Industrial Relations 50 (2) (2011): 205-240.

COMMENTI /

Ritratto di Anonimo
Mar, 26/06/2012 - 13:04
vale solo per gli usa. franco
SHARE
Ritratto di Matteo Paternoster
Mar, 26/06/2012 - 13:51
Matteo Paternoster
Da non economista mi sembra che l'analisi abbia dei vizi metodologici non indifferenti: in particolare l'analisi aggregata ha significatività, a me pare, piuttosto bassa. Ci sono interi settori che sono solo marginalmente influenzati dai minimum wages mentre ve ne sono altri (es. Food Preparation and Serving Related, Building and Grounds Cleaning and Maintenance, Personal Care and Service e Farming, Fishing, and Forestry) che hanno una concentrazione della forza lavoro per più del 50% ammassata vicino ai minimum wages. Andrebbero valutati i differenziali settore per settore e per classi di hourly wage.
SHARE
Ritratto di Marco Giovanniello
Mar, 26/06/2012 - 14:03
mgiovanniello
So what? Ovvio che si vorrebbe trarre le stesse conclusioni in Italia, che non c' entra nulla. Guardate all' andamento del costo del lavoro e alla produttività in Italia e in Germania dall' introduzione dell' euro, paragonandola all' andamento del PIL. I dati sono incontrovertibili, l' operaio italiano della FIAT non produce beni (le FIAT) così preziosi o con tale produttività da giustificare il divario di salario con gli stabilimenti serbi, aumentate i salari e qui l' industria morirà, sarà la deindustrializzazione totale. Continuate pure a sognare il salario variabile indipendente, però a sostegno di questa droga pesante non dovreste appropriarvi del nome di Keynes.
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mar, 26/06/2012 - 15:21
Dai, siamo seri, correlazione non e' causazione e l'identificazione e' (appunto) una cosa seria in microeconometria. Consiglio per le letture: http://ideas.repec.org/p/att/wimass/9512.html
SHARE
Ritratto di Anonimo
Mar, 26/06/2012 - 15:22
aumentate i salari e qui l' industria morirà, sarà la deindustrializzazione totale. Beh, mi sembra che anche senza aumentare i salari, la strada intrapresa ci stia portando esattamente a questo bel "traguardo". Wonderful !
SHARE
Ritratto di Massimo Famularo
Mer, 27/06/2012 - 00:47
Massimofamularo
Per chi volesse leggere un'analisi seria sulla questione suggerisco http://noisefromamerika.org/articolo/levidenza-empirica-sul-salario-orario-minimo neanche a dirlo le conclusioni sono differenti
SHARE
Ritratto di Massimo Famularo
Mer, 27/06/2012 - 10:22
Massimofamularo
Alcune osservazioni: http://noisefromamerika.org/articolo/come-distorcere-evidenze-empiriche-piacimento
SHARE
Ritratto di Keynes Blog
Mer, 27/06/2012 - 12:08
Kblog
<p>Alcune repliche: http://keynesblog.com/2012/06/27/salari-minimi-e-occupazione-risposta-alle-critiche/</p>
SHARE
Ritratto di Markthesoothsayer
Mer, 27/06/2012 - 12:03
Markthesoothsayer
Scusate ma l'analisi è affrettata. Non si possono dare numeri alla rinfusa commentando solo parzialmente l'R2.
SHARE
Ritratto di Giulio Zanella
Mer, 27/06/2012 - 15:31
Giulio Zanella
Non ero anonimo, avevo messo tutti i dati e non so perche' non sono apparsi, mi scuso e riporto il commento firmato: Dai, siamo seri, correlazione non e' causazione e l'identificazione e' (appunto) una cosa seria in microeconometria. Consiglio per le letture: http://ideas.repec.org/p/att/wimass/9512.html
SHARE
Ritratto di Keynes Blog
Gio, 28/06/2012 - 10:31
Kblog
<p>Non abbiamo neppure sostenuto che la correlazione fosse significativa, figuriamoci se intendevamo sostenere una rleazione causa-effetto.</p> <p>Straw man fallacy</p>
SHARE
Ritratto di Andrea Serafino
Gio, 28/06/2012 - 15:10
Andrea Serafino
Allora dovete cambiare il titolo dell'articolo: "Correlazioni spurie tra salario minimo e disoccupazione".
SHARE
Ritratto di luigi
Mer, 27/06/2012 - 19:35
luigi
@Giulio: keynesblog è troppo impegnato nella sua battaglia ideologica per accorgersene, ma il paper che linkano, Arindrajit Dube, T. William Lester, and Michael Reich, è, da quel punto di vista, interessante: http://www.irle.berkeley.edu/workingpapers/157-07.pdf
SHARE
RESTA AGGIORNATO
Iscriviti per non perdere gli articoli e i post del giorno.
Acccetto le condizioni sulla privacy

BREAKING NEWS

Cgil: in 9 mesi 1 milione di lavoratori in cassa integrazione

A settembre +44% per le ore di cassa richieste

La navetta spaziale Virgin Galactic si schianta: un morto e un ferito

Incidente durante un volo di test dello “spazioplano”' sub-orbitale sperimentale. La società del magnate Richard Branson: "sperimentata un'anomalia"

Burkina Faso, vince la rivoluzione. Compaoré lascia: “Ora elezioni libere”

Questa mattina un milione, forse un milione e mezzo di persone hanno occupato la piazza della Nazione, nel centro della capitale Ouagadougou

I pezzi degli scacchi che sopravvivono più a lungo

Senza dubbio il re, che non viene mai toccato. Il più sfortunato, invece, è un pedone
SHARE

Altro che Halloween, vi presentiamo le vere streghe

Donne emarginate ma con un potere enorme e grande fascino: facevano paura, e vennero demonizzate
SHARE

La dura vita di uno scheletro

Tutto molto più difficile: dalla colazione agli appuntamenti. Per non parlare di Halloween
SHARE

La teoria dell’evoluzione, spiegata in modo chiaro

Per chi crede di averla capita bene e per chi ha bisogno di sciogliere alcuni dubbi al riguardo
SHARE
Quitaly Compra la raccolta dei reportage di Quit su Amazon e Ibs.it

PRESI DAL WEB

La crisi nel bicchiere: i vini francesi soffrono il cambiamento climatico

Non è più un problema solo teorico: per i viticoltori d’Oltralpe il caldo ha danneggiato la produzione, rovinando un’intera stagione

Anche la Merkel adesso ha il suo emoticon

Lo hanno segnalato in tanti, soprattutto in Francia: ferma, con le mani a losanga. È la Merkel, e tutti la riconoscono

Se pensi di essere un genio allora sei un pazzo

Entrambe le categorie prestano attenzione a particolari che altri ignorano o danno per scontati